La guerra francese e indiana

guerra francese e indiana
Una rappresentazione artistica dei combattimenti durante la guerra francese e indiana

La guerra franco-indiana (1754-63) fu un conflitto che coinvolse la Gran Bretagna, la Francia, le loro colonie nel Nord America e varie tribù di nativi americani. La guerra fu innescata da controversie territoriali tra coloniali britannici e coloni francesi nell’America nord-orientale, per poi espandersi in un conflitto globale più ampio chiamato Guerra dei Sette Anni. La Gran Bretagna ne uscì vittoriosa e gli equilibri di potere nel Nord America furono cambiati in modo significativo. Sia la Gran Bretagna che la Francia dovettero sostenere notevoli costi finanziari che contribuirono allo scoppio di due rivoluzioni.

I francesi nel Nord America

La rivalità e il conflitto tra i coloni britannici e francesi nel Nord America risalivano a quasi 150 anni prima dello scoppio della guerra franco-indiana. I francesi arrivarono nel continente a metà del 1500 e fondarono il Quebec nel 1608. Questi primi insediamenti francesi erano piccoli e talvolta caddero preda delle incursioni o dei corsari inglesi.

A metà del 1600, il governo reale francese iniziò ad assumere un ruolo più attivo nella Nuova Francia, come chiamavano i territori americani. Agli intrepidi francesi furono offerti incentivi finanziari per trasferirsi lì e la prima guarnigione militare fu schierata in Quebec nel 1665. A quel tempo, l’interesse della Francia per il Nord America era in gran parte guidato dal lucroso commercio di pellicce.

Per la maggior parte, i francesi erano più interessati all’esplorazione e al commercio che alla creazione di grandi popolazioni, città e governi. I loro coloni penetrarono in profondità nel Canada e lungo le valli del Mississippi e dell'Ohio, rivendicando queste terre per la Francia e stringendo buoni rapporti personali e commerciali con la maggior parte delle tribù di nativi americani che incontrarono.

Nonostante la Nuova Francia fosse un territorio vasto (circa 8 milioni di chilometri quadrati), era scarsamente popolata. Il numero dei coloni francesi allo scoppio della guerra era compreso tra 60,000 e 70,000, rispetto ai quasi 2 milioni residenti nelle colonie britanniche.

Scoppio della guerra

La Gran Bretagna e la Francia erano state in uno stato di rivalità imperiale nel secolo precedente, entrando in guerra tre volte. Lo scoppio della guerra franco-indiana, tuttavia, fu innescato dalle tensioni nordamericane piuttosto che da questioni globali.

Per decenni, i coloni britannici si erano trasferiti nel territorio nominalmente francese a ovest e nord-ovest degli Appalachi. I coloni di entrambe le nazionalità eressero una serie di forti e rivendicarono piste di castori e corsi d'acqua. In tal modo, ciascuno ignorava regolarmente le affermazioni dell’altro.

Nel 1750, i francesi avevano rafforzato la loro presenza lungo una linea che correva dal Canada attraverso i Grandi Laghi e scendeva fino al fiume Ohio. Una maggiore presenza militare francese nell'area, non lontano dai confini occidentali esistenti, generò un certo allarme nelle colonie britanniche.

Nel 1753, un giovane ufficiale della milizia della Virginia di nome George Washington fu inviato nella Pennsylvania occidentale per avvertire i francesi della loro invasione nel territorio britannico. Washington fu accolto calorosamente dai comandanti francesi ma le sue richieste furono respinte.

Il maggio successivo, un gruppo di circa 50 uomini comandati da Washington sconfisse un plotone francese più piccolo a Jumonville Glen, nell'attuale Pennsylvania. La maggior parte degli storici considera questa la prima battaglia della guerra franco-indiana.

Una guerra di fortezze

Come molte guerre coloniali dell'epoca, la guerra franco-indiana fu un conflitto in cui le fortezze venivano utilizzate strategicamente per rivendicare e mantenere il territorio. In un'epoca in cui l'artiglieria era meno mobile, queste fortezze erano spesso difficili da penetrare o invadere.

Dopo la vittoria a Jumonville Glen, Washington iniziò la costruzione di una rozza difesa a Fort Necessity. All'inizio di luglio 1754 fu minacciata da una forza di diverse centinaia di soldati francesi, milizie e nativi americani. Pesantemente in inferiorità numerica, Washington fu costretta a negoziare. Il documento di resa che alla fine firmò era in francese, una lingua che non capiva, e conteneva un'imbarazzante ammissione personale di responsabilità.

Con l'escalation della violenza, la Gran Bretagna inviò il maggiore generale Edward Braddock in Nord America per prendere il comando della situazione. Braddock arrivò nel febbraio 1755 e, dopo aver incontrato i governatori coloniali e i comandanti delle milizie, formulò una strategia per cacciare i francesi dalla regione di Allegheny. La sua prima incursione in battaglia (luglio 1755) fu tuttavia disastrosa e lo stesso Braddock fu ucciso a colpi di arma da fuoco.

Queste battaglie lungo la frontiera continuarono. Quando Parigi incrementò l’intensità inviando un gran numero di truppe regolari e navi da guerra nel Nord America, gli inglesi risposero dichiarando guerra alla Francia nel maggio 1756.

I primi disastri

Le campagne iniziali della Gran Bretagna furono disastrose, soprattutto a causa di una leadership incompetente. Il primo comandante in capo britannico, William Shirley, fu coinvolto in faide personali e non riuscì a raccogliere un sostegno sufficiente. All'inizio del 1756, Shirley fu sostituita da Lord Loudon, un ufficiale di carriera con poca esperienza e un temperamento discutibile.

Nell'agosto del 1757, circa 8,000 truppe francesi e native americane assediarono Fort William Henry, una guarnigione britannica sul lago George, nel nord di New York. Circondato e irrimediabilmente in inferiorità numerica, il comandante del forte, il colonnello George Munro, si arrese al suo rivale francese, Louis-Joseph de Montcalm. Ai 2,000 soldati e civili britannici all'interno del forte fu permesso di andarsene, ma un numero indeterminato fu successivamente massacrato dai nativi alleati dei francesi.

Questi disastri crearono alcuni sconvolgimenti politici a Londra, provocando un cambio di governo. Nel 1758, il primo ministro entrante, William Pitt, cercò di ampliare il focus della guerra attaccando i possedimenti francesi in Canada e nell'Africa occidentale. In combinazione con una rinnovata campagna nella valle del fiume Ohio, questo mise a dura prova le risorse francesi e produsse alcune vittorie significative nel 1758-59.

Tensioni anglo-americane

La guerra franco-indiana creò attriti tra comandanti britannici e leader coloniali. C'è stata, in generale, una carenza di unità politica e di cooperazione da parte delle 13 colonie per quanto riguarda la continuazione della guerra.

Con lo svolgersi della guerra, la Gran Bretagna inviò più di 10,000 soldati regolari in America. Dispiegare, spostare, alloggiare e nutrire questa forza era un'attività difficile e costosa, che costava oltre 300,000 sterline all'anno.

I comandanti britannici si aspettavano di ricevere sostegno dai coloni americani sotto forma di servizio militare volontario da parte delle milizie coloniali e di alloggi e rifornimenti da parte delle milizie coloniali. governi coloniali. Questo non è stato fornito in modo coerente. Le richieste di milizie coloniali o di manodopera venivano spesso respinte. Lo stesso vale per le richieste di acquartieramento per le truppe regolari britanniche.

I coloni che vivevano più vicini al conflitto – ad esempio, nella parte settentrionale dello stato della Pennsylvania, a New York e lungo la frontiera – avevano uno stretto interesse a fermare l’avanzata francese, quindi fornirono unità della milizia che prestassero servizio sotto il comando britannico. Ciò creò i suoi problemi perché molte milizie coloniali erano mal gestite o guidate, spesso da ufficiali britannici altezzosi che avevano poca considerazione per loro.

Un'altra significativa fonte di tensione era il continuo commercio illegale tra le colonie e la Francia, anche durante la guerra, quando tecnicamente si trattava di un atto di tradimento. Avendo maggiore bisogno di importazioni americane, i coloni francesi nelle Indie occidentali e altrove offrirono prezzi ancora più alti, rendendo il commercio di contrabbando ancora più redditizio. Nel 1759, Thomas Penn scrisse che il porto di Filadelfia "brulicava di [navi francesi] che scaricavano carichi illegali, ingannando il re del suo dovere [e] trasportando provviste e denaro contante al nemico".

Risultati e conseguenze

L'esito della guerra fu una vittoria completa per gli inglesi. Il Trattato di Parigi (1763) pose tutte le terre a est del fiume Mississippi, così come l’attuale Canada, sotto il controllo dell’Inghilterra. I francesi furono rimossi come forza politica nell'America settentrionale orientale, sebbene rimanessero migliaia di loro coloni.

Questa vittoria britannica ebbe un costo considerevole. La guerra franco-indiana lasciò la Gran Bretagna con un deficit considerevole di 130 milioni di sterline, quasi raddoppiando il debito nazionale. Anche l’onere di gestire e proteggere grandi quantità di nuovo territorio nel Nord America ricadde su Westminster, insieme ai costi per farlo.

Con metà del continente americano ormai sotto il suo controllo, il Parlamento britannico si interessò maggiormente alle leggi e alla politica coloniale. L'espansione e l'insediamento nei nuovi territori occidentali necessitavano di essere regolati e controllati. Si riteneva inoltre che le colonie americane, non avendo avuto il loro peso nel conflitto, necessitassero di una supervisione e di una gestione più strette.

“Nelle colonie continentali la gente accendeva falò e organizzava parate per celebrare la vittoria della Gran Bretagna e la sicurezza dei propri confini. [Ma] la guerra ha lasciato cicatrici, compresi i ricordi dell'arroganza dei militari britannici verso i soldati provinciali e il persistente risentimento per lo acquartieramento di soldati britannici a spese coloniali. I coloni erano consapevoli che anche gli inglesi avevano motivo di risentimento, in particolare il proficuo commercio che alcuni americani avevano portato avanti con il nemico, anche nel mezzo della guerra. Sospetto e risentimento, un crescente senso di differenza, uno strattone di lealtà tra la comunità locale e l'impero più grande: questi erano i risultati inaspettati di una gloriosa vittoria ".
Carol Berkin, storica

guerra franco-indiana

1. La guerra franco-indiana fu un conflitto tra la Gran Bretagna, la Francia, le loro colonie nel Nord America, nonché le tribù dei nativi americani alleate di entrambe le nazioni.

2. Fu innescato dagli scontri sul territorio tra coloni britannici e francesi nell'America nordorientale nel 1754-55. Gli inglesi dichiararono guerra alla Francia nel 1756, provocando un conflitto più ampio chiamato Guerra dei Sette Anni.

3. La guerra mise in luce alcune contraddizioni e tensioni tra gli inglesi e le loro colonie americane, che non riuscirono a sostenere adeguatamente lo sforzo bellico con uomini e materiali.

4. Anche l’atteggiamento coloniale nei confronti della guerra ha sollevato preoccupazioni. Molti lo consideravano un conflitto imperiale che non erano obbligati a sostenere. Anche durante la guerra continuò il commercio illegale con i francesi.

5. La Gran Bretagna emerse vittoriosa nel 1763, ma a caro prezzo. L’acquisizione di nuovi e vasti territori richiese una maggiore attenzione all’America e un cambiamento nella politica coloniale di Westminster.

Informazioni sulla citazione
Titolo: “La guerra franco-indiana”
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/french-and-indian-war
Data di pubblicazione: Luglio 14, 2019
Data di aggiornamento: 20 Novembre 2023
Data di accesso: 25 aprile 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.