Storico: Howard Zinn

howard zinn

Nome: Howard Zinn

Vissuto: 1922-2010

Nazionalità: Americano

Professione: Storico, accademico

Libri: La politica della storia (1970) Una storia popolare degli Stati Uniti (1980) Howard Zinn sulla storia (2000).

Prospettiva: Ala sinistra

Howard Zinn fu uno degli intellettuali di sinistra americani più popolari ma più divisivi della fine del 20 secolo.

Nato a New York City da migranti ebreo-ungheresi, Zinn prestò servizio come bombardiere con l'esercito americano durante la seconda guerra mondiale. Secondo Zinn, le sue opinioni politiche sono state modellate dalle sue esperienze nelle ultime settimane di guerra. In un'occasione la sua unità fu mandata in luoghi bomba senza valore militare strategico; le incursioni uccisero centinaia di civili e ritirarono i soldati tedeschi.

Dopo la guerra, Zinn tornò negli Stati Uniti e studiò storia alle università di New York e Columbia. Ha conseguito il dottorato in 1958 e ha trascorso i successivi tre decenni a ricercare e tenere conferenze in diversi college, in particolare la Boston University.

Il testo più noto di Zinn, Una storia popolare degli Stati Uniti, è stato pubblicato nel 1980. Racconta la storia della nazione americana dalla colonizzazione al Vietnam Wa, da prospettive che di solito vengono ignorate dagli storici accademici.

A differenza dei resoconti di Whig che spiegano la storia americana come una marcia del progresso, Storia di un popolo si concentra sul maltrattamento, lo sfruttamento e le aspirazioni contrastate delle minoranze e delle classi lavoratrici. 

Il punto di vista di Zinn era che le storie tradizionali americane fossero in sintonia con le élite sociali ed economiche della nazione. Le tragedie causate dalla guerra, dalla disuguaglianza o dallo sfruttamento economico vengono regolarmente ignorate o banalizzate. Le trasgressioni e gli errori dei governi vengono ignorati o spiegati. Le misure progettate per costringere o controllare le persone sono descritte come necessarie o benevoli. Storia di un popolo ha cercato di riparare questo squilibrio.

Per quanto riguarda la rivoluzione americana, Howard Zinn la considera un prodotto artificioso delle élite coloniali, una serie di risposte ostili alla politica, al commercio e alla tassazione britannica che hanno esagerato i pericoli di queste cose.

Lo scopo della rivoluzione, sostiene Zinn, era di deviare la rabbia di classe coloniale degli anni Sessanta del Settecento, spostandola dalle assemblee coloniali al governo britannico.

In questo modo, l'élite rivoluzionaria è stata in grado di prendere il controllo di una parte dell'Impero britannico e governarlo come se fosse il proprio. Hanno convinto gli americani comuni a sostenerli, usando ideologie politiche fabbricate, paranoia anti-britannica e nazionalismo americano. La rivoluzione, i suoi leader ei suoi documenti fondamentali - la Dichiarazione di indipendenza, la Costituzione e la Carta dei diritti - furono successivamente reinventati come artefatti sacri e divennero immuni da critiche o contestazioni.

Secondo Storia di un popolo, la Costituzione era un mezzo avanzato di legge, controllo e coercizione, piuttosto che un brillante dono dei benevoli "padri fondatori".

Citazioni

“È possibile, leggendo storie standard, dimenticare metà della popolazione del paese. Gli esploratori erano uomini, i proprietari terrieri ei mercanti uomini, i leader politici uomini, i militari uomini ".

“Nel 1776, alcune persone nelle colonie inglesi fecero una scoperta: scoprirono che creando una nazione, un simbolo, un'unità legale chiamata Stati Uniti, potevano impossessarsi della terra, dei profitti e del potere politico dell'Impero britannico. Nel processo, potrebbero frenare una serie di potenziali ribellioni e creare un consenso di sostegno popolare per il governo di una nuova leadership privilegiata. Quando guardiamo alla rivoluzione americana in questo modo, è stata un'opera geniale ".

“La leadership rivoluzionaria diffidava delle folle di poveri. Ma sapevano che la rivoluzione non aveva alcun fascino per gli schiavi e gli indiani. Dovrebbero corteggiare la popolazione bianca armata ".

"Sembrava che la maggior parte dei coloni bianchi, che avevano un po 'di terra, o nessuna proprietà, fosse ancora meglio degli schiavi, dei servi a contratto o degli indiani, e potesse essere corteggiata nella coalizione della Rivoluzione".

"Questo era il dispositivo tradizionale con cui i responsabili di qualsiasi ordine sociale mobilitano e disciplinano una popolazione recalcitrante, offrendo l'avventura e le ricompense del servizio militare per convincere i poveri a combattere per una causa che potrebbero non vedere chiaramente come propria".

"[Era] un dispositivo meravigliosamente utile, il linguaggio della libertà e dell'uguaglianza che poteva unire i bianchi quanto bastava per combattere una rivoluzione, senza porre fine né alla schiavitù né alla disuguaglianza".

"Il linguaggio ispiratore è ancora usato, nel nostro tempo, per coprire gravi conflitti di interesse in un apparente consenso e per coprire, anche, l'omissione di gran parte della razza umana."

"Sembra che la ribellione contro il dominio britannico abbia permesso a un certo gruppo dell'élite coloniale di sostituire quelli fedeli all'Inghilterra, dare alcuni vantaggi ai piccoli proprietari terrieri e lasciare i poveri lavoratori bianchi e gli affittuari nella loro vecchia situazione".

“Si potrebbe guardare, esaminando l'effetto della Rivoluzione sui rapporti di classe, a quello che è successo alla terra confiscata ai lealisti in fuga. È stato distribuito in modo tale da dare una doppia opportunità ai leader rivoluzionari: arricchire se stessi ei loro amici, e dividere un po 'di terra ai piccoli agricoltori per creare un'ampia base di sostegno per il nuovo governo "

“Le nuove costituzioni che furono redatte in tutti gli stati dal 1776 al 1780 non erano molto diverse da quelle vecchie. Sebbene in alcuni casi le qualifiche per la proprietà per il voto e per il possesso di cariche siano state ridotte, in Massachusetts sono state aumentate. Solo la Pennsylvania li ha aboliti totalmente ".

“La posizione inferiore dei neri, l'esclusione degli indiani dalla nuova società, l'instaurazione della supremazia per i ricchi e potenti nella nuova nazione - tutto questo era già stabilito nelle colonie al tempo della Rivoluzione. Con gli inglesi fuori mano, ora potrebbe essere messo nero su bianco, solidificato, regolarizzato, reso legittimo, dalla Costituzione degli Stati Uniti ".

“Alla Convenzione costituzionale, [Alexander] Hamilton ha suggerito un presidente e un senato scelti a vita. La Convenzione non ha accolto il suo suggerimento. Ma non prevedeva nemmeno elezioni popolari, tranne nel caso della Camera dei rappresentanti, dove le qualifiche erano stabilite dalle legislature statali (che richiedevano il possesso di proprietà per il voto in quasi tutti gli stati), ed escludeva donne, indiani e schiavi ".

"La Costituzione serve gli interessi di una ricca élite - consente all'élite di mantenere il controllo con un minimo di coercizione, un massimo di legge tutto reso possibile dalla fanfara del patriottismo".

“Il problema della democrazia nella società post-rivoluzionaria non erano i limiti costituzionali al voto. Si trovava più in profondità, al di là della Costituzione, nella divisione della società in ricchi e poveri. Perché se alcune persone avessero una grande ricchezza e una grande influenza - se avessero la terra, i soldi, i giornali, la chiesa, il sistema educativo - come potrebbe il voto, per quanto ampio, ridurre tale potere? "

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: Howard Zinn"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/historian-howard-zinn/
Data di pubblicazione: 17 Marzo 2015
Data di accesso: 16 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.