Il primo congresso continentale

primo congresso continentale
Una rappresentazione artistica del primo congresso continentale in 1774

Con i Coercive Acts che impongono sanzioni politiche ed economiche a Boston, i radicali del Massachusetts hanno intensificato la loro campagna di propaganda. I gruppi chiave coinvolti in questo erano i Comitati di corrispondenza, che erano nati nel 1772-3 sulla scia dei tentativi britannici di pagare autonomamente governatori e funzionari reali. Samuel Adams era una figura di spicco in questi comitati e ben presto esistevano più di 300 capitoli separati intorno alle tredici colonie, più di un terzo dei quali a Boston e dintorni. Costituiti da uomini della classe media e alta, hanno lavorato con studio alla luce dei lampioni in taverne e case private, formulando, redigendo, copiando e sigillando lettere e affissi da far circolare nelle altre 12 colonie. Il loro scopo era promuovere la situazione del Massachusetts come quella delle altre province; ciò che stava accadendo a Boston poteva facilmente accadere a Filadelfia, New York, Richmond o Charleston. Sulla scia degli Atti coercitivi o "intollerabili", la loro scrittura è aumentata e anche uno dei loro suggerimenti è stato realizzato: un vertice intercoloniale per discutere i preoccupanti eventi di Boston.

Il primo Congresso Continentale si è riunito a Carpenter's Hall, Filadelfia, Pennsylvania per un periodo di sei settimane nel settembre-ottobre 1774. Si è aperto con una preghiera, chiedendo a Dio di sostenere la causa americana (vedi figura). Nella sua prima incarnazione, il Congresso era composto da 55 uomini provenienti da dodici colonie. Alcuni dei 55 che hanno partecipato al primo Congresso erano rivoluzionari chiave: Samuel Adams e suo cugino John Adams, entrambi del Massachusetts; George Washington, Patrick Henry e Richard Henry Lee della Virginia; e John Jay di New York. Questi delegati non sono stati necessariamente eletti per partecipare; la loro presenza era più legata alla possibilità di finanziare il viaggio a Filadelfia. Tuttavia, si consideravano rappresentanti delle loro singole colonie, anche se nessuno di loro sembrava identificare il significato di questo raduno. Proprio come i suoi predecessori, l'Albany Congress (1754) e lo Stamp Act Congress (1765), il Congresso continentale era un organo unico, inteso a discutere un problema particolare - ma entro un anno sarebbe diventato un comitato di guerra; entro due anni sarebbe stato il governo de facto di una nuova nazione.

Il punto di vista di uno storico:
"I delegati più moderati [del primo Congresso], compreso Joseph Galloway, sostenevano che il sistema coloniale fosse salvabile e proposero un piano, chiedendo un nuovo governo americano, guidato da un presidente generale nominato dalla corona e da un gran consiglio, i cui membri sarebbero stati selezionati dai governi coloniali. Questo governo avrebbe il potere di porre il veto a qualsiasi atto parlamentare che colpisse le colonie. I radicali erano la maggioranza al Congresso e il piano di Galloway non è stato accettato ".
Alan Axelrod

I delegati hanno discusso caldamente degli atti e delle condizioni coercitivi in ​​Massachusetts. Non tutti erano pienamente comprensivi: c'erano molti delegati che credevano che i Bostoniani fossero gli architetti del loro stesso destino, grazie alla loro belligeranza e testardaggine. I delegati meridionali, in particolare, pensavano che le azioni dei radicali di Boston fossero troppo eccessive. I delegati concordarono però su diversi principi: che gli inglesi non avevano il diritto di tassare le colonie americane mentre non erano rappresentate; che l'interferenza legale e politica britannica nelle colonie era incostituzionale; e che il Quebec Act era in diretta violazione dei diritti e degli interessi delle attuali colonie britanniche. Hanno redatto lo Statuto, che ha delineato queste lamentele in una serie di petizioni promettendo un boicottaggio commerciale organizzato e unificato delle merci britanniche fino a quando Westminster non ha adattato le sue attuali politiche. Gli articoli stabiliscono anche parametri per la frugalità coloniale, dettando ciò che le donne potrebbero indossare per evitare l'acquisto di nuovi capi di abbigliamento (britannici). Riconoscendo che sarebbe necessaria una revisione per accertare il successo dello Statuto sociale, il Congresso si è impegnato a riconvocare a maggio 1775, circa sette mesi dopo. I delegati non lo sapevano, ma quando si sarebbero incontrati di nuovo, gli americani e gli inglesi si sarebbero trovati in uno stato di aperto conflitto.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il primo congresso continentale"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/first-continental-congress/
Data di pubblicazione: Gennaio 27, 2015
Data di accesso: Dicembre 05, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.