Samuel Adams

Samuel Adams era un uomo d'affari, scrittore e personaggio politico del Massachusetts, noto per il suo attivo attivismo e le sue idee politiche radicali. Dalla metà degli anni Sessanta del Settecento, Adams divenne l'agitatore capo della rivoluzione americana, al punto che gli inglesi, secondo quanto riferito, lo dichiararono "l'uomo più pericoloso d'America".

samuel adams

vita in anticipo

Adams è nato a Boston in 1722. Suo padre, anche Samuel Adams, era un ricco mercante di Boston, un devoto leader della chiesa puritana e un legislatore nell'assemblea del Massachusetts. Gli Adams si iscrissero al Samuel 14 per studiare teologia ad Harvard, gettando le basi per una carriera religiosa. Samuel Junior trovò forti interessi in legge e in politica, quindi abbandonò i piani per entrare in chiesa, sebbene rimase devotamente religioso. 

Durante i suoi anni ad Harvard, gli investimenti del padre di Adams in una "banca fondiaria" e le emissioni di valuta cartacea furono rovinati dai cambiamenti nella politica britannica. La famiglia ha perso la maggior parte dei propri beni ed è stata portata sull'orlo della bancarotta; i reclami sulla loro proprietà continueranno per i prossimi 20 anni. Di conseguenza, Samuel Adams aveva esperienza di politiche britanniche arbitrarie e motivi personali per odiarle.

Adams si laureò ad Harvard nel 1743. Fece diversi tentativi infruttuosi di avviare un'attività, tuttavia, non era bravo con i soldi e la maggior parte delle sue imprese fallì. In un'occasione ha prestato metà del suo capitale a un amico, che non l'ha mai ripagato. Adams finì per gestire il malto di famiglia, producendo malto per la produzione di birra (spesso viene erroneamente definito un birraio).

Giornalista e dipendente pubblico

Verso la metà dei vent'anni, Adams era attivo come giornalista, scrivendo e pubblicando un giornale indipendente contenente saggi politici e polemiche. Una delle sue preoccupazioni particolari erano le violazioni dei diritti locali, come gli episodi di impressione (lavoratori forzati in servizio nella Royal Navy). Adams era anche critico nei confronti delle élite locali, che considerava troppo preoccupate per il denaro e troppo strettamente allineate con la Gran Bretagna.

Nel 1757, Adams accettò una posizione per riscuotere le tasse dai cittadini di Boston, ma le sue stesse esperienze resero Adams un esattore delle tasse indulgente e molti debiti non furono riscossi. Verso la metà degli anni Sessanta del Settecento, la negligenza di Adams aveva lasciato alla città più di 1760 sterline in arretrato, anche se come esattore delle tasse che riscuoteva poche tasse era popolare tra il pubblico.

Il punto di vista di uno storico:
“Il massacro di Boston illustra ancora una volta perché è sbagliato dipingere Samuel Adams come il 'custode' di una folla addestrata. Adams non ha creato l'attrito che ha prodotto ripetuti scontri tra soldati e civili; non ha diretto la folla che si è avventurata in King Street quella notte ... [ma] ha certamente usato il massacro per far uscire le truppe britanniche rimanenti da Boston ".
John K. Alexander

Attivismo politico

L'interesse di Adams per le questioni politiche raggiunse il culmine con la nomina nel 1760 di un nuovo governatore, Francis Bernard, e le azioni del luogotenente governatore, Thomas Hutchinson. Adams odiava Hutchinson, un membro dell'aristocrazia lealista e indirettamente coinvolto nella politica che quasi mandò in bancarotta Adams Senior.

Adams si è coinvolto in discussioni e riunioni politiche. Fu invitato a unirsi all'influente Caucus Club di Boston, una cricca di imprenditori e commercianti che lavoravano dietro le quinte per controllare le riunioni cittadine e influenzare gli appuntamenti politici.

Nel 1764, Adams si oppose vigorosamente sia allo Sugar Act che a una tassa di bollo proposta sia per motivi economici (sostenendo che avrebbero avuto un impatto disastroso sull'economia del Massachusetts) che per validità costituzionale (sostenendo che il parlamento britannico non aveva il diritto costituzionale di approvare nessuna delle due politiche). I discorsi e gli articoli di Adams migliorarono la sua reputazione pubblica e la sua influenza all'interno del Caucus Club.

samuel adams
L'ingresso di Adams nella vita politica avvenne come scrittore e giornalista

Politico coloniale

Nel 1765, Adams fu eletto all'assemblea coloniale del Massachusetts. Il mandato di Adams come politico coloniale era insolito a causa dei suoi legami di base con i comuni bostoniani. Sebbene i suoi colleghi legislatori non fossero molto interessati al sostegno pubblico, Adams lo coltivava e talvolta lo sfruttava. Era un abile organizzatore politico, in seguito descritto da uno storico come "il primo politico professionista americano".

Adams ha mantenuto le sue critiche alle politiche fiscali britanniche, esprimendo dubbi sulla loro costituzionalità. Nel 1765 Adams, essendo un abile scrittore, fu chiamato dall'assemblea del Massachusetts a redigere risoluzioni in risposta allo Stamp Act. Il suo progetto radicale condannava la politica britannica e rivendicava i diritti naturali delle colonie.

Alla fine del 1767, Adams suggerì il boicottaggio delle importazioni britanniche come misura di protesta contro la legislazione sulle entrate di Townshend. Adams non era ancora a favore dell'indipendenza, almeno non pubblicamente; suo cugino John Adams ha osservato che Samuel era "sempre per morbidezza e delicatezza, e prudenza dove faranno".

samuel adams
Una statua di Adams fuori dalla Faneuil Hall di Boston

La lettera circolare 1768

Il radicalismo di Adams ebbe l'apice degli eventi nel 1768. A febbraio redasse una lettera circolare a nome dell'assemblea del Massachusetts. Questa lettera dichiarava che il Revenue Act sponsorizzato dal Townshend era sia incostituzionale che inaccettabile perché non era stato approvato dai rappresentanti coloniali.

Infuriato da questa sfida alla sua autorità, Westminster ordinò al legislatore del Massachusetts di ritirare la lettera dalla circolazione. Quando rifiutò, il governatore Francis Bernard sciolse l'assemblea e Londra aumentò il numero delle truppe in Massachusetts.

Per Adams e la sua coorte radicale, questa era una violazione inaccettabile delle loro libertà. Una serie di articoli anonimi, la maggior parte dei quali scritti quasi certamente da Adams, iniziò ad apparire sui giornali di New York con il titolo "A Journal of Occurrences". Erano racconti orribili o squallidi che coinvolgevano soldati a Boston - da giubbe rosse ubriache che urinavano per le strade ad aggressioni feroci contro innocenti bostoniani, persino aggressioni sessuali a donne locali. La maggior parte di questi racconti erano o selvaggiamente esagerati o basati su voci più che su fatti, tuttavia, hanno avuto l'effetto desiderato. Il massacro di Boston (marzo 1770) sembrava confermare alcuni dei presentimenti di Adams sulla presenza delle truppe britanniche.

Adams il rivoluzionario

Entro la metà del 1770, il parlamento aveva abrogato le misure di Townshend, escludendo il dazio sul tè. Le relazioni anglo-americane si allentarono e molte delle voci più radicali degli anni Sessanta del Settecento - come James Otis, John Hancock e John Adams - erano diventate meno vocali. Questo non era il caso di Samuel Adams, che ha continuato a resistere alle imposizioni britanniche in America.

Nel 1772, Adams organizzò comitati di corrispondenza per protestare contro una proposta britannica che i governatori e i funzionari reali fossero pagati da Londra piuttosto che dalle assemblee coloniali. Ha mantenuto i suoi attacchi a Thomas Hutchinson, ormai il governatore ad interim. A metà del 1773, Adams svelò un paio di lettere private di Hutchinson, inclusa una nota che suggeriva che Londra avrebbe dovuto considerare di ritirare alcune delle libertà di cui godevano le persone e i politici del Massachusetts.

Infine, Adams si scagliò contro il Tea Act e il suo triplice scopo: inondare le colonie con tè britannico in eccedenza, escludere i commercianti di tè americani e raccogliere entrate sotto forma di tè. Adams ha sollevato l'opposizione al Tea Act e ha organizzato un blocco per impedire che il tè britannico venisse scaricato a Boston. Ha parlato con calore alla riunione pubblica che ha preceduto il Boston Tea Party. Il suo livello di coinvolgimento nel Tea Party non è chiaro ma sicuramente lo ha sostenuto dopo il fatto.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Samuel Adams"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/john-adams/
Data di pubblicazione: Gennaio 28, 2015
Data di accesso: 30 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.