Le tredici colonie

Colonie 13
Una mappa delle colonie britanniche 13 in Nord America prima della rivoluzione.

La rivoluzione americana si svolse in 13 colonie britanniche sparse lungo la costa orientale del Nord America. In quanto province dell’Impero britannico, le 13 colonie condividevano un patrimonio comune e somiglianze, ma c’erano anche notevoli differenze nella geografia, nel clima, nelle risorse naturali, nella popolazione, nella produzione economica e nel governo.

Scoperta e insediamento europeo

L'America del Nord orientale fu colonizzata per la prima volta da cinque nazionalità europee tra la fine del XVI e l'inizio del XVII secolo. Inizialmente, il movimento degli europei verso il Nuovo Mondo, come lo chiamavano, procedette lentamente. Poco si sapeva della geografia della regione e se potesse sostenere grandi popolazioni.

Gli spagnoli furono i primi ad arrivare sulla costa orientale, sbarcando nella regione della Florida nel 1565. Il primo insediamento inglese fu fondato a Jamestown, l'attuale Virginia, nel 1607. Un anno dopo, i francesi costruirono stazioni per il commercio di pellicce lungo il fiume St Lawerence. Fiume, Canada. Nella regione erano presenti anche gli olandesi (New York, 1614) e gli svedesi (Delaware, 1620).

La maggior parte degli insediamenti coloniali furono costruiti su porti naturali per la navigazione, nonché su grandi fiumi che fornivano sia acqua dolce che accesso all'interno. Jamestown, ad esempio, si trovava sulla baia di Chesapeake e sulla sua rete di fiumi che consentiva alle navi di avventurarsi per molte miglia nell'entroterra.

colonizzazione britannica

La presenza britannica in America iniziò con l'insediamento di Jamestown nel 1607 e proseguì in modo casuale fino al 1732, quando fu istituita la provincia della Georgia. Ciò si svolse parallelamente all’espansione britannica attraverso i Caraibi e in Nuova Scozia.

Contrariamente alle aspettative, non vi fu alcun deliberato tentativo britannico di creare un impero nel Nord America. La colonizzazione britannica della regione non proveniva da un imperativo reale o da una politica governativa, ma dall’imprenditorialità. Ognuna delle 13 colonie fu rivendicata, esplorata e colonizzata da individui e gruppi di spedizioni, alcuni finanziati da società per azioni desiderose di investire nel Nuovo Mondo e nelle sue ricchezze.

A ciascuno di questi gruppi è stata concessa una qualche forma di statuto dal monarca britannico. Queste carte fornivano l'autorizzazione reale a stabilire nuove colonie in America, specificando anche i limiti territoriali e la forma di governo da utilizzare nella nuova provincia.

Ci sono stati molteplici fattori di attrazione che hanno portato questi gruppi a investire nel Nuovo Mondo inesplorato. Il richiamo dell'oro, dell'argento e di altri metalli preziosi era significativo. Se ciò fallisse, c’era anche l’incentivo delle vaste terre americane, una merce molto scarsa in Gran Bretagna. Il continente era anche ricco di materie prime – legname per la costruzione navale, pellicce e pesce – mentre il clima era adatto alla coltivazione di colture commerciali come riso e tabacco.

“L'Inghilterra ha già una linea ininterrotta di province ben popolate sulla costa, iniziata successivamente in meno di 150 anni. Ogni anno sono aumentati da un'adesione di sudditi, eccitati dal desiderio di vivere sotto governi e leggi formate sul modello più eccellente sulla terra. Invano cerchiamo un'uguale prosperità tra le piantagioni di altre nazioni europee ... Questo sorprendente aumento di persone è un fondamento che sosterrà una potente sovrastruttura ".
John Bartram, 1751

La crescita della popolazione

Il numero delle 13 colonie crebbe rapidamente tra la fine del XVII e il XVIII secolo. Nel 17 la popolazione coloniale ammontava a circa 18 anime. Questo numero è più che raddoppiato in 1650 anni. Nel 50,000 era quintuplicato, superando i 20.

Il Nuovo Mondo si rivelò un’attrattiva per giovani uomini, agricoltori senza terra e donne non sposate. Le compagnie coloniali e di navigazione europee pubblicizzavano grandi opportunità per coloro abbastanza intrepidi da trasferirsi attraverso l’Atlantico. Altre migliaia intrapresero il viaggio contro la loro volontà, come detenuti o servi a contratto.

Questa immigrazione continuò rapidamente, anche al culmine della guerra rivoluzionaria. Oltre alla rapida crescita della popolazione europea, quasi 300,000 schiavi afroamericani furono sbarcati nelle colonie britanniche tra il 1620 e lo scoppio della rivoluzione nel 1765.

Economie coloniali

Colonie 13
La costruzione di barche e piccole navi era un'importante industria coloniale

Le economie di tutte le 13 colonie erano dominate dall'agricoltura e dalla produzione primaria. La maggior parte delle persone, almeno due terzi, lavorava in piccole aziende agricole, piantagioni più grandi o nella raccolta di risorse naturali.

A differenza dell’Inghilterra, che era piena di fattorie affittate, la maggior parte degli agricoltori coloniali americani possedeva la propria terra. Inoltre, le dimensioni delle aziende agricole erano molto più grandi che in Europa, spesso superiori a 100 acri. Ciò significava che molti agricoltori coloniali avevano lo spazio e l’opportunità di impegnarsi in molteplici tipi di agricoltura, ad esempio coltivando cereali insieme a verdure, frutteti o allevando bestiame.

Fino al 1700 erano pochi i raccolti che venivano coltivati ​​come merce esportabile. Il riso veniva prodotto ampiamente nelle colonie meridionali e verso la metà del 1700 veniva spedito in Inghilterra in grandi quantità. L'indaco, una pianta ampiamente coltivata in Georgia e nella Carolina del Sud, era ricercata dai produttori tessili inglesi per produrre tinture. Nella regione, soprattutto in Virginia, veniva coltivato anche il tabacco, che verso la metà del 1700 era diventato il raccolto più importante per l’esportazione dell’America britannica.

La produzione nelle colonie era limitata alle piccole imprese. La legislazione mercantilista britannica come l’Iron Act (1750) scoraggiava o proibiva le industrie coloniali i cui prodotti potevano competere con le importazioni britanniche. Un gran numero di beni secondari come vestiti, mobili, macchinari e armi venivano ancora importati dall'Inghilterra. La maggior parte della produzione americana era limitata alla lavorazione di materie prime come legname, pellicce e pelli di animali e alla distillazione di rum e altri liquori.

Comunità coloniali

La mancanza di grandi industrie fece sì che le città americane rimanessero relativamente piccole. La maggior parte dei coloni viveva in comunità locali, piccole città e villaggi o alla frontiera. La maggior parte dei coloni viveva una vita abbastanza indipendente, non toccata da controlli o interferenze, sia dai propri governi coloniali che da Londra.

La maggior parte degli americani non si considerava affatto “americana”; dovevano ancora sviluppare il nazionalismo o un senso di identità americana. Invece, la maggior parte si considerava sudditi britannici e nativi della loro colonia: Virginiani, Carolina del Sud, Maryland e così via.

Colonie 13

1. Il teatro della rivoluzione americana furono 13 colonie britanniche, situate lungo la costa orientale del Nord America, dal Massachusetts a nord alla Georgia a sud.

2. Queste colonie furono fondate e colonizzate individualmente da spedizioni e compagnie britanniche, a cominciare da Virginia (1609) e Massachusetts (1620).

3. Inizialmente rivendicate nella ricerca del profitto, le colonie divennero una fonte redditizia di terra e materie prime, entrambe meno accessibili nell’affollata Europa.

4. Le colonie fiorirono dalla metà del 1600 alla fine del 1700. La disponibilità di terra, lavoro e risorse portò ad un aumento dell'emigrazione e alla crescita della popolazione, da appena 55,000 nel 1650 a più di 2 milioni allo scoppio della rivoluzione.

5. Nonostante la loro crescita e progresso, le colonie britanniche 13 occuparono solo il 20 per cento del continente nordamericano. Il resto è stato controllato o influenzato da Francia e Spagna. La loro esistenza ha contribuito alle tensioni politiche e religiose.

Informazioni sulla citazione
Titolo: “Le 13 colonie”
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/americanrevolution/thirteen-colonies/
Data di pubblicazione: Luglio 14, 2019
Data di aggiornamento: 20 Novembre 2023
Data di accesso: 25 aprile 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.