Benaben ha a che fare con i ribelli della Vandea (1793)

Jean-Claude Benaben era il commissario giacobino per il Maine-et-Loire. In 1793, Benaben ha visitato la Francia occidentale e ha supervisionato l'azione contro ribelli nella Vandea. Il suo rapporto, presentato alla fine di 1793, descrive alcune delle brutali recriminazioni condotte dai soldati repubblicani:

"Sono stato testimone di tutto l'orrore che una città presa d'assalto può regalare Soldati sparsi nelle case e dopo aver preso le mogli e le figlie dei ribelli che non avevano avuto il tempo di fuggire, le hanno portate nelle piazze o per le strade, dove erano ammassati e massacrati sul posto: fucilati, con la baionetta o feriti con le spade. Alla fine la furia dei soldati era tale che il generale in capo, temendo che alla fine si sarebbero rivoltati contro i patrioti, non trovò altro mezzo per porre fine alla carneficina che suonare la ritirata.

Se la bellezza e la giovinezza ricevevano così poco rispetto durante questo assedio, ancor meno veniva pagato alla posizione di grandi dame, i cui corpi agitati venivano trascinati nel fango. Gli ussari [soldati a cavallo], che non si perdono mai di vista in queste occasioni, hanno preso i premi più ricchi ...

L'intero percorso verso Mans era coperto dai corpi dei ribelli ... I contadini locali si erano ritirati nei boschi e nelle fattorie e massacrato più di quanto fossimo capaci di ucciderci. A quattro o cinque leghe [da 10 a 15 miglia] da Mans, ho visto sul ciglio della strada circa 100 corpi, completamente nudi, ammucchiati uno sull'altro, più o meno come maiali pronti per essere salati ... Ci siamo accontentati di prendendo tutti gli uomini e le donne che non furono subito reclamati e uccidendo solo quelli che non potevano camminare poiché non avevamo carrozze su cui trasportarli ...

Più di 1,200 ribelli sono stati uccisi a Savenay, ma secondo le informazioni che ho ricevuto da allora, sembra che siano stati uccisi più di 2,000. Lo chiamano "invio in ospedale".

Qui viene utilizzato un metodo completamente diverso per sbarazzarsi di questo brutto lotto. Mettiamo questi mascalzoni in barche che vengono poi affondate sul fondo. Lo chiamiamo "invio alla torre dell'acqua". In verità, se i ribelli a volte si sono lamentati di morire di fame, almeno non possono lamentarsi di morire di sete. Oggi abbiamo fatto circa 1,200 drink. Non so chi abbia inventato questo tipo di punizione ma è molto più rapida della ghigliottina, che ora sembra destinata a tagliare le teste dei nobili, dei preti e di tutti coloro che, secondo il rango che un tempo ricoprivano, avevano un grande influenza sulle masse ".

annegamenti di vendee
Una rappresentazione artistica di forze rivoluzionarie che annegano intenzionalmente ribelli catturati a Nantes