I filosofi

Filosofi
Il Filosofi sono stati determinanti nel plasmare idee rivoluzionarie

Il Filosofi (Francese per "filosofi") erano scrittori, intellettuali e scienziati che hanno plasmato i francesi Illuminismo durante il 18th secolo. Il più conosciuto Filosofi sono stati Barone di Montesquieu, Voltaire, Jean-Jacques Rousseau ed Denis Diderot. Altre figure meno note includevano il matematico e politologo Nicolas de Condorcet, il critico religioso Nicolas Boulanger e lo scrittore ateo Jacques-Andre Naigeon.

Impatto sulla rivoluzione

I filosofi avevano sulla Rivoluzione francese è aperto al dibattito, anche se la maggior parte degli storici concorda sul fatto che fosse sostanziale.

Nessuno dei Filosofi erano rivoluzionari e pochissimi sostenevano o addirittura prevedevano una rivoluzione. In effetti, la maggior parte erano elitari intellettuali con scarso rispetto per la gente comune, credendo di avere un ruolo scarso o nullo nel governo. La maggior parte del significativo Filosofi erano anche morti molto prima di 1789.

Tuttavia, i loro scritti e le loro idee, in particolare le loro teorie politiche e le critiche al Antico Regime, ha contribuito a creare un ambiente in cui idee rivoluzionarie potrebbe germogliare e prosperare.

Montesquieu

Charles de Secondat, Baron de Montesquieu (1689-1755) era un nobile illuminato diventato filosofo politico, responsabile di articolare una chiara spiegazione della separazione dei poteri del governo.

Montesquieu nacque in una famiglia nobile vicino a Bordeaux nel gennaio 1689. Molti dei suoi parenti erano coinvolti nella politica provinciale, quindi l'adolescente Montesquieu sviluppò anche un interesse per la legge e il governo. La ricchezza della famiglia gli ha dato l'opportunità di leggere, scrivere e socializzare.

Il giovane Montesquieu è diventato un cantante e carismatico regolare nel set sociale di Parigi, dove ha parlato liberamente e criticamente del Antico Regime. Ha anche viaggiato molto in Europa, osservando e studiando diverse forme di legge e di governo.

Montesquieu
Montesquieu

Con i suoi ultimi 20, Montesquieu aveva lavorato come avvocato, accademico e docente di storia. Ha anche iniziato a scrivere sul serio. Il suo primo significativo lavoro pubblico fu Lettere persiane (1721), che satirava molti aspetti della società francese.

Il punto di vista di Montesquieu sul governo

I suoi primi scritti rivelano Montesquieu come un liberale, un deista e un sostenitore della monarchia costituzionale. Era meno ricettivo al repubblicanesimo o alla democrazia. Come altri giganti intellettuali della sua epoca, Montesquieu credeva che fosse meglio lasciare il governo alle élite istruite e illuminate. La gente comune, sosteneva, era troppo incapace e scarsamente attrezzata per discutere sia di diritto che di affari di governo.

Montesquieu credeva anche che i sistemi politici dovessero essere organizzati in modo che chi governa non potesse accumulare o abusare del potere. Ha approfondito questo punto nella sua opera più nota, De l'Esprit des Lois ("Lo spirito delle leggi"), pubblicato in forma anonima nel 1748. Lo spirito delle leggi ha confrontato diversi sistemi di governo, con una particolare attenzione al modo in cui ciascun sistema proteggeva la libertà individuale.

Espandendo idee precedentemente esplorate dal filosofo inglese John Locke, Montesquieu decise che il mezzo migliore per proteggere la libertà individuale era attraverso la separazione dei poteri del governo. Le diverse funzioni di governo - esecutivo o monarchico, legislativo e giudiziario - devono essere svolte da persone e dipartimenti diversi. Il potere di ogni ramo del governo deve essere limitato, idealmente da una costituzione.

Lo spirito delle leggi fu disprezzato dalla chiesa e inserito nella lista dei libri proibiti, tuttavia si rivelò molto popolare e vendette migliaia di copie in tutta Europa. Montesquieu morì però sette anni dopo la prima edizione Lo spirito delle leggi divenne senza dubbio il lavoro più significativo della teoria politica dell'Illuminismo, modellando i risultati delle rivoluzioni americana e francese.

Voltaire

Voltaire
Voltaire

Voltaire era lo pseudonimo dello scrittore francese Francois-Marie Arouet (1694-1778). Nacque a Parigi da una famiglia moderatamente ricca, figlio di un funzionario governativo. Arouet ricevette un'educazione gesuita in greco, latino e diritto. Personaggio dallo spirito libero in gioventù, all'età di 20 anni Arouet tentò di fuggire con un giovane francese emigrato  ma il complotto è stato scoperto da suo padre.

Dopo essere tornato a Parigi, Arouet trascorse un anno in prigione alla Bastiglia per aver scritto poesie diffamatorie sui membri dell'aristocrazia. In questo periodo ha adottato lo pseudonimo Voltaire, un anagramma latinizzato del suo vero nome.

Mentre era detenuto alla Bastiglia, Voltaire scrisse Edipo, un dramma tragico che accenna alla dissolutezza sessuale e all'incesto tra i membri del Aristocrazia francese. Edipo fu un successo letterario e drammatico, in seguito esibito in affollate case a Parigi, mentre Voltaire adottò la scrittura come sua professione.

Voltaire e l'Inghilterra

In 1726 a lettre de cachet è stato emesso contro Voltaire. Piuttosto che affrontare un altro lungo periodo alla Bastiglia Voltaire andò in esilio volontario in Inghilterra, dove rimase per tre anni.

Durante il suo soggiorno, Voltaire rimase affascinato dalla società, dal governo e dalla legge inglesi. Venne ad ammirare la letteratura inglese, in particolare Shakespeare; la sua monarchia costituzionale; la sua libertà di parola e di stampa, in particolare la critica aperta e la presa in giro di personaggi politici nei giornali e negli opuscoli londinesi.

Voltaire tornò in Francia nel 1729 e pubblicò Lettere sulla nazione inglese. Ha causato notevoli controversie in Francia, confrontando il sistema inglese con il sistema francese e trovando quest'ultimo carente. Voltaire era particolarmente severo nei confronti della religione organizzata, che non dominava né definiva la società inglese come faceva in Francia.

“Voltaire era essenzialmente un crociato come [Martin] Luther, sempre più forte nella distruzione che nella costruzione positiva. Era, dice uno storico, “lo Spirito dell'Illuminismo incarnato, con tutte le sue virtù e tutti i suoi difetti. Tutto quello che diceva e scriveva era stimolante come il caffè di cui viveva "."
Frederick Artz, storico

La scrittura di Voltaire

Voltaire continuò a scrivere in modo prolifico e in una vasta gamma di formati, producendo romanzi, novelle, saggi, opere teatrali, satira e lettere aperte. Sapeva scrivere a più voci, con profonda serietà, grande sottigliezza o spirito intelligente, oppure poteva riversare disprezzo e vetriolo sui suoi bersagli.

Politicamente Voltaire non era un democratico. Non aveva fiducia nella gente comune, che considerava apatica e troppo preoccupata delle banalità. Generalmente liberale nelle sue opinioni, Voltaire era un sostenitore della libertà individuale, della scelta informata e della tolleranza religiosa.

Per tutta la sua vita, Voltaire fu un feroce critico della chiesa cattolica, condannandone la corruzione endemica e l'avidità e la depravazione degli ecclesiastici di alto rango. Scrisse con amarezza le vaste proprietà terriere della chiesa e le grandi decime che imponeva ai contadini in difficoltà. Condannò la venalità nella chiesa, criticando la pratica dei nobili che acquistavano posizioni nel clero e si lamentò dell'intervento del Vaticano nelle questioni civili francesi.

I sostenitori della chiesa dannarono Voltaire come ateo eretico ma come molti altri Filosofi era un deista, nel senso che credeva in una forma di Dio più vincolata e meno interventista.

Rousseau

Rousseau
Jean-Jacques Rousseau

Jean-Jacques Rousseau (1712-1778) fu un altro scrittore illuminista le cui idee politiche e filosofiche modellarono la Rivoluzione francese.

Rousseau è nato in Svizzera da una famiglia della classe media di successo. Sua madre morì pochi giorni dopo la nascita di Rousseau; suo padre era un orologiaio di terza generazione. Il giovane Rousseau è cresciuto attorno ad artigiani e artigiani. Divenne un avido lettore, sebbene avesse poca istruzione formale.

Rousseau trascorse gran parte dei suoi vent'anni viaggiando, svolgendo una serie di lavori umili mentre studiava e si istruiva. All'età di 20 anni si trasferì a Parigi, dove in seguito fece amicizia con un collega philosophe Denis Diderot e fece pubblicare un articolo nella famosa opera illuminista di Diderot Encyclopédie.

Le idee politiche di Rousseau

Gran parte della scrittura di Rousseau è stata intrapresa negli ultimi due decenni della sua vita. Ha scritto su una vasta gamma di argomenti e ha affrontato molte questioni sociali, politiche e filosofiche.

L'opera di Rousseau del 1755 Discorso sulla disuguaglianza offre le idee di Rousseau sul perché gli individui vivono e tollerano condizioni profondamente diseguali, in particolare nelle società civilizzate. Una delle sue opere più famose è stata Emile (1762), un romanzo che esplora la natura dell'educazione e le influenze corruttive della società sui giovani.

Probabilmente il contributo più significativo di Rousseau alla teoria politica dell'Illuminismo fu il suo lavoro del 1762 Il contratto sociale. In questo libro, ha fatto un'affermazione semplice ma ormai famosa: "L'uomo è nato libero, eppure ovunque è in catene [catene]".

Rousseau ha riflettuto sul perché le persone si sottomettessero volontariamente al governo di re e governi, rinunciando alle loro libertà e libertà nel processo. La risposta, ha concluso, è che gli esseri umani sono essenzialmente buoni e desiderano pace, stabilità e buon ordine. La società umana civilizzata non può esistere senza governo e leggi per mantenere l'ordine.

"Quella folla di scrittori oscuri e di letterati oziosi che divorano la sostanza dello stato senza alcun beneficio ... sorridono sdegnosamente a quelle vecchie parole 'patrie' e 'religione' e dedicano i loro talenti e la loro filosofia a distruggere e svilire tutto ciò è sacro tra gli uomini. Non che odino né la virtù né i dogmi; sono nemici dell'opinione pubblica, e bandirli tra gli atei sarebbe sufficiente per riportarli ai piedi degli altari ".
Rousseau su difensori politici

Il contratto sociale

Durante questa esplorazione, Rousseau ha articolato l'idea del "contratto sociale", un accordo non scritto che esiste tra governi e individui. Ha anche articolato il concetto di sovranità popolare, suggerendo che il vero potere di governo derivava dal consenso del popolo.

La sovranità popolare era un’idea critica utilizzata per giustificare le rivoluzioni americana e francese. Molti rivoluzionari abbracciarono la convinzione di Rousseau secondo cui i sistemi politici, sebbene mai perfetti, devono sforzarsi di progredire e migliorare.

Una delle affermazioni più controverse di Rousseau era che la proprietà privata costituiva un ostacolo a una buona leadership politica. Gli interessi immobiliari, suggerì Rousseau, distraevano i politici dai loro ruoli primari: rappresentare il popolo e garantire la moralità. Rousseau sosteneva anche il concetto di religione civica, una religione per adorare Dio e sostenere la moralità piuttosto che servire interessi acquisiti.

Diderot

Diderot
Denis Diderot

Denis Diderot (1713-1784) fu un'altra figura di spicco dell'Illuminismo francese. Figlio di un produttore di posate, Diderot è nato nella Champagne, nel nord della Francia. Ricevette un'educazione dai gesuiti e si trasferì a Parigi con l'intenzione di entrare nel clero, prima di scegliere invece di studiare legge.

Subito dopo, Diderot si dedicò alla scrittura. Ha trascorso i suoi primi anni svolgendo piccoli lavori di scrittura e traduzione e occupando incarichi di ufficio. La sua mancanza di connessioni ha impedito a Diderot di ottenere ruoli di scrittura significativi e, di conseguenza, era spesso al verde.

Tra i suoi primi scritti c'erano una storia della Grecia, un'antologia di racconti e saggi contenenti critiche alla chiesa cattolica. Uno dei saggi di Diderot fu condannato come eretico e nel 1749 fu arrestato e imprigionato per diversi mesi.

“È stato detto che nasciamo tutti uguali, ma non è così… Esiste tra gli uomini una disuguaglianza originaria che nulla può risolvere. Deve durare per sempre. Tutto ciò che si può ottenere dalla migliore legislazione non è distruggere questa disuguaglianza, ma prevenire gli abusi che ne derivano”.
Denis Diderot

Il Encyclopédie

Il contributo letterario più famoso di Diderot fu Encyclopédie. Iniziato in 1750 ma non completato fino a 1772, Encyclopédie era un progetto ambizioso che mirava a raccogliere e organizzare tutta la conoscenza essenziale del mondo.

Una volta completato, il lavoro di Diderot conteneva centinaia di articoli e saggi su una miriade di argomenti, tra cui scienze fisiche e naturali, matematica, astronomia, religione, teologia, storia, politica, società, letteratura, musica e arti visive. A differenza di altri libri del genere Encyclopédie conteneva anche voci sull'artigianato e sul lavoro, coprendo settori come l'agricoltura, l'architettura, l'ingegneria, la falegnameria, la muratura e l'industria manifatturiera. Gli articoli in Encyclopédie sono stati scritti da dozzine di esperti ben qualificati e Filosofi, la maggior parte dei quali era politicamente progressista.

Mentre Encyclopédie non era esso stesso un testo politico, alcune delle sue voci contenevano implicite critiche alle credenze tradizionali. Inoltre, rendere la conoscenza disponibile a tutti ha contribuito a minare l'autorità e il dominio sia della monarchia assolutista francese che della chiesa cattolica. Encyclopédie fu pubblicato apertamente in Francia fino a 1759 quando fu messo fuorilegge, principalmente per volere della chiesa.

filosofi della rivoluzione francese

1. il Filosofi furono scrittori e intellettuali dell'Illuminismo francese, i cui scritti contribuirono a idee rivoluzionarie e critiche all'Illuminismo Antico Regime.

2. Il barone di Montesquieu era un teorico politico il cui libro 1732 Lo spirito delle leggi articolato e reso popolare l'idea della separazione dei poteri del governo come mezzo per prevenire la tirannia.

3. Francois-Marie Arouet, o Voltaire, era una scrittrice prolifica su una vasta gamma di argomenti. Voltaire era particolarmente noto per le sue critiche alla religione organizzata e le sue condanne per la sua venalità e corruzione.

4. Jean-Jacques Rousseau era un filosofo svizzero i cui scritti erano incentrati sull'istruzione, il governo e i diritti naturali. Rousseau è meglio conosciuto per aver sviluppato la teoria di un "contratto sociale" tra gli individui e il loro governo.

5. Denis Diderot era uno scrittore francese che compilò il Encyclopédie, un testo dell'Illuminismo che ha riunito tutte le conoscenze umane esistenti e le ha rese disponibili a tutti, minando l'autorità della monarchia e della chiesa cattolica.

Informazioni sulla citazione
Titolo: 'Il Filosofi'
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/philosophes/
Data di pubblicazione: 26 settembre 2019
Data di aggiornamento: 7 Novembre 2023
Data di accesso: 21 Maggio 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.