Fouquier-Tinville: "Perché hanno testimoni?" (1793)

Fouquier Tinville assiste a 1793Antoine Fouquier-Tinville (1747-1795) era un avvocato della Piccardia diventato procuratore penale. Nel marzo 1793 fu nominato procuratore capo a Parigi ' Tribunale rivoluzionario. Benché dedito all'atteggiamento contraddittorio e alla terminologia giuridica, Fouquier-Tinville aveva poco riguardo per i principi e le procedure del diritto francese. La sua missione era quella di garantire verdetti di colpevolezza e mandati di esecuzione per tutti coloro che si presentavano al Tribunale - e di farlo il più rapidamente possibile. Alla fine di ottobre, durante le prime settimane del regno del terrore, Fouquier-Tinville ha perseguito una questione che è durata diversi giorni. Frustrato, ha scritto al Convenzione nazionale, lamentando che testimoni, dichiarazioni di difesa e altre convenzioni in aula stavano ostacolando il lavoro del Tribunale. La sua lettera, che è apparsa in Le Moniteur Universel 30 di ottobre 1793 era un presagio del Legge di 22 Prairial il seguente giugno:

“La lentezza delle procedure del Tribunale Rivoluzionario ci obbliga a presentarvi alcune osservazioni. Abbiamo fornito prove sufficienti del nostro zelo rivoluzionario per permetterci di non temere un'accusa di negligenza, ma siamo ostacolati nel nostro lavoro dalle forme prescritte dalla legge.

Il processo contro i deputati che hai accusato è iniziato cinque giorni fa, ma solo nove testimoni sono stati ancora ascoltati. Nel fornire prove, ognuno avrebbe raccontato la propria storia della Rivoluzione. Gli accusati rispondono ai testimoni, che rispondono a loro volta.

Viene quindi avviata una discussione, che la verbosità dei prigionieri rende estremamente lunga. E dopo tali dibattiti privati, nessuno degli accusati desidera pronunciare un discorso generale per la difesa?

Questo processo, pertanto, sarà interminabilmente lungo. Inoltre, dovrebbe essere chiesto: perché dovremmo avere testimoni? La Convenzione, tutta la Francia, accusa questi uomini. Le prove dei loro crimini sono evidenti e tutti sono convinti di essere colpevoli.

Il Tribunale non può fare nulla da solo: è obbligato a seguire la legge. Spetta alla Convenzione abolire tutte le formalità che ne ostacolano il lavoro ".