Georges Danton

Georges Canton

Georges Danton (1759-1794) è stata una delle figure torreggianti della Rivoluzione francese.

sfondo

Nato vicino a Troyes, il padre di Danton era un pubblico ministero locale, ma una generazione più indietro la sua famiglia era stata contadina. I genitori di Danton volevano che entrasse nel sacerdozio, ma ha scelto di seguire suo padre nella legge. Verso la metà degli anni 1780, lavorava come avvocato difensore a Reims, prima di acquistare un ufficio venale e trasferirsi a Parigi nel 1787.

A differenza di altri importanti rivoluzionari, Danton non ha partecipato al Stati Generali, tuttavia, nell'estate di 1789 si offrì volontario per servire nel Guardia Nazionale.

Nell'ottobre dello stesso anno, ha fondato il club Cordeliers, il più radicale club politico del tempo. L'oratorio avvincente e spiritoso di Danton lo ha visto crescere per diventare il presidente del club e ha attirato una certa popolarità del pubblico.

A differenza dei suoi colleghi Cordeliers, che erano per lo più repubblicani, le opinioni di Danton sulla monarchia erano vaghe. Poteva essere un acuto critico del re ma mostrava poca inclinazione a sostenere una repubblica francese.

Dopo l' volo per Varennes, Danton sostenne l'abdicazione forzata di Luigi XVI a favore del suo giovane figlio, con il Duca di orleans agire come reggente. Successivamente è emerso che Danton, che viveva in modo stravagante, accettava pagamenti da Orleans e forse da altri realisti.

Circondato da dubbi sulla sua lealtà politica e accuse di corruzione, Danton viaggiò in Inghilterra per diverse settimane a metà 1791. È tornato a Parigi per candidarsi al Assemblea legislativa ma non riuscì a vincere un posto, sebbene rimase popolare e influente nelle sezioni di Parigi.

I Cordeliers e il Comune

Nel gennaio 1792, Danton prese posizione come Comune di ParigiIl sostituto procuratore. Attraverso discorsi provocatori nel club dei Cordeliers, ha contribuito a provocare il rovesciamento della monarchia il 10 agosto 1792. Il giorno successivo Danton è stato nominato ministro della giustizia nel governo provvisorio. 

Quattro settimane dopo, il 2 settembre, Danton pronunciò un'orazione pubblica, invitando la gente a "essere più audace" e lanciare una "accusa contro i nemici del nostro paese". Molti credono che questo discorso sia stato responsabile dell'incitamento al Massacri di settembre.

Danton è stato eletto al Convenzione nazionale e divenne probabilmente la sua figura dominante. Il suo potente discorso lo ha reso un formidabile leader sul pavimento della Convenzione. Durante il suo periodo nella legislatura, Danton ha votato per l'esecuzione di Luigi XVI. Ha anche avuto una mano nella formazione del Tribunale rivoluzionario della scuola e il Comitato di pubblica sicurezza. Nonostante sia contrario al Guerra rivoluzionaria all'inizio, Danton si lanciò nel coordinamento e nella fornitura dello sforzo bellico.

Rivalità con Robespierre

Il rivale di Danton per il potere lo era Maximilien Robespierre. In termini di personalità, i due grandi leader della Convenzione erano opposti diretti: Danton era un uomo che amava il vino, le donne e la vita alta, mentre Robespierre era ottuso, risoluto e austero. Sebbene mai amici, nei primi anni della rivoluzione erano alleati politici che si imponevano il rispetto reciproco. 

La frattura tra Danton e Robespierre iniziò ad aprirsi nella primavera di 1793 dopo la formazione del Committee of Public Safety (CPS). Danton ha dominato il CPS nei suoi primi mesi, ma a metà 1793 le sue opinioni politiche erano in contrasto con i radicali della Convenzione. Danton voleva rallentare la rivoluzione, negoziare la pace con l'Europa, ripristinare lo stato di diritto e ricostruire la nazione. Ciò era inaccettabile per i Robespierrists e Montagnards, che credevano che la rivoluzione non fosse andata abbastanza lontano.

Georges Canton
Uno schizzo contemporaneo di Georges Danton al momento della sua esecuzione
Disilluso, Danton si è dimesso dal CPS a luglio 1793. Il suo de facto la direzione del Comitato fu rilevata da Robespierre che, con i suoi sostenitori, procedette all'avvio del Il regno del terrore.

Disgustato dall'aumento delle uccisioni indiscriminate, Danton si è ritirato nel Paese in ottobre, dichiarando di essere “stanco degli uomini”. Ha detto del regno del terrore:

“Dobbiamo perseguire traditori ovunque, qualunque sia il loro travestimento, ma dobbiamo stare attenti a distinguere tra errore e crimine. Forse il Terrore una volta serviva a uno scopo utile, ma non dovrebbe ferire persone innocenti. Nessuno vuole vedere una persona trattata come un criminale solo perché gli capita di non avere abbastanza entusiasmo rivoluzionario ".

Opposto al terrore

Danton trascorse diverse settimane lontano dalla politica, tornando alla fine di novembre 1793 per opporsi all'escalation del terrore. Intorno a lui nella Convenzione si era radunata una fazione moderata, in seguito soprannominata Dantonists o Indulgents.

Danton e i suoi seguaci hanno chiesto una ritrattazione del terrore, negoziati di pace con potenze straniere e il ripristino del Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino. I suoi oppositori politici hanno risposto sollevando accuse di vecchia data sulla corruzione e sulla corruzione di Danton.

Danton e i suoi seguaci erano legati al discreditato Honore Mirabeau; a uno schema che coinvolge assegnatari contraffatti; e ad uno scandalo di insider trading che ha coinvolto la Compagnia francese delle Indie Orientali. Sebbene non direttamente implicato, c'erano prove sufficienti di un comportamento illecito per offuscare la reputazione di Danton e mettere in dubbio le sue motivazioni. Molti credevano che Danton stesse tentando di fermare il cambiamento rivoluzionario per installarsi come leader politico, se non come re.

Arresto, processo ed esecuzione

Le cospirazioni dietro le quinte hanno preso piede all'inizio di 1794. Danton e alcuni dei suoi associati furono arrestati il ​​29th di marzo e accusati di corruzione e tentando di ripristinare la monarchia.

Danton è stato presentato al Tribunale Rivoluzionario di Parigi quattro giorni dopo, ma non si è trattato di una questione unilaterale. Danton era un creatore dei tribunali, uno dei migliori avvocati della Rivoluzione francese e probabilmente il suo miglior oratore. Ha attinto alla sua astuzia giuridica e ai suoi potenti giri di parole per condannare Robespierre, i deputati della Convenzione, gli uomini del CPS e lo stesso Tribunale. Ha screditato le prove sollevate contro di lui e ha denunciato il procedimento come un processo farsa politico.

Quando sembrava che Danton potesse vincere la giornata e ottenere un'assoluzione, la Convenzione iniziò a esercitare pressioni sui giudici del Tribunale. Alla fine Danton è stato messo a tacere e dichiarato colpevole. Il 5 aprile, il "Mirabeau del mercato" è stato mandato alla ghigliottina, insieme a 14 dei suoi sostenitori politici. "Il mio unico rimpianto è che vado davanti a quel topo Robespierre" sono state alcune delle sue ultime parole.

Il punto di vista di uno storico:
“Danton è una delle personalità più affascinanti della Rivoluzione francese. Il suo carattere e le sue motivazioni rimangono enigmatici. Era un realista politico ma spesso ha agito come un avventuriero. Ha mantenuto le sue opzioni aperte e mantenuto i collegamenti con quasi tutte le fazioni, che si tratti delle monarchie costituzionali o dei giacobini radicali ... Nonostante il suo radicalismo occasionale, era un moderato ed era disposto a dimenticare i suoi nemici una volta sconfitti ".
Gregory Fremont-Barnes

rivoluzione francese danton

1. Georges Danton era un avvocato diventato una figura politica che divenne uno dei leader più influenti e significativi della rivoluzione francese.

2. Sia un abile avvocato che un potente oratore pubblico, Danton abbandonò la legge e fu coinvolto sia nel Cordeliers Club che nella Comune di Parigi.

3. I discorsi di Danton contribuirono all'insurrezione del 10 agosto 1792 e ai massacri di settembre, dopo di che fu eletto alla Convenzione nazionale.

4. Danton ha sostenuto l'istituzione sia dei Tribunali Rivoluzionari che del Comitato di Pubblica Sicurezza - ma nel tempo le sue opinioni si sono moderate ed è arrivato a opporsi all'eccessiva violenza del Terrore.

5. Preoccupati dalla politica moderata di Danton e dalla minaccia che rappresentava al loro potere, Robespierre e i giacobini orchestrarono il suo arresto, processo ed esecuzione nell'aprile 1794.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Georges Danton"
Autori: John Rae, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/georges-danton/
Data di pubblicazione: 18 Maggio 2017
Data di accesso: 17 settembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.