Jean-Joseph Mounier

Mounier

Jean-Joseph Mounier (1758-1806) era un politico e giurista francese che ebbe un ruolo significativo nei primi mesi della rivoluzione.

Mounier è nato a Grenoble, figlio di un produttore di tessuti. La sua famiglia era abbastanza ricca da permettere a Mounier di intraprendere studi legali, durante i quali divenne amico Antoine-Pierre Barnave.

Mounier ha assunto una magistratura nella sua città natale di Grenoble prima di essere travolto dalla rivoluzione in atto in 1788. Ha curato la stesura di local cahiers e saggi scritti che condannano il parlements e sollecitando la riforma politica nazionale. Mounier è stato eletto per rappresentare il Terza proprietà alla Stati Generali, dove ha sostenuto la votazione per capo.

Nell'estate di 1789, Mounier è apparso in prima linea nella rivoluzione. Ha suggerito il famoso Giuramento del campo da tennis, si è seduto come membro dell'Assemblea nazionale, ha presieduto il suo comitato costituzionale e, a settembre, è diventato presidente dell'Assemblea.

Nonostante questi risultati, Mounier era un monarchico costituzionale che rimase fedele al re. Il trattamento della famiglia reale nell'ottobre 1789, seguito dalla risposta insipida del governo, lo inorridì.

Mounier si dimise dall'Assemblea nazionale più tardi quel mese e tornò nella sua città natale di Grenoble. A maggio 1790 fu costretto a fare l'esilio in Svizzera, dove rimase fino a 1801. Tornò in Francia e prestò servizio Napoleonebrevemente il governo fino alla sua morte nel 1805.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Jean-Joseph Mounier"
Autori: John Rae, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/jean-joseph-mounier/
Data di pubblicazione: 16 Maggio 2017
Data di accesso: 09 Agosto 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.