Jerome Pétion

Petion

Jerome Pétion de Villeneuve (1756-1794) è stato scrittore e politico. Era meglio conosciuto per aver servito come secondo sindaco di Parigi tra il novembre 1791 e l'ottobre 1792.

Figlio di un pubblico ufficiale di Chartres, il giovane Pétion ha lavorato sia come scrittore che come avvocato, riscuotendo poco successo con entrambi. La rivoluzione in corso ha visto la sua scrittura diventare più radicale, anche se è incerto se il radicalismo di Pétion fosse sincero o solo un espediente per il progresso.

Ha rappresentato il Terza proprietà alla Tenute Generale nell'ottobre 1790 fu eletto presidente dell'Assemblea nazionale costituente. Pétion ha anche scortato i detenuti Luigi XVI ritorno a Parigi da Varennes a giugno 1791, guadagnandosi il plauso del pubblico.  

Come secondo sindaco di Parigi, Pétion si è dimostrato più radicale del suo predecessore Bailly, chiedendo la rimozione del re. Come sindaco e figura popolare con Parigi ' senza culottes, Pétion ha fatto poco per inventare la folla invasioni delle Tuileries in giugno e agosto 1792.

Costretto come sindaco dopo il Massacri di settembre, Pétion sedeva nel Convenzione nazionale e allineato con la fazione Girondin.

Un avversario di Maximilien Robespierre, si è seduto per un po 'sul Comitato di pubblica sicurezza ma fu espulso dalla Convenzione di giugno 1793.

Dopo questo, è fuggito in Normandia e ha tentato senza successo di avviare una rivolta anti-giacobina. Pétion si suicidò nel giugno 1794.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Jerome Pétion"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/jerome-pétion/
Data di pubblicazione: 22 Maggio 2017
Data di accesso: Luglio 03, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.