La legge di Le Chapelier (1791)

Il 14 giugno 1791 l'Assemblea Nazionale Costituente approvò una legge che vietava le associazioni dei lavoratori. Successivamente è stata soprannominata la 'Legge Le Chapelier' dal nome del suo sponsor principale, Isaac Le Chapelier:

“Articolo 1. La distruzione di tutti i tipi di corporazioni di cittadini dello stesso mestiere e professione essendo una delle basi fondamentali della Costituzione francese, è vietato ristabilirle infatti, con qualsiasi pretesto o in qualsiasi forma.

Articolo 2. I cittadini dello stesso mestiere o professione, gli imprenditori, coloro che hanno negozi, lavoratori e artigiani di qualsiasi arte, non possono, quando si ritrovano insieme, nominare un presidente, un segretario o un sindacato, tenere registri, prendere decreti o decisioni o formulare regolamenti sui loro presunti interessi comuni.

Articolo 3. È vietato a tutti gli organi amministrativi o municipali ricevere qualsiasi indirizzo o petizione sotto la denominazione di attività professionale [e] rispondere ...

Articolo 4. Se, contro i principi della libertà e della Costituzione, cittadini attaccati alle stesse professioni, arti e mestieri prendono decisioni o stipulano accordi tra loro che li porterebbero a rifiutare, o rendere disponibili solo a un prezzo stabilito, la loro industria o il loro lavoro, le suddette decisioni, accompagnate da un giuramento o meno, sono dichiarate incostituzionali e lesive della libertà e della Dichiarazione dei diritti umani, e nulle ... [Coloro che violano questa legge saranno] puniti con una multa di 500 livre e sospesi per un anno dall'esercizio di tutti i diritti dei cittadini attivi e dall'ingresso in assemblea ...

Articolo 6. Se le decisioni o gli accordi suddetti, pubblicati o distribuiti per circolare, dovessero contenere una minaccia per gli imprenditori, i commercianti, i lavoratori o gli operai diurni stranieri che possono venire a lavorare nella zona o per coloro che si accontentano di un salario più basso, tutti gli autori , gli istigatori e i firmatari degli atti o degli scritti saranno puniti con una multa di 1,000 livres ogni tre mesi di carcere.

Articolo 7. Se la libertà individuale di imprenditori e lavoratori dovesse essere attaccata da minacce di violenza da parte di queste coalizioni, gli autori della violenza sarebbero perseguiti come perturbatori della pace pubblica.

Articolo 8. Le coalizioni di lavoratori aventi come obiettivo quello di ostacolare la libertà che la Costituzione concede all'industria, e di opporsi a sentenze di polizia o all'esecuzione di sentenze in tal senso, saranno viste come ribelli e di conseguenza punite ".