Il regno del terrore

Regno del terrore
Una rappresentazione di ghigliottinature durante il regno del terrore

Il regno del terrore fu un periodo violento della rivoluzione francese, che iniziò ad un certo punto nel 1793 e continuò fino alla caduta di Robespierre a metà del 1794. Le storie e le immagini del regno del terrore sono arrivate a dominare la nostra percezione della rivoluzione francese.

Definizione del terrore

Secondo il folklore, il Terrore fu un periodo breve ma mortale in cui Maximilien Robespierre, Comitato di pubblica sicurezza della scuola e il Tribunali rivoluzionari ha condannato migliaia di persone a morire sotto la lama cadente della ghigliottina.

Le realtà del Terrore erano più complesse. Il regno del terrore non è stato guidato da un uomo, un corpo o una politica. Era un bambino con molti genitori, innescato e guidato da forze e fattori diversi.

Qualunque sia la sua causa, il regno del terrore è stato sicuramente il periodo più violento della rivoluzione francese. Tra le due estati del 1793 e del 1794, più di 50,000 persone furono uccise per sospetta attività controrivoluzionaria o cosiddetti "crimini contro la libertà". Un terzo di questo numero morì sotto la lama cadente della ghigliottina. 

Se la brutale ritorsione della Convenzione contro i civili nel Vendée e sono incluse altre province ribelli, le vittime del Terrore potrebbero avvicinarsi a 250,000.

Perché il terrore?

Quando e perché è iniziato il Regno del terrore sono questioni di dibattito storico. Per alcuni storici, il regno del terrore iniziò con l'esecuzione di Luigi XVI a gennaio 1793. Altri lo datano alla formazione del Tribunale rivoluzionario (marzo 1793), l'espulsione di Deputati girondinisti dalla Convenzione nazionale (giugno 1793) o dall'omicidio di Jean-Paul Marat (Luglio 1793). 

Se il Regno del terrore ebbe un solo inizio legislativo, fu il 5th 1793 di settembre, il giorno in cui i deputati Montagnard della Convenzione Nazionale espressero un percepito bisogno di terrore controrivoluzionario.

Rivolgendosi alla Convenzione, il radicale giacobino e membro del Comitato di Pubblica Sicurezza Bertrand Barère ha riassunto ciò che era necessario:

“Il terrore è all'ordine del giorno. Questo è il modo per eliminare istantaneamente sia i monarchici che i moderati e la feccia irrequieta e controrivoluzionaria. I realisti vogliono il sangue, beh, avranno il sangue dei cospiratori, del calibro di Brissot e Marie Antoinette. Sarà un'operazione per tribunali rivoluzionari speciali ".

Paura e paranoia

Regno del terrore
Lo Zenith della gloria francese, una beffa inglese del regno del terrore

Queste paure sono state guidate da La guerra della Francia con l'Europa, voci su un'invasione straniera e il tradimento di emigrati, spie e controrivoluzionari.

Questa isteria paranoica era particolarmente diffusa tra i radicali parigini: i giacobini e i Cordeliers, gli uomini delle sezioni e senza culottes. Alcuni di loro attribuivano la sofferenza economica delle classi lavoratrici a sotterfugi controrivoluzionari e cospirazioni. Insieme hanno esortato la Convenzione a intraprendere un'azione più dura contro i "nemici della rivoluzione". 

Da questa fonte di panico e sospetto è venuto un anno di terrore sancito dallo stato. Chiunque sia accusato o addirittura sospettato di attività controrivoluzionaria potrebbe essere preso di mira. Migliaia di cittadini francesi furono denunciati, sottoposti a processi frettolosi privi di equità e di giusto processo, quindi mandati in prigione o al "rasoio nazionale" (la ghigliottina).

Proteggere la rivoluzione

Regno del terrore
Il vaso purificatore dei giacobini, una rappresentazione visiva della legge dei sospetti

Coloro che iniziarono il Terrore lo videro come una medicina amara ma necessaria, un'epurazione di elementi reazionari in modo che la rivoluzione potesse sopravvivere e rimanere in rotta. Non era necessaria una nuova politica per avviare una politica del terrore. I discorsi alla Convenzione hanno dato il tono, mentre i radicali del Comitato di Pubblica Sicurezza (CPS) hanno dato la loro approvazione. 

I Legge dei sospetti, approvata nel settembre 1793, costituì la base legislativa per il Terrore delineando chi poteva essere preso di mira.

La legge dei sospetti prevedeva l'immediata detenzione di chiunque rientri in una delle sei categorie. Qualsiasi cosa, dall'accaparramento del grano, all'accoglienza di sospetti, all'elusione del levée in masse (coscrizione), in possesso di documenti sovversivi, anche parlare in modo critico del governo potrebbe portare a un'accusa. 

Arresti e processi furono condotti dai Tribunali Rivoluzionari, che furono ampliati e dotati di nuove autorità legali.

Vittime di spicco

Il regno del terrore ha portato molte vite, importanti e non, a una fine violenta e ingloriosa. Contrariamente alle supposizioni popolari, solo una piccola parte delle sue vittime morì sotto la lama della ghigliottina.

Tra le vittime più importanti del Terrore c'erano l'ex regina Maria Antonietta; l'oratore girondone Jacques Brissot; ex leader giacobino Antoine Barnave; Il primo sindaco di Parigi Jean-Sylvain Bailly; importanti rivoluzionarie femminili Madame Roland e Olympe de Gouges; l'ex amante di Luigi XV, Madame du Barry; Charlotte Corday, l'assassino di Jean-Paul Marat; Philippe Égalité, l'ex duca d'Orleans; l'avvocato difensore del re morto Guillaume Malesherbes; Antoine Lavoisier, uno degli scienziati più famosi di Francia; il radicale senza culotte leader Jacques Hébert; il giornalista di spicco Camille Desmoulins; e il leader politico populista Georges Danton.

La maggior parte delle vittime del terrore, tuttavia, rimane senza volto e sconosciuta alla storia. Alcuni erano ecclesiastici, nobili, cospiratori e difensori del vecchio regime, ma la stragrande maggioranza erano membri del Terzo Stato.

Lo slancio del terrore

Una volta iniziato, il Regno del Terrore ha sviluppato il suo slancio ed è diventato quasi impossibile da fermare. Terrore è diventato la rivoluzione, così opporsi o criticare il Terrore, era essa stessa un atto controrivoluzionario. Parlare negativamente del Terrore significava offrirsi volontariamente come sospetto.

Il regno del terrore poteva solo intensificarsi o crollare, e così si intensificò. L'uomo più responsabile di ciò non era Robespierre ma uno dei suoi alleati, Georges Couthon.

Un avvocato di Clermont che una volta si dedicò alla rappresentazione dei poveri, Couthon fu eletto alla Assemblea legislativa e la Convenzione Nazionale, dove inizialmente si sedette con la Pianura prima di gravitare sui Montagnard. Ha anche lavorato brevemente come leader militare, supervisionando la repressione dei gruppi controrivoluzionari a Lione prima di essere colpito da una forma sconosciuta di paralisi. 

Couthon parlava sommessamente, riservato fino alla timidezza e raramente si alzava dalla sedia a rotelle - ma queste qualità nascondevano un cuore rivoluzionario che non era meno spietato di quello di Robespierre. Couthon era un uomo che avrebbe fatto qualsiasi cosa per proteggere la rivoluzione, qualunque fosse il costo finale.

Il "grande terrore"

Regno del terrore
Georges Couthon, autore della Legge di 22 Prairial

Frustrato dal ritmo inadeguato della giustizia e dalle prigioni traboccanti di Parigi, Couthon agì. All'inizio di giugno, ha introdotto la Legge del 22 Prairial, in seguito soprannominata la "Legge del Grande Terrore", sul pavimento della Convenzione Nazionale. Fu approvato il 10 giugno 1794 con l'appoggio di Robespierre e del CPS.

La legge del Prairial ha rimosso il controllo della Convenzione nazionale sui tribunali rivoluzionari, ampliando il potere dei tribunali e consentendo loro di agire rapidamente, autonomamente e senza revisione o appello. I cittadini comuni potevano denunciare i sospetti direttamente ai tribunali, piuttosto che denunciarli alla polizia, al CPS o agli altri comitati della Convenzione.

La legge del 22 Prairial ha cambiato le procedure dei tribunali in modo che gli accusati fossero lasciati quasi indifesi. Il precedente interrogatorio o la deposizione di sospetti è stato ritenuto "superfluo", consentendo agli imputati di essere mandati direttamente in giudizio. Il controinterrogatorio dei testimoni è stato vietato e solo l'accusa è stata autorizzata a presentare prove. In alcuni casi, le giurie potevano sospendere un processo e emettere un verdetto, anche prima che tutte le prove fossero state ascoltate.

Significativamente, la Legge del 22 Prairial richiedeva anche ai Tribunali Rivoluzionari di assolvere i sospettati o di condannarli a morte. Multe, reclusione, dimissione, libertà condizionale e commutazione non erano più disponibili come opzioni di condanna. Le persone accusate o sono uscite libere o sono state portate alla ghigliottina. Inutile dire che questa legge ha prodotto una marcata escalation del numero di esecuzioni.

La legislazione del Prairial arrivò in un momento in cui l'esercito rivoluzionario francese stava iniziando ad affermarsi sul campo di battaglia e la minaccia straniera si stava dissipando, non aumentando. Ma il maggio 1794 fu anche segnato da numerose cospirazioni e tentativi di assassinio, in particolare contro Robespierre. Il 20 maggio, un ex lavoratore della lotteria di nome Henri Ladmirat decise di uccidere Robespierre ma, non riuscendo a trovarlo, sparò a un altro politico, Collot d'Herbois. Secondo un contemporaneo, Robespierre divenne ossessionato dalle trame di omicidi ed era "spaventato dal fatto che la sua stessa ombra lo avrebbe assassinato".

Strade intasate di sangue

Regno del terrore
The Radical's Arms, un'altra satira britannica che mostra il terrore e sans culottes

Qualunque sia la causa, i cambiamenti di 22 Prairial hanno accelerato le ruote del Terrore. Il periodo tra giugno 10th e la caduta di Robespierre il luglio 27th divenne noto come il Grande Terrore.

Durante queste sette settimane, a Parigi sono state giustiziate quasi 1,400 persone, circa 200 in più rispetto ai 12 mesi precedenti. In precedenza le esecuzioni erano in media circa tre al giorno; dopo 22 Prairial questo è aumentato di dieci volte. I sospetti sono stati processati, condannati e giustiziati in gruppi, spesso a dozzine alla volta. Le ghigliottine erano così frequenti che le lastre di pietra di Place de la Révolution si ostruirono di sangue e l'intera piazza cominciò a puzzare di rancido.

Il governo ha risposto spostando la maggior parte delle esecuzioni sul sito dell'ex Bastiglia, tuttavia il senza culottes ci si lamentò che questo stava distruggendo gli affari, quindi la ghigliottina fu spostata ancora più a est. Le folle delle esecuzioni iniziarono a diminuire, anche se non è chiaro se i parigini si fossero opposti al terrore o semplicemente indifferenti alle ghigliottinazioni.

Il punto di vista di uno storico:
“Questa famigerata legge [22 Prairial] ha creato una macchina assassina… Una buona parte degli imputati doveva essere inviata dalle sei commissioni speciali che dovevano elaborare i fascicoli dei sospettati. Ora dovevano incanalare individui sfortunati, accusati del più vago dei crimini e condannati semplicemente per via amministrativa, a un tribunale che poteva assolvere o punire solo con la morte ... È un commento all'atmosfera pervasiva di sospetto nero che questa legge fosse vista come una soluzione."
Donald M. Sutherland

terrore della rivoluzione francese

1. Il regno del terrore fu la fase più violenta della rivoluzione francese, un periodo di un anno tra le estati di 1793 e 1794. Durante questo periodo circa 50,000 furono giustiziati cittadini francesi.

2. Gli storici sono divisi sull'esordio e sulle cause del terrore, tuttavia, la guerra rivoluzionaria, i timori di invasione straniera, le voci sull'attività controrivoluzionaria, i piani di assassinio e gli zeloti nel governo sono stati tutti fattori che hanno contribuito.

3. Il regno del terrore è stato avviato formalmente nel settembre 1793, quando i Montagnard radicali sono sorti e hanno affermato che era necessario un periodo di terrore e repressione per proteggere la rivoluzione.

4. Durante il terrore, la giustizia fu distribuita dai tribunali rivoluzionari, che furono ampliati e dotati di nuovi poteri. Ciò era particolarmente vero dopo la Legge di 22 Prairial, scritta da Georges Couthon.

5. Il periodo di sette settimane tra giugno 10th e la caduta di Robespierre il luglio 27th divenne noto come il Grande Terrore. Durante questo periodo i Tribunali rivoluzionari abbandonarono molte delle loro procedure e il tasso giornaliero di esecuzioni aumentò di dieci volte.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il regno del terrore"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/reign-of-terror/
Data di pubblicazione: 18 Agosto 2020
Data di accesso: October 20, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.