Robespierre sostiene la continua insurrezione (1793)

Scrivendo nei suoi appunti personali di 1793 di giugno, Maximilien Robespierre riflette sulla disunione e sulle minacce al governo e sostiene il proseguimento dell'insurrezione:

“Deve esserci una volontà. Deve essere repubblicano o monarchico. Perché sia ​​repubblicano, devono esserci ministri repubblicani, giornali repubblicani, deputati repubblicani, un governo repubblicano.

Mentre il corpo politico soffre di una malattia rivoluzionaria e di una volontà divisa, la guerra straniera è una malattia mortale. I pericoli interni provengono dal borghese. Per sconfiggere il borghese, è necessario radunare il popolo.

Tutto era pronto per porre il popolo sotto il giogo della borghesia e inviare i difensori della repubblica sul patibolo. Hanno trionfato a Marsiglia, a Bordeaux e a Lione. Avrebbero trionfato a Parigi, ma per l'attuale insurrezione.

La presente insurrezione deve continuare fino a quando non saranno state prese le misure necessarie per salvare la repubblica. Le persone devono stringere un'alleanza con la Convenzione e la Convenzione deve fare uso delle persone. L'insurrezione deve diffondersi di gradi lungo le stesse linee. I sans culottes devono essere pagati e rimanere nelle città, piuttosto che essere inviati al fronte. Devono essere trovati armi, incitati e illuminati.

L'entusiasmo repubblicano deve essere esaltato con ogni mezzo possibile. Se i deputati vengono semplicemente rimandati a casa, i repubblicani vengono persi. I deputati continueranno a fuorviare i dipartimenti e le loro sostituzioni non saranno migliori.

[Generale] Custine: per essere guardato da nuovi e fidati commissari. Affari esteri: alleanza con le potenze minori; ma impossibile finché non avremo un unico testamento nazionale ".