Un resoconto dell'arresto di Robespierre (1794)

Questo estratto da un opuscolo pubblicato a Parigi nell'agosto 1794 racconta l'arresto di Robespierre e la natura delle sue ferite:

“Sono entrati all'Hotel de Ville e hanno trovato Robespierre in una stanza vicino alla sala delle sedute. Era steso a terra, una pistola sparata attraverso la mascella. Lo sollevarono e alcuni dei sans culottes lo portarono per i piedi e per la testa; ce n'erano almeno una dozzina intorno a lui. Gli strapparono la manica destra e il dietro del cappotto blu. Nel frattempo un gendarme ha trovato Couthon e gli ha sparato contro il corpo. Hanno cercato il resto dei cospiratori.

Robespierre fu portato al Comitato di Pubblica Sicurezza, sempre portato dagli stessi uomini allo stesso modo. Si nascose la faccia con il braccio destro. Il corteo si è fermato brevemente ai piedi della scala principale. Persone curiose si unirono alla folla; molti dei più vicini alzarono il braccio per guardarlo in faccia. Uno ha detto: "Non è morto, è ancora caldo". Un altro ha detto: "Non è un bravo re?" Un altro: "E se fosse il corpo di Cesare? Perché non è stato gettato nella discarica?

Gli uomini che trasportavano Robespierre non volevano che lo toccasse e quelli ai suoi piedi dicevano agli altri in testa di tenerlo bene, in modo da salvare quella poca vita che gli era rimasta. Alla fine portarono il loro carico nella camera del comitato principale e lo posarono su un grande tavolo di fronte a una finestra. Posarono la testa su una scatola piena di pane ammuffito. Non si mosse ma respirava affannosamente e si posò la mano destra sulla fronte. Chiaramente stava cercando di nascondere il suo volto (sfigurato com'era, mostrava ancora segni di vanità). A volte la sua fronte si contraeva e si accigliava. Sebbene Robespierre sembrasse mezzo cosciente, le sue ferite gli stavano chiaramente causando un grande dolore.

Tra coloro che lo hanno portato dentro c'erano un cannoniere e un pompiere, che non smettevano di parlargli. Scherzavano costantemente. Uno direbbe: "Sire, vostra maestà soffre" e l'altro: "Beh, penso che tu abbia perso la lingua, non hai finito la tua proposta ed è iniziata così bene. Ah, la verità è che mi hai completamente ingannato, mascalzone. Un altro cittadino ha detto: "Conosco solo un uomo che ha capito l'arte della tirannia, e questo è Robespierre".

Subito dopo arrivò Elie Lacoste del Comitato di sicurezza generale. Gli mostrarono i prigionieri e lui disse: "Devono essere portati alla Conciergerie, sono fuorilegge". Sono stati rimossi. Successivamente, ha parlato con un chirurgo e gli ha detto di "medicare le ferite di Robespierre e renderlo idoneo alla punizione". Il chirurgo ha detto che la mascella inferiore era rotta. Si mise in bocca diversi batuffoli di lino per assorbire il sangue che la riempiva. Più volte fece passare una sonda attraverso il foro che la palla aveva fatto, facendola uscire dalla bocca; poi si è lavato la faccia e ha messo un pezzetto di lanugine sulla ferita. Su questo vi mise una benda che gli circondava il mento; poi ha fasciato la parte superiore della testa.

Durante questa operazione, ognuno ha offerto i suoi commenti. Quando gli hanno messo la benda intorno alla testa, un uomo ha detto: "Ora stanno incoronando sua maestà". Doveva aver sentito tutto questo, perché aveva ancora un po 'di forza e spesso apriva gli occhi. Quando la ferita fu curata, lo adagiarono di nuovo, avendo cura di mettere la scatola sotto la sua testa come un cuscino finché, dissero, "era ora che lui mettesse la testa attraverso la piccola finestra" [della ghigliottina].