L'Assemblea dei notabili

assemblaggio di notabili
Una rappresentazione dell'Assemblea dei notabili a Versailles

L'Assemblea dei Notabili era un'istituzione significativa ma raramente utilizzata nel Ancien Regime. Composta da circa 12 dozzine di membri dell'aristocrazia e dell'alto clero, l'Assemblea dei Notabili era di fatto un consiglio consultivo del re, solitamente convocato in tempi di crisi. Fu chiamato due volte nel 1780 per sostenere le riforme finanziarie proposte dai ministri reali, ma entrambe le volte si rifiutò di farlo.

sfondo

All'inizio del 1787 la crisi fiscale francese – il prodotto di spese stravaganti, entrate insufficienti e debito crescente – aveva spinto la nazione sull'orlo della bancarotta. Luigi XVII ministri avevano tentato di far approvare riforme urgenti, ma erano stati ostacolati dall'opposizione del parlements.

Su consiglio del suo capo finanziario Carlo Alessandro de Calonne, il re decise di raccogliere consensi convocando un'antica istituzione, l'Assemblea dei Notabili. Due di queste assemblee furono convocate negli anni precedenti la rivoluzione: la prima nel febbraio 1787, la seconda nel novembre 1788.

Come Proprietà generali, l'Assemblea dei Notabili non aveva autorità costituzionale - ma Calonne scommise sui Notabili che sostenevano le sue riforme fiscali, un risultato che gli avrebbe dato il sopravvento sul parlements. Fu una scommessa fallita perché anche i Notabili rifiutarono le riforme di Calonne.

La risposta di Calonne

La soluzione di Calonne alla crisi fiscale è stata più pragmatica di altre ed è andata dritta al cuore dei problemi della Francia. Ha proposto tagli significativi alla spesa pubblica, la rimozione di alcune restrizioni commerciali per liberare il commercio e la standardizzazione delle imposte indirette come la gabella.

Ancora più significativo, Calonne cercò di limitare i privilegi fiscali dei Nome ed Second Estates. Ha proposto una nuova tassa sulla terra, da riscuotere sui proprietari terrieri in base al valore delle loro aziende. Questa tassa fondiaria si applicherebbe a tutti i cittadini francesi, indipendentemente dalla classe o privilegio.

Inutile dire che le riforme proposte da Calonne erano popolari con la maggior parte dei Terza proprietà ma furono respinti dalla chiesa, dalla nobiltà e da molti ricchi borghesia.

“L'assemblea dei notabili era una versione ampliata del consiglio del re. Più volte all'anno, ogni volta che il re aveva bisogno di gettare una rete più ampia alla ricerca di informazioni... allargava il suo consiglio con personalità scelte... per il loro "zelo" e la loro "devozione", la loro "fedeltà" al sovrano... Un'assemblea del genere non era una versione abbreviata degli Stati Generali”.
Roland Mousnier, storico

Un'istituzione antica

Riconoscere il parlements non avrebbe sostenuto le modifiche proposte, Calonne consigliò al re di convocare un'Assemblea dei Notabili. Come gli Stati Generali, l'Assemblea dei Notabili era un'istituzione antica ma raramente utilizzata. Era un consiglio di nobili ed ecclesiastici di alto rango convocato su richiesta del re, solitamente in tempi di crisi o incertezza.

La funzione dell'Assemblea dei Notabili era quella di fornire idee e consigli alla corona. Solo quattro erano stati convocati nei 200 anni precedenti, l'ultima nel 1626.

I notabili che si riunirono a Versailles nel febbraio 1787 contenevano 144 uomini, solo due dei quali non erano nobili o sacerdoti superiori. Tra loro c'erano 36 influenti nobili, 14 vescovi o arcivescovi e sette `` Principi del sangue '', nonché magistrati del parlements, deputati provinciali e sindaci delle amministrazioni cittadine.

assemblaggio di notabili
Charles-Alexandre de Calonne, ministro delle finanze di Luigi XVI nel 1787

Calonne respinse

Non sorprende che i Notabili non abbiano risposto bene al pacchetto di riforme di Calonne. C'era un accordo di principio sulla necessità di riforme strutturali, ma i Notabili ritenevano che qualsiasi cambiamento importante - in particolare i cambiamenti che influenzavano i privilegi e la base di potere dei Tre Stati - dovesse essere considerato e approvato da uno Stato Generale.

Il rapporto spinoso di Calonne con i membri dell'Assemblea dei Notabili non ha aiutato la situazione. Quando divenne chiaro che i Notabili non avrebbero appoggiato le sue proposte, Calonne cercò di raccogliere il sostegno pubblico pubblicando informazioni sulla crisi fiscale e sui suoi tentativi di risolverla.

Le informazioni diffuse da Calonne evidenziano l’urgente necessità di una riduzione del debito e di una riforma fiscale: tesoro vuoto e deficit annuo di 110 milioni libero nel 1786. Ciò fece infuriare sia i Notabili che il re, che licenziò Calonne il 7 aprile.

Brienne ci prova e fallisce

Luigi XVI sostituì Calonne con Etienne Loménie de Brienne, l'astuto vescovo di Tolosa.

Brienne sembrava nella posizione migliore per portare avanti riforme fiscali ambiziose e impopolari. Era più misurato nel suo discorso e aveva meno detrattori di Calonne. Lui stesso era un membro dell'Assemblea dei Notabili, quindi aveva preso parte alle loro deliberazioni. Anche Brienne era una delle preferite Marie Antoinette, che gli ha dato una certa influenza nella corte reale.

Dopo aver riflettuto, Brienne presentò ai Notabili un pacchetto di riforme che non era molto diverso da quello di Calonne. Brienne suggerì una tassa fondiaria sugli ordini privilegiati e chiese maggiori contributi fiscali dalla chiesa. È stato in grado di persuadere il parlements per registrare molte delle sue riforme minori, ma nemmeno il parlements oppure i Notabili avrebbero approvato una nuova tassa fondiaria o qualsiasi modifica al privilegio nobile ed ecclesiastico.

La seconda assemblea

Una seconda convocazione dell'Assemblea dei Notabili fu ordinata dal re nel novembre 1788. Questa assemblea fu convocata poco dopo la convocazione degli Stati Generali per il maggio 1789.

Questa volta, il re chiese consiglio ai Notabili sulla procedura politica piuttosto che sulla tassazione. Ha chiesto indicazioni ai Notabili su come selezionare, compilare e organizzare gli Stati Generali, su come condurre i lavori e, soprattutto, se si debba votare per testa o per ordine.

La loro risposta fu semplice: gli Stati Generali avrebbero dovuto utilizzare le stesse procedure impiegate nella seduta precedente del 1614. Ciascuno dei Tre Stati avrebbe dovuto riunirsi separatamente e ciascuno degli Stati avrebbe dovuto votare insieme, per ordine, anziché consentire ai deputati di votare individualmente.

assemblaggio di notabili
Un fumetto che raffigura la prima Assemblea dei notabili come oche e altri volatili

Un'ondata di propaganda

Questo uso dell'antica procedura oltraggiò i membri del Terzo Stato, che consideravano il voto per ordine un mezzo per affermare i privilegi. Se gli Stati votassero per ordine, il Primo e il Secondo Stato voterebbero sempre insieme e il Terzo Stato perderebbe sempre.

La notizia della sentenza dei Notabili raggiunse il popolo alla fine di novembre del 1788, nel periodo in cui il re aveva allentato le restrizioni sulla stampa, consentendo una maggiore libertà di parola nelle pubblicazioni e negli opuscoli. Ciò ha dato origine a un’ondata di letteratura politica sulle procedure di voto negli Stati Generali e sull’urgente necessità di una riforma politica e fiscale.

Parte di questa letteratura era moderata e ponderata, parte era radicale o oscena. Alcuni pezzi, come quello di Emmanuel Sieyès Qual è la terza proprietà?, ha avuto una grande influenza sugli atteggiamenti politici della classe comune francese.

Il Secondo Stato si unì agli Stati Generali sperando di affermare la propria influenza politica, tuttavia non contarono sulla determinazione del Terzo Stato. La “rivoluzione aristocratica” che obbligò alla convocazione degli Stati Generali stava per lasciare il posto a una “rivoluzione borghese” che avrebbe concepito un'assemblea nazionale.

Assemblea dei notabili della rivoluzione francese

1. L'Assemblea dei notabili, un consiglio contenente influenti nobili e sacerdoti 144-147, si incontrò due volte negli 1780 dopo essere stato convocato dal re su consiglio dei suoi ministri.

2. La prima Assemblea dei notabili si è incontrata a Versailles tra febbraio e maggio 1788. È stato convocato su consiglio del ministro delle finanze Calonne, che sperava di ottenere l'approvazione per le sue riforme fiscali e fiscali.

3. Composta da membri del Primo e Secondo Stato che erano ostili a Calonne e ai suoi metodi, questa Assemblea dei Notabili respinse le riforme proposte. Calonne fu congedata dal re poco dopo.

4. Il sostituto di Calonne, Brienne, mise una serie di riforme simili davanti all'Assemblea dei Notabili e parlements. È stato in grado di far passare alcune riforme, tuttavia, è stata bloccata un'imposta fondiaria senza esenzioni.

5. La seconda Assemblea dei Notabili, convocata nel novembre 1788, stabilì che gli Stati Generali dovessero utilizzare le stesse procedure di voto (voto per ordine) utilizzate dai precedenti Stati Generali nel 1614. Questa decisione fu impopolare presso il Terzo Stato e generò una grande questione di retorica e letteratura politica.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "L'Assemblea dei Notabili"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/assembly-of-notables/
Data di pubblicazione: 18 settembre 2019
Data di aggiornamento: 8 Novembre 2023
Data di accesso: 19 Maggio 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.