L'Assemblea legislativa

assemblea legislativa
La Salle du Manège alle Tuileries, la sala riunioni dell'Assemblea legislativa

L'Assemblea Legislativa fu l'organo di governo della Francia tra l'ottobre 1791 e il settembre 1792, in sostituzione dell'Assemblea Nazionale Costituente. L'Assemblea Legislativa ereditò il governo in un momento in cui c'erano seri dubbi sulle intenzioni del re e sull'attuabilità della nuova costituzione. Aveva anche i suoi punti deboli interni, in particolare la mancanza di esperienza politica e dubbi sulla sua reale rappresentatività del popolo.

Una nuova legislatura

L'Assemblea Legislativa ha sostituito l'Assemblea Nazionale Costituente, che aveva portato a termine gran parte dei lavori per i quali era stata convocata.

Nel settembre 1791 i deputati dell'Assemblea nazionale costituente avevano redatto una costituzione credevano che riflettessero gli obiettivi della rivoluzione. Feudalesimo, titoli nobili e Ancien Régime's altre disuguaglianze istituzionali erano state abolite. L'idealista Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino era stato adottato come preambolo della nuova Costituzione. L’assolutismo reale era morto e il re era stato privato della maggior parte dei suoi poteri esecutivi.

Alla fine di settembre 1791, Luigi XVI ha dato il suo assenso alla nuova costituzione, impegnandosi a “mantenerla in patria, difenderla all’estero e provvedere alla sua esecuzione con tutti i mezzi a mia disposizione”. Compiuta la sua missione, l'Assemblea Nazionale Costituente votò per il proprio scioglimento e cedette il governo all'Assemblea Legislativa.

Opinioni ottimistiche

Per un estraneo ignaro degli eventi precedenti, questo momento potrebbe essere sembrato la fine della Rivoluzione francese. La transizione della Francia dalla monarchia assolutista al governo costituzionale sembrava completa.

Di conseguenza, alcuni idealisti vedevano con ottimismo il passaggio del potere all'Assemblea legislativa, consentendo alla nazione un nuovo inizio dalle crescenti tensioni e violenze del 1791. Credevano che il re avesse finalmente accettato il cambiamento costituzionale e speravano che la sua precedente intransigenza sarebbe stata dimenticata.

Scrivendo all'epoca, il marchese de Ferrieres suggerì che “il re e la regina sembrano completamente favorevoli alla costituzione - e sono saggi a farlo… La gente è in delirio. Il re e la regina sono acclamati nel momento in cui appaiono. Quindi, vedi, tutto punta a un solido nuovo ordine di cose ". Altro Monarchiens (monarchici costituzionali) hanno espresso sentimenti altrettanto speranzosi.

Pessimismo

assemblea legislativa
Il capo di stato dell'Assemblea legislativa era un prigioniero virtuale nel 1791-92

Repubblicani e realisti politici avevano una visione più offuscata della situazione. Vedevano l’Assemblea Legislativa come un organo responsabile di un sistema politico impraticabile – in effetti, una legislatura zoppa.

La costituzione era stata promulgata ma il suo capo di stato era prigioniero dello stato dopo il suo tentativo fallito di fuggire da Parigi nel giugno 1791. La Francia era ormai una monarchia costituzionale, ma il suo monarca era riluttante, inaffidabile e impopolare. Il re, incapace, incerto e difficile da inquadrare sulle questioni politiche, espresse poca fiducia personale nella costituzione.

In una conversazione con il politico realista Bertrand de Molleville, Luigi XVI definì la Costituzione “tutt’altro che un capolavoro”. “Penso che abbia alcuni grandi difetti”, ha detto a Molleville, “ma ho giurato di mantenerla, nel bene e nel male… Applicare la Costituzione nei suoi termini letterali è il modo migliore per far sì che la nazione veda le modifiche di cui ha bisogno”. Questo passaggio suggerisce che l'Assemblea Legislativa si trovò di fronte a un re deciso al sabotaggio costituzionale.

Una mancanza di rappresentanza

“I 745 deputati, neoeletti a suffragio della virilità adulta, si riversavano a Parigi da tutte le parti della Francia ... Non c'erano personaggi scintillanti qui. Invece, sono venuti con galosce e ombrelli. In gran parte erano visti come uomini d'affari ed erano venuti a lavorare. Pochissimi possedevano una grande ricchezza e alcuni dovevano fare un uso attento della loro indennità di 18 lire al giorno ... C'era ancora molto lavoro da fare da parte dell'Assemblea legislativa, ma la struttura del compito era chiara e il suo trionfo era ormai fuori dubbio . Il re e l'assemblea erano in armonia. La rivoluzione era finita. "
CJ Mitchell, storico

Ad aggravare il problema della leadership esecutiva, la nuova Assemblea legislativa non era essa stessa né politicamente esperta né veramente rappresentativa del popolo francese.

L'Assemblea era stata eletta da "cittadini attivi", cioè quelli abbastanza benestanti da pagare una somma considerevole di tasse. La maggior parte dei cittadini della classe operaia non aveva il diritto di votare per la nuova legislatura. Questa esclusione indignò le sezioni radicali e i democratici del club giacobino, molti dei quali erano favorevoli al suffragio universale.

Anche l'Assemblea legislativa è stata ostacolata dall'ordinanza di rinnegazione, un regolamento proposto da Maximilien Robespierre e approvata dall'Assemblea Nazionale Costituente il 16 maggio 1791. L'ordinanza di abnegazione vietava a tutti i membri in carica dell'Assemblea Nazionale Costituente di candidarsi all'Assemblea Legislativa.

L'ordinanza di Robespierre era intesa come un atto di abnegazione politica, per rinnovare il governo e impedire un radicamento del potere nella nuova assemblea. Un piccolo numero di deputati si è opposto, sostenendo che la sostituzione dell'intera legislatura metterebbe a repentaglio la stabilità del governo.

Elezione e composizione

Le elezioni per l'Assemblea legislativa si sono svolte nel settembre 1791. La maggior parte dei 745 deputati eletti all'Assemblea legislativa aveva un record nel governo provinciale o municipale o nel servizio pubblico. Molti erano membri del Cercle Social e il Jacobin Club che non aveva vinto i seggi nell'Assemblea costituente nazionale.

Ciò non vuol dire che l’Assemblea fosse priva di uomini di talento o capacità. Tra quelli che avrebbero preso posto nell'Assemblea Legislativa c'erano Jacques Brissot, le Marchese de Condorcet, l'avvocato repubblicano Pierre Vergniaud, il commerciante giacobino Pierre Cambon e Georges Couthon, un alleato di Robespierre.

Poiché la costituzione teneva gli "elettori passivi" a distanza, la stragrande maggioranza dei deputati proveniva dalla classe media. Quasi la metà di loro (330 deputati) erano repubblicani, mentre circa un quarto (165) erano monarchici costituzionali di Feuillant e il resto (250) erano politicamente non allineati.

La fazione di Brissotin

assemblea legislativa
Jacques Brissot, la figura dominante nell'Assemblea legislativa

Nelle prime settimane dell'Assemblea, i deputati gravitarono attorno a leader di spicco e si svilupparono in fazioni. La più grande di queste fazioni era guidata dall'imponente figura di Jacques Brissot.

Un avvocato diventato giornalista politico, Brissot aveva acquisito la reputazione di letterato dedicato alla rivoluzione. Prima della sua elezione all'Assemblea legislativa, Brissot si è seduto in Comune di Parigi e ha tenuto diversi discorsi potenti al club giacobino. Era anche molto viaggiato e aveva molti contatti all'estero, competenze che hanno spinto Brissot alla nomina del comitato diplomatico dell'Assemblea.

Brissot era considerato un radicale nel 1789 quando occupò il centro-sinistra dell'Assemblea legislativa. Era un repubblicano moderato che voleva abolire la monarchia e la costituzione del 1791. Era anche favorevole alla guerra con i vicini europei della Francia: provocare il crollo della monarchia francese, esportare idee rivoluzionarie e minacciare monarchie altrove.

I seguaci di Brissot erano variamente conosciuti come i Brissotin, i Girondins (molti provengono dalla Gironda reparto) o i rolandisti (i loro leader frequentavano il salone of Madame Roland).

Problemi e sfide

Durante la sua breve vita, l'Assemblea legislativa ha dovuto affrontare molti problemi e sfide. Uno di questi era l'autorità costituzionale del re recalcitrante.

Luigi XVI mantenne due poteri significativi che influirono sul funzionamento dell'assemblea: il potere di nominare i ministri e il potere di veto sospensivo. Louis nominò la maggior parte dei suoi ministri dai Feulliants o dal centrodestra, e molte di queste nomine erano di dubbia qualità.

Il re creò anche polemiche e divisioni usando volontariamente il suo veto per bloccare le leggi dell'Assemblea. Nelle sue prime settimane, l'Assemblea legislativa ha elaborato una legge contro cui agire emigrati e preti non giuranti. Ha approvato queste leggi rispettivamente l'8 e il 29 novembre, ma entrambe hanno ricevuto il veto dal re. Altri veti reali seguirono nel 1792 e ogni veto innescò un'ondata di protesta pubblica contro il monarca.

Dichiarazione di guerra

assemblea legislativa
Un disegno di Luigi XVI che dichiara guerra all'Assemblea nell'aprile 1792

La misura più significativa dell'Assemblea legislativa è stata la sua dichiarazione di guerra rivoluzionaria contro l'Austria (20 aprile 1792). Ciò fu orchestrato da Brissot e dai Girondini, che credevano che la guerra avrebbe riorientato la rivoluzione, infiammato il nazionalismo francese e consolidato il proprio potere.

Tuttavia, gli eserciti rivoluzionari francesi se la passarono male nei primi mesi di guerra e nell'estate del 1792 un'invasione austro-prussiana sembrava imminente. La guerra avrebbe plasmato l'atmosfera a Parigi, in particolare dopo quella del Duca di Brunswick Manifesto di luglio che minacciava di decimare la città.

I parigini non si lasciarono intimorire e non si piegarono alle sue minacce, ma il timore di un'invasione straniera e di una controrivoluzione determinarono gli eventi che avvennero nella capitale nei mesi di luglio e agosto 1792. Il 10 agosto il popolo di Parigi insorse, sostituendo la Comune della città e invadendo gli appartamenti del re alle Tuileries. Il risultato finale fu la sospensione del re e la Costituzione del 1791.

Istigando una guerra contro altre potenze europee, frettolosamente e forse inutilmente, l’Assemblea Legislativa aveva contribuito alla propria fine.

assemblea legislativa della rivoluzione francese

1. L'Assemblea legislativa era l'organo di governo della Francia tra ottobre 1791 e settembre 1792. Ha sostituito l'Assemblea costituente nazionale.

2. L'Assemblea legislativa è stata costituita sotto la Costituzione di 1791, che ha creato una monarchia costituzionale con Luigi XVI come capo di stato.

3. L'Assemblea conteneva deputati 745. Quasi la metà erano repubblicani giacobini mentre il resto erano feuillanti (monarchici costituzionali) e moderati politici.

4. La fazione dominante nell'Assemblea erano i Girondini, guidati da Jacques Brissot. Questa fazione guidò la guerra contro l'Austria, che alla fine fu dichiarata nell'aprile 1792.

5. L'Assemblea Legislativa ha dovuto affrontare diverse sfide, tra cui l'inesperienza politica e le domande sia sull'autorità del re che sulla propria, data la sua rappresentanza limitata.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "L'Assemblea Legislativa"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/legislative-assembly/
Data di pubblicazione: 15 settembre 2019
Data di aggiornamento: 10 Novembre 2023
Data di accesso: 1 Marzo 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.