Mirabeau sull'Assemblea nazionale (1790)

Ad aprile 1790 Honore Mirabeau ha pronunciato questo discorso e ha risposto alle critiche pubbliche secondo cui l'Assemblea nazionale aveva superato la sua autorità:

“È con difficoltà, signori, che reprimo un'emozione di indignazione quando sento oratori ostili che si oppongono continuamente all'Assemblea nazionale e si sforzano di suscitare una sorta di rivalità tra loro. Come se non fosse attraverso l'Assemblea Nazionale che la nazione avesse riconosciuto, recuperato, riconquistato i suoi diritti! Come se non fosse attraverso l'Assemblea nazionale che i francesi fossero, in verità, diventati una nazione! Come se, circondati dai monumenti delle nostre fatiche, dei nostri pericoli, dei nostri servizi, potessimo farci sospettare dalle persone che sono sempre protettive della loro libertà ... Come se la gratitudine di tanti milioni ... non fosse una garanzia sufficiente della tua fedeltà, del tuo patriottismo, della tua virtù!

Incaricato di formare una costituzione per la Francia, non chiederò se, con tale autorità, non abbiamo ricevuto anche il potere di fare tutto ciò che era necessario per completare, stabilire e confermare la costituzione ... Ma se i signori insistono a chiedere quando e come da semplici deputati fummo trasformati in Assemblea Nazionale, rispondo: fu quel giorno, quando, trovando chiusa la sala dove dovevamo radunare, irta e inquinata di baionette, ricorremmo al primo posto, dove potevamo riunirci, giurare di morire piuttosto che sottomettersi a un tale ordine di cose!

Quel giorno siamo diventati uno per la distruzione del potere arbitrario e per la difesa dei diritti della nazione da ogni violenza. Gli sforzi del dispotismo, che abbiamo sedato; i pericoli che abbiamo scongiurato; la violenza, che abbiamo represso ... questi sono i nostri titoli! I nostri successi li hanno consacrati… Chiamata al suo compito dall'irresistibile gesto della necessità, la nostra Assemblea Nazionale è prima di tutto imitazione, come è soprattutto autorità. È responsabile solo verso se stesso e può essere giudicato solo dai posteri.

Signori, ricordate tutti l'istanza di quel romano che, per salvare il suo Paese da una pericolosa congiura, era stato costretto a oltrepassare i poteri conferitigli dalla legge. Un tribuno capzioso ha sfidato da lui il giuramento che aveva rispettato quelle leggi ... "Giuro", ha detto il tribuno "che hai osservato le leggi". "Lo giuro", rispose il grande uomo, "giuro di aver salvato la Repubblica." Signori, giuro che avete salvato la Francia! "