Citazioni: radicalismo crescente

Questa selezione di citazioni della Rivoluzione francese contiene osservazioni sul crescente radicalismo, da leader significativi, personaggi politici, Filosofi e osservatori. È stato selezionato e compilato dagli autori di Alpha History. Nuove quotazioni vengono aggiunte regolarmente. Se desideri inviare un preventivo pertinente e interessante, per favore contatta Alpha History.

"È il massimo della stupidità affermare che gli uomini che per mille anni hanno avuto il potere di rimproverarci, di spolverarci e di opprimerci impunemente, ora accetteranno, con buona grazia, di essere nostri pari".
Jean-Paul Marat

"Cittadini, volevate una rivoluzione senza rivoluzione?"
Maximilien Robespierre, 1792

“Cosa dovrebbe significare questa frase tanto ripetuta 'cittadino attivo'? I cittadini attivi sono quelli che hanno preso la Bastiglia ".
Camille Desmoulins

"Il segreto della libertà sta nell'educare le persone, mentre il segreto della tirannia sta nel mantenerle ignoranti".
Maximilien Robespierre

“Lo scopo del governo costituzionale è preservare la Repubblica. Lo scopo del governo rivoluzionario è gettare le sue fondamenta ".
Maximilien Robespierre, 1793

“Dimmi, amici francesi, è possibile? Se l'uomo che chiamate Santo Padre si mette in testa di opporsi alle vostre leggi, osate? O sei abbastanza stupido da rinunciarvi? Cosa ti aspetti da un Papa? Fanculo al Papa. Credimi, è il tuo turno, perché da dieci secoli ti ha fregato. "
Jacques Hébert dentro Pere Duchesne

“Giacobini, ho una verità da dirti. Non conosci i tuoi nemici più mortali; sono i preti costituzionali. Sono loro che protestano di più nelle province contro gli anarchici, i disorganizzatori, il dantonismo, il robespierrismo, il giacobinismo ... Non tenere più a cuore gli errori popolari; tagliare le radici della superstizione! Dichiara apertamente che i sacerdoti sono tuoi nemici ".
Jean-Paul Marat

“[Abbiamo bisogno] di qualcuno audace, che si metta a capo dei diseredati e li riunisca contro l'oppressore. Qualche grande personaggio che potrebbe affascinare le persone ... qualcuno saggio che potrebbe dirigere le azioni di una moltitudine sfrenata e fluttuante. "
Jean-Paul Marat

“Qui è stata preparata la rivoluzione. Qui è stato raggiunto. Qui sono stati promossi tutti i grandi eventi ".
Georges Couthon nel Jacobin Club

“Dobbiamo istituire un colpo di stato, una terza rivoluzione, che deve abbattere l'anarchia. Sciogli la Comune di Parigi e distruggi le sue sezioni! Dissolvi le clave, che predicano disordine e uguaglianza! Chiudi il Jacobin Club e sigilla i suoi documenti! … Il triumvirato di Robespierre, Danton e Marat, tutti i "livellatori", tutti gli anarchici. Quindi verrà eletta una nuova Convenzione ".
Jacques Brissot

“Quando un popolo, divenuto libero, stabilisce leggi sagge, la sua rivoluzione è completa ... Pace e prosperità, virtù pubblica, vittoria, tutto è nel vigore delle leggi. Al di fuori delle leggi, tutto è sterile e morto ".
Louis Saint Just, 1792

“Libri di tutti i tipi vengono stampati senza alcuna approvazione o privilegio. Molti sono esposti in platea, cosa molto impropria per gli occhi del pubblico. Uno di questi si chiamava Vita privata della regina, in due volumi, con stampe oscene… Di libri di questo tipo ne ho visti più di 30, con tavole [foto]. Un altro era su un argomento che non poteva nemmeno essere menzionato. "
Richard Twiss, un visitatore di Parigi in 1792

"[10 agosto 1792] è stato il giorno più sanguinoso della rivoluzione fino ad ora, ma anche uno dei più decisivi."
William Doyle, storico

"Non me ne frega un cazzo per i prigionieri, lascia che se la cavino da soli."
Attribuito a Georges Danton a settembre 1792

“I disorganizzatori sono coloro che vogliono livellare tutto: la proprietà, le comodità, il prezzo delle merci, i vari servizi resi allo Stato ... che vogliono che gli operai del campo ricevano lo stipendio del legislatore ... che vogliono livellare anche i talenti, conoscenza, le virtù, perché loro stessi non hanno nessuna di queste cose ".
Jacques Brissot, ottobre 1792

“Non si deve mai scendere a compromessi con i tiranni. Si può solo colpire i re attraverso la testa. Nulla ci si può aspettare dai re europei se non con la forza delle armi. Voto per la morte del tiranno ".
Georges Danton

“L'unico membro della [Convenzione nazionale] che ho visto la cui brutalità mi ha ributtato è stato Danton. C'era qualcosa di inesprimibilmente selvaggio nei suoi sguardi e nella sua voce stentorea. I suoi capelli arruffati gli davano l'aspetto di una bestia selvaggia. Per aumentare la fierezza del suo aspetto ripugnante, era profondamente segnato dal vaiolo e i suoi occhi erano insolitamente piccoli e scintillanti nell'oscurità circostante. "
JG Millingen, visitatore inglese a Parigi, 1793

“La monarchia è un oltraggio che anche i ciechi di un intero popolo non possono giustificare ... tutti gli uomini tengono alla natura la missione segreta di distruggere ovunque si trovi. Nessun uomo può regnare innocentemente. La follia è troppo evidente. Ogni re è un ribelle e un usurpatore. I re stessi trattano diversamente coloro che cercano di usurpare la loro autorità? "
Louis Saint Just, 1792

“È con rammarico che dico la fatale verità, Louis dovrebbe perire piuttosto che centomila cittadini virtuosi. Louis deve morire affinché il paese possa vivere. "
Maximilien Robespierre

“[Il re] è salito sul patibolo e ha voluto precipitarsi al fronte come se volesse parlare. Poi si è lasciato condurre nel luogo in cui era stato legato e dove ha esclamato a voce molto alta: "Gente, muoio innocente". Poi, voltandosi verso di noi, ci ha detto “Signori, sono innocente di tutto ciò di cui sono accusato. Vorrei che il mio sangue potesse cementare la felicità dei francesi "."
Charles Henri Sanson, carnefice di Luigi XVI

“Dì al tuo f-king presidente che può scopare se stesso e l'intera f-king Convention. Se i 22 [Girondini] non saranno qui entro un'ora, faremo saltare in aria l'edificio ".
Francois Hanriot, ufficiale della Guardia Nazionale, giugno 2 e 1793

“Negli ultimi quattro anni solo i ricchi hanno approfittato dei vantaggi della Rivoluzione ... Cento volte questa sala ha risuonato dei crimini di egoisti e furfanti. Hai sempre promesso di colpire le sanguisughe della gente ... Ti diciamo che non hai fatto tutto per la felicità delle persone ".
Jacques Hébert alla Convenzione nazionale, giugno 1793

“Se l'uomo che chiamate Santo Padre si mette in testa di opporsi alle vostre leggi, osate? O sei abbastanza stupido da rinunciarci? Cosa ti aspetti da un Papa? Fanculo al Papa. Credimi, è il tuo turno, perché da dieci secoli ti ha fregato. "
Jacques Hébert, 1793

"Coraggio? L'ho mostrato per anni. Pensi che lo perderò nel momento in cui le mie sofferenze finiranno? "
Attribuito a Maria Antonietta alla sua esecuzione, ottobre 1793

"Non conosco nessuno più insopportabile, più arrogante, più taciturno o più noioso."
Charles-Engelbert Oelsner su Robespierre, circa 1793

“[Robespierre] era vanitoso e geloso ma giusto e virtuoso. I suoi più grandi detrattori non avrebbero mai potuto accusarlo una volta della minima deviazione ... Se l'Assemblea fosse stata composta solo da Robespierre, la Francia oggi sarebbe forse solo un mucchio di macerie ".
Edmond Dubois-Crancé, politico giacobino, 1793


Le informazioni e le risorse in questa pagina sono © Alpha History 2015. Il contenuto di questa pagina non può essere copiato, ripubblicato o ridistribuito senza l'espressa autorizzazione di Alpha History. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.