Il comitato di pubblica sicurezza

comitato di pubblica sicurezza
Una caricatura francese di membri del Comitato di pubblica sicurezza

Il comitato di pubblica sicurezza (francese, Du Comite de Salut Public) è diventato un potente simbolo della Rivoluzione francese. È più strettamente associato - e spesso accusato di istigazione - Il regno del terrore.

A de facto esecutivo

Formata dal Convenzione nazionale nell'aprile 1793, il Comitato doveva fungere da consiglio di guerra e de facto gabinetto esecutivo. Conteneva nove seggi (in seguito estesi a 10, quindi 12) che venivano ruotati mensilmente, una procedura intesa a impedire a un individuo o una fazione di accumulare troppa potenza.

Nonostante ciò, entro sei mesi il Comitato di Pubblica Sicurezza è stato dominato dai radicali. Sotto il loro controllo, il Comitato ha iniziato ad operare in modo efficace ma anche autonomo dal legislatore. Alla fine del 1793, il Comitato dirigeva la Convenzione nazionale piuttosto che agire per suo conto. I membri del Comitato - piacciono agli uomini Maximilien Robespierre, Louis Saint-Just e Georges Couthon - sono diventati leader virtuali della rivoluzione.

Molti considerano il Comitato di Pubblica Sicurezza l'organo più responsabile del Regno del Terrore. Sebbene questo sia oggetto di dibattito, sembra chiaro che il Comitato abbia approvato e contribuito all'uso del terrore di stato nel 1793-94.

Altri comitati

Il Comitato di Pubblica Sicurezza non fu affatto il primo potente comitato della Rivoluzione francese. Tutti e tre i legislatori nazionali hanno istituito comitati per affrontare problemi o questioni, compresa la sicurezza e le potenziali minacce.

L'Assemblea nazionale costituente aveva un proprio comitato di polizia chiamato Comitato dei Recherches ("Comitato di ricerca"). Sotto il Assemblea legislativa, è stato riformato come Commissioni di sorveglianza ("Comitato di sorveglianza"). Con l'elezione della Convenzione Nazionale, questo gruppo è diventato il Comité de Sûreté Généraleo il Comitato di sicurezza generale (CGS).

Tutti questi comitati erano responsabili della protezione della sicurezza del nuovo regime. Sorvegliavano e perseguivano spie straniere e controrivoluzionari, controllavano i passaporti interni, trattavano i falsari e sovrintendevano alla sicurezza nelle province.

Il CPS prende forma

cps
Il generale Dumouriez, la cui defezione ha innescato la formazione del CPS

La primavera del 1793 vide l'emergere del Comitato di Pubblica Sicurezza. Il processo e l'esecuzione di Luigi XVI a gennaio 1793 ha lasciato la Convenzione senza un dirigente. Ha funzionato in questo modo per diversi mesi, tuttavia, i poveri progressi del Guerra rivoluzionaria e la crescita controrivoluzione in Vandea ha suscitato richieste per una leadership più forte nella Convenzione. 

Le cose sono arrivate al culmine in aprile 1793. In aprile 5th Charles Dumouriez, ex ministro degli esteri e uno dei migliori comandanti militari francesi, disertò in favore degli austriaci. Presto emerse che Dumouriez aveva negoziato con gli austriaci per settimane e aveva tentato di organizzare una forza controrivoluzionaria per prendere il controllo di Parigi.

Questa notizia ha scosso la Convenzione Nazionale, screditata Deputati Girondin che ha sostenuto Dumouriez e ha attivato inviti all'azione. Il giorno seguente, su richiesta di Georges Danton, la Convenzione ha creato il Comitato di pubblica sicurezza (CPS).

La funzione del CPS

La funzione del CPS era quella di ricevere e monitorare l'intelligence, gestire gli affari quotidiani della guerra e riferire settimanalmente alla Convenzione in sessione. Il CPS era autorizzato ad agire per conto della Convenzione ma doveva riferire settimanalmente alla Convenzione. I deputati della Convenzione potrebbero censurare il comitato, annullare le sue decisioni o rimuovere i suoi membri, sebbene in pratica ciò non sia mai accaduto.

Il CPS non aveva alcun potere intrinseco. Ciò che aveva invece era responsabilità, autonomia e segretezza. I suoi membri si incontravano a porte chiuse; non erano presenti testimoni o altri deputati e le loro discussioni sono rimaste segrete. Altrettanto importante, il CPS potrebbe prendere decisioni senza consultare la Convenzione.

I primi Comitati erano un microcosmo della Convenzione, contenente un mix di moderati e radicali. Durante le sue prime settimane, i membri del CPS hanno lavorato in modo collaborativo, ispirati da un senso di unità e scopo comune. Anche le loro misure hanno avuto successo, il che ha incoraggiato la Convenzione a riporre ancora più fiducia in questo gruppo.

Discesa nell'autoritarismo

comitato di pubblica sicurezza
Un rapporto del comitato di pubblica sicurezza, firmato da Robespierre e altri

La discesa del Comitato nell'autoritarismo iniziò con l'elezione di Robespierre al CPS il 27 luglio 1793. La composizione del Comitato cambiò poco nel corso dell'anno successivo; la Convenzione ha ribadito i suoi membri ogni mese e in settembre ha votato per aumentare il CPS a 12 membri.

Collettivamente, questo gruppo divenne noto come il "Grande Comitato" o i "Dodici che governarono". Avevano un'età media di appena 30 anni e otto dei 12 erano avvocati. Lavorando su un lungo tavolo ricoperto di panno verde, a volte per interi giorni e notti, il Comitato ha elaborato risposte alle minacce militari, all'insurrezione pubblica e alla disperazione economica.

Non tutti i membri del Comitato di Pubblica Sicurezza erano presenti in un dato momento. I singoli comitati erano spesso assenti durante le visite alle province o all'esercito. Durante questi periodi, il CPS ha operato con un quorum.

A ciascun membro sono stati assegnati portafogli o aree di supervisione. Robespierre era responsabile della polizia e della religione, mentre il suo alleato Louis Saint-Just e Lazare Carnot gestivano entrambi la strategia e la pianificazione della guerra. Robert Lindet era incaricato di reclutare e rifornire l'esercito, compito che gestì con un certo successo. Il giornalista radicale Bertrand Barère ha redatto un progetto di legge, ha rappresentato il CPS alla Convenzione nazionale e ha riferito sulle sue azioni.

L'accumulo di potere

Come è arrivato il Comitato di Pubblica Sicurezza a esercitare così tanto potere? Diversi indizi possono essere trovati negli atti del settembre 1793, quando la Convenzione nazionale conferì al CPS diversi nuovi poteri e responsabilità.

In settembre 14, al CPS è stato conferito il potere esclusivo di nominare deputati ad altri comitati. Tre giorni dopo, la Convenzione approvò la legge dei sospetti e, più tardi, quel mese, il Legge del massimo. Questi poteri hanno incoraggiato il CPS ad assumere un ruolo più attivo e interventista nel governo, nella politica di guerra e nella sicurezza nazionale.

I poteri ampliati hanno anche permesso ai membri del CPS di eliminare i loro nemici. Tra coloro che sono andati alla ghigliottina negli ultimi tre mesi del 1793 c'erano Marie Antoinette, Jacques Brissot e molti dei suoi compagni Girondini, Pierre Vergniaud, Olympe de Gouges, l'ex Duca di orleans, Roland, Jean-Sylvain Bailly e Antoine Barnave.

Nel dicembre 1793, il CPS non era solo politicamente potente, ma poteva rapidamente mettere a tacere la sua opposizione. Il 4 dicembre, la Convenzione ha formalizzato il potere del CPS approvando la legge del 14 Frimaire, in seguito soprannominata la "Costituzione del terrore". Questa legge ha consegnato il Comitato de facto potere esecutivo dichiarando la Convenzione Nazionale “l'unico centro di iniziativa del governo”.

Il punto di vista di uno storico:
“La controversia sul Comitato di Pubblica Sicurezza e sul suo posto nella storia della rivoluzione è iniziata ancor prima che scomparisse. È accreditato, da un lato, per aver supervisionato la difesa del paese e guidato la Francia alla vittoria in guerra su quasi tutte le altre nazioni in Europa. Ma d'altra parte, è condannato per aver supervisionato la macchina del Terrore e messo in atto quella che è stata spesso definita una dittatura giacobina. Se il primo richiedesse il secondo è al centro del dibattito ".
Paul R. Hanson

rivoluzione francese cps

1. Il Committee of Public Safety (CPS) era un potente comitato della Convenzione Nazionale, costituito nell'aprile 1793 in seguito alla defezione del generale Dumouriez agli austriaci.

2. Il CPS è iniziato come un comitato di nove uomini con pochi poteri intrinseci. La sua missione era di sorvegliare lo sforzo bellico e la sicurezza nazionale, riferendo settimanalmente alla Convenzione. I suoi membri venivano eletti ogni mese.

3. A settembre 1793 il CPS si era esteso a 12 uomini e la sua appartenenza raramente è cambiata. Durante questo mese la Convenzione ha approvato diverse misure che hanno aumentato il potere del CPS, come la legge dei sospetti e il massimo generale.

4. Con l'aumentare dei suoi poteri, il CPS iniziò anche a sradicare i suoi avversari politici. Diverse figure di spicco furono ghigliottinate tra ottobre e dicembre 1793, tra cui il leader girondino Jacques Brissot.

5. A dicembre 1793 la Convenzione ha approvato la legge di 14 Frimaire, che ha formalizzato il ruolo del CPS, dandogli de facto potere esecutivo.

comitato delle fonti di pubblica sicurezza

La convenzione nazionale costituisce il comitato di pubblica sicurezza (1793)
Madame de Staël sulla potenza di Robespierre e CPS (1798)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il Comitato di Pubblica Sicurezza"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/committee-of-public-safety/
Data di pubblicazione: October 17, 2019
Data di accesso: October 07, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.