La Comune di Parigi

comune di Parigi
Una rappresentazione della violenza popolare a Parigi durante il luglio 1789

La Comune di Parigi era il governo municipale di Parigi durante la Rivoluzione francese. Si è formato durante il insurrezione di luglio 1789. Il Comune ha svolto un ruolo importante nella vita della capitale. Non solo forniva funzioni civiche come la riscossione delle tasse, servizi e lavori pubblici, la Comune di Parigi era anche un'assemblea democratica in cui era rappresentata la gente comune di Parigi. Ciò diede alla Comune una grande influenza.

L'appartenenza al consiglio della Comune rifletteva la volontà politica del popolo di Parigi - moderato dal luglio 1789, radicale dall'agosto 1792. Nei suoi primi tre anni la Comune fu dominata dal borghesia e moderati liberali come Jean-Sylvain Bailly. Ma dopo il journée del 10 agosto 1792, il controllo del Comune fu preso da giacobini radicali come Georges Danton, Camille Desmoulins e Jacques Hébert.

Da questo punto, il Comune divenne direttamente rappresentativo delle sezioni di Parigi e senza culottes. Le azioni di questa Comune radicale hanno sfidato l'autorità del governo nazionale e hanno modellato la violenza di 1792-94.

La storia municipale di Parigi

Il governo municipale di Parigi ebbe le sue origini a metà del XIV secolo, quando la città era effettivamente gestita da mercanti.

Nel 1780, il consiglio comunale di Parigi fu chiamato Bureau de la Ville. Era diretto dal Prévôt des Marchands ("prevosto dei mercanti"), la città de facto Sindaco. Nonostante il suo titolo, il Provost non era più un commerciante; infatti, la maggior parte dei preposti erano impiegati pubblici e amministratori di carriera. 

Sia il Provost che il Bureau erano ospitati nell'Hôtel de Ville, un imponente edificio in stile rinascimentale sulle rive della Senna. Hanno svolto funzioni simili alle moderne amministrazioni cittadine: gestione del bilancio della città, riscossione delle tasse comunali e determinazione delle spese; sovrintendere alla costruzione e riparazione di infrastrutture come strade, ponti, pozzi e fontane; organizzazione della raccolta dei rifiuti; nominare strade, raccogliere informazioni sul censimento e tenere registri. Il prevosto e il Bureau avevano a disposizione alcune guardie ma nessuna forza di polizia permanente.

Disordini nei distretti

comune di Parigi
L'Hotel de Ville

Gli eventi del 1789 provocarono più sconvolgimenti e disordini a Parigi che altrove in Francia. Gran parte di questa agitazione ebbe origine nei quartieri della città.

Gli editti reali dei primi 1789 dividevano la città in distretti 60, allo scopo di eleggere il Stati Generali. Questi distretti non avevano altra giurisdizione e nessun ruolo nel governo locale; la loro unica responsabilità era quella di eleggere i delegati per gli Stati generali. Nel tumulto del 1789, tuttavia, questi distretti si mobilitarono per rovesciare il governo municipale della città. Come era comune nella Rivoluzione francese, questo è stato ottenuto con la violenza.

Il luglio 14th, poco dopo il La Bastiglia è stata violata nella parte orientale di Parigi, una folla armata dei quartieri si è radunata sui gradini dell'Hôtel de Ville. La folla ha chiesto di sentire Jacques de Flesselles, il prevosto in carica dei mercanti. Flesselles emerse dall'edificio e iniziò a rivolgersi alla folla, ma fu rapidamente ucciso da un assassino sconosciuto. Come il governatore della Bastiglia Bernard De Launay, Il corpo di Flesselles fu smembrato e la sua testa sfilò per Parigi su una picca. Non sorprende che i funzionari dell'Ufficio di presidenza siano fuggiti immediatamente dall'Hôtel de Ville, lasciando sia l'edificio che il governo municipale alla folla.

Un nuovo governo della città

comune di Parigi
Jean-Sylvain Bailly offre a Luigi XVI le chiavi di Parigi, luglio 17th 1789

Il giorno successivo, il 15 luglio, gli elettori dei 60 distretti di Parigi si sono riuniti per formare un nuovo governo municipale. Jean-Sylvain Bailly, famoso per i suoi contributi all'astronomia e per la sua guida del Terzo Stato presso gli Stati Generali, è stato eletto primo sindaco della città. Fu scelto il consiglio comunale, composto da deputati eletti dai 60 distretti di Parigi.

Il 17 luglio Luigi XVI si è recato da Versailles a Parigi, una visita di buona volontà per incontrare il nuovo governo municipale. La visita del re procedette bene, nonostante un colpo sparato alla carrozza reale mentre attraversava i distretti.

Louis è stato accolto dai membri della Comune, guidati da Bailly, che ha presentato al re le chiavi della città. Il re ha frequentato l'Hôtel de Ville, dove è stato presentato con una grande coccarda rossa e blu; lo attaccò al cappotto senza esitazione. Questo gesto ha suscitato applausi, applausi e grida di "Vive le roi!". Successivamente, il re accettò di licenziare i suoi ministri conservatori e di rinominare Jacques Necker nel suo gabinetto. Il monarca francese, a quanto pare, aveva accettato la Comune di Parigi e la volontà del suo popolo.

L'omicidio di Foullon

Gli eventi del 17 luglio non hanno posto fine alla sete di sangue a Parigi. Il 22 luglio, alcuni parigini hanno scoperto uno dei ministri del re, Joseph-François Foullon de Doué, nascosto in città. Foullon era un uomo ricercato per due ragioni significative. Il re, dopo aver licenziato il popolare Jacques Necker il luglio 11th, aveva nominato Foullon come suo sostituto. I giornali parigini avevano anche accusato Foullon, probabilmente falsamente, di aver dichiarato che le persone affamate dovevano mangiare il fieno.

Il Foullon catturato fu preso sotto scorta dal Municipio e per un po 'sembrò che la folla lo avrebbe risparmiato. Ma nonostante i discorsi di Bailly e Lafayette, una folla frenetica rapì Foullon e strangolò il vecchio di fronte alla Comune. La sua testa fu tolta, imbottita di fieno e posta sopra un luccio; il resto del suo corpo è stato spogliato e fatto a pezzi.

Queste parti del corpo sono state poi sfilate per Parigi. Superarono Gouverneur Morris, un politico rivoluzionario americano in visita in Francia. "Dio grazioso, che popolo!" Morris in seguito scrisse in una lettera a Lafayette. “Siamo tornati indietro di secoli alle atrocità pagane? E parli di fare di questo popolo l'autorità suprema in Francia? La tua festa è pazza! "

La Comune si stabilisce

Alla fine di luglio, i disordini a Parigi si erano risolti e la nuova Comune iniziò a svolgere i compiti di un governo municipale. Sono stati formati vari comitati per sovrintendere all'amministrazione, ai lavori pubblici, alla polizia, ai mercati e alle forniture alimentari. Furono formati comitati speciali per gestire la demolizione della Bastiglia e la vendita del suo contenuto per i poveri.

Il 21 maggio 1790, l'Assemblea nazionale costituente approvò una legge che istituiva formalmente la Comune come organo di governo di Parigi. Questa legge ha anche riorganizzato le divisioni elettorali della città, abolendo i 60 distretti creati nel 1789 e sostituendoli con 48 sezioni più grandi. Queste sezioni hanno inviato tre deputati ciascuna, 144 in totale, al Consiglio generale della Comune, dove si sono seduti per un mandato di due anni. Il Comune ha mantenuto il controllo completo della Guardia Nazionale, così come una piccola forza di polizia o gendarmeria.

Il comune radicale

La Comune rimase in controllo della capitale attraverso la rivoluzione. Questo controllo si è intensificato dopo il journée di agosto 10 1792, quando i mob hanno attaccato le Tuileries e radicali come Georges Danton, Camille Desmoulins e Jacques Hébert presero il controllo della Comune e del suo consiglio.

Questo nuovo organo, che si autodefiniva una 'Comune rivoluzionaria', fu fortemente influenzato dalle assemblee sezionali e senza culottes. La Comune rivoluzionaria ha spesso sfidato il potere del governo nazionale, prima il Assemblea legislativa, Allora l' Convenzione nazionale. I membri della Comune hanno avuto una mano sia nei massacri di settembre (1792) sia nell'insurrezione che ha portato all'espulsione dei Girondini dalla Convenzione (giugno 1793).

Per un certo periodo, Parigi fu governata da un'alleanza tra la Comune, i giacobini e la senza culottes. Ma il potere della Comune iniziò a scemare all'inizio del 1794. L'assassinio di Jean-Paul Marat (Luglio 1793) e le esecuzioni di Hébert (marzo 1794) e Danton (aprile 1794) hanno derubato il Comune di alcuni dei suoi leader più influenti. Nel frattempo, il potere crescente del Comitato di pubblica sicurezza negò gran parte dell'influenza della Comune.

Il punto di vista di uno storico:
“Il Comune del 10 agosto non si è materializzato all'improvviso dal nulla. Alcuni sans-culottes erano in carica dal 1790, alcuni anche dal 1789 ... Nel complesso, i membri della Comune erano un discreto spaccato della Parigi della classe operaia, insieme ad alcuni noti oratori dei club, e uno o due personaggi sgradevoli ... Portata al potere con la forza delle armi, la Comune [agosto 1792] è stata in grado di sfruttare la sua capitale del terrore ".
François Furet

rivoluzione francese parigi comune

1. La Comune di Parigi era il governo municipale della capitale francese, formato dopo il rovesciamento dell'Ufficio e prevosto dei mercanti della città il 14 luglio 1789.

2. La prima Comune di Parigi fu riempita borghese delegati e guidati da Jean-Sylvain Bailly. Ha lavorato per istituire un governo municipale a Parigi, ascoltando petizioni e fornendo servizi.

3. L'autorità formale della Comune proveniva da un decreto del 21 maggio 1790, che divideva Parigi in 48 sezioni. Ogni sezione ha eletto tre delegati al Consiglio Generale della Comune.

4. La direzione della Comune cambiò in modo significativo il 10 agosto 1792, quando i giacobini radicali come Danton, Desmoulins e Hébert ottennero il controllo del consiglio e si dichiararono una "Comune rivoluzionaria".

5. Da questo punto, il Comune divenne strettamente associato con le sezioni, i giacobini e il senza culottes, le sue azioni contribuiscono alla violenza rivoluzionaria e sfidano l'autorità del governo nazionale.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La Comune di Parigi"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/paris-commune/
Data di pubblicazione: Luglio 24, 2018
Data di accesso: 19 Maggio 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.