Testimoni oculari dei giorni di ottobre (1789)

ottobre 1789
Un disegno delle donne di Parigi, che assediò Versailles nell'ottobre 1789
In ottobre 5 1789 un folto gruppo di parigini della classe operaia, il cui numero era dominato da donne, marciava per miglia 12 dalla città alla proprietà reale di Versailles. Infiammato dalla carenza di cibo e dalle teorie della cospirazione, la maggior parte voleva che il re migliorasse l'offerta e l'accessibilità economica del pane a Parigi. Alcuni speravano anche di forzare Luigi XVI e l'Assemblea nazionale di Versailles e di nuovo a Parigi, ponendo fine al loro isolamento dal tumulto nella capitale. La folla rimase a Versailles per due giorni di tensione. Durante questo periodo ci furono delegazioni al re e all'Assemblea nazionale, atti di violenza e omicidio contro le guardie reali e un ingresso forzato negli appartamenti reali. Desideroso di evitare uno scontro mortale tra i suoi soldati e i manifestanti, il re cedette e acconsentì ad accompagnare i manifestanti a Parigi. I seguenti resoconti di testimoni oculari, raccolti dagli stessi investigatori dell'Assemblea Nazionale, catturano parte della tensione delle Giornate d'Ottobre:

Jean-Jacques de Tergat, 50, capitano di fanteria:

“[Tergat era] in servizio all'Assemblea nazionale a Versailles il 5 ottobre. Fu avvertito da ciò che aveva sentito la sera prima: che donne e uomini di Parigi, in grandissimo numero, stavano arrivando per portare via il re, la famiglia reale e l'Assemblea nazionale. È stato informato alle 11 del mattino che uomini e donne erano stati visti nella pianura di Sevres armati di picche, fucili e altre armi, trascinando cannoni. Li vide arrivare verso le quattro e mezzo in Avenue de Paris ed entrare nell'Assemblea nazionale.

Il primo gruppo era composto da quasi tutte le donne. Avevano in testa un individuo che chiamavano Maillard e in cui sembravano avere grande fiducia. La questione è stata riferita al presidente [dell'Assemblea nazionale], ha ordinato che una dozzina di loro dovrebbe essere consentito di entrare. In accordo con questo ordine, circa una ventina di queste donne entrarono ... Maillard, che era il portavoce, disse che erano venute a chiedere del pane e che erano certi che i soldi fossero stati distribuiti ai mugnai per impedire loro di macinare, sebbene potessero fornire nessuna prova di questo fatto. L'Assemblea continuò la sua sessione e approvò un decreto sulla fornitura di cibo, quindi lo portò immediatamente al re, che lo approvò ...

Dopo essere uscito, [Tergat] trovò un numero considerevole di donne che chiesero di entrare ... In mezzo a queste persone udì pronunciare una grande massa di osservazioni e orrori contro la regina, che chiarirono i progetti che avevano di sottoporla al trattamento atroce. Queste cose lui ... sentì molto chiaramente e furono ripetute più volte ...

Al termine dell'ultima sessione dell'Assemblea, per quanto possibile, sono stati forniti cibo e bevande a tutti. Circa ottocento, novecento o mille [manifestanti] hanno passato la notte nell'atrio. Poiché erano sporchi di fango e bagnati, alcuni si tolsero le gonne, altri i pantaloni e le calze per asciugarli. Durante la notte sono passate tra queste persone scene indecenti che egli ritiene inutile raccontare ".

Jean-Baptise-Pierre Prieur, 46 anni, servo del re:

“Verso le quattro [vide] una moltitudine di donne avvicinarsi alla grata del castello. Era chiuso. Queste donne nominarono una delegazione di quattro o cinque tra loro ... Chiesero di parlare con il re. Sua Maestà venne e parlò loro con grande gentilezza. Disse loro, con le lacrime agli occhi: 'Dovreste conoscere il mio cuore. Vado a farti raccogliere e dare a te tutto il pane di Versailles ”. Queste donne si ritirarono soddisfatte.

Un quarto d'ora dopo queste stesse donne, seguite da un gran numero di altre, si presentarono in tumulto ... Fingevano che i loro compagni non si accontentassero della parola del re; volevano un documento firmato da lui. Hanno assicurato che volevano solo pane, che non erano seguiti da una banda armata ... Sembrava che non fossero donne dei mercati ma cortigiane del Palais Royal e di Rue Saint-Honoré ... Alcune erano molto carine ...

La guardia dei sigilli redasse frettolosamente un ordine che il re firmò, ordinando che fosse portato il grano da Lagni e da altri luoghi vicini. Questo ordine è stato dato alle donne, che si sono ritirate soddisfatte. "

Felix Alandre Gallemand, 20, segretario dell'Assemblea nazionale:

"Verso le sei [la mattina del 6 ottobre] vide una numerosa truppa di persone di entrambi i sessi, armati di picche, randelli e altre armi, entrare nella corte dei ministri dal cancello di ferro ... e avanzare fino a come la porta di ferro della corte reale, che loro [le guardie] si rifiutarono di aprire per loro. Questo gruppo si divideva in due bande: una andava alla corte della cappella, l'altra alla corte dei principi.

Questo secondo gruppo ha raggiunto la corte reale ... Durante questo periodo, una guardia reale, che era sul balcone, è stata colpita da un membro della guardia nazionale parigina. La guardia reale non è stata colpita dallo sparo ma ha risposto al fuoco con un colpo di pistola, che ha fatto esplodere il cervello della Guardia Nazionale. Allora il popolo con le picche si precipitò in mezzo alla folla, salì furiosamente le scale e si gettò sulle guardie reali, che erano sopraffatte.

Questa stessa truppa si recò immediatamente nell'appartamento della regina, guidata da un uomo mal vestito. La guardia reale in servizio alla porta di questo appartamento è stata uccisa mentre difendeva l'ingresso, ma ha avuto il tempo di gridare dal buco della serratura: "Salvate la regina!" Uno dei suoi compagni è venuto a prendere il suo posto, per difendere l'ingresso dell'appartamento. Ha ricevuto un colpo in testa dal calcio di un moschetto, datogli da un soldato ... L'uomo, credendo che la guardia reale fosse morta, prese i suoi due orologi e il denaro, lo lasciò ed entrò nell'appartamento della regina, con altri picchieri in gran numero. "