Desmoulins sugli eventi di luglio 1789

Il luglio 15th la giornalista radicale Camille Desmoulins ha scritto a suo padre sulla rivoluzione in corso a Parigi:

"Carissimo padre,

Ora posso scriverti. Come sono cambiate le cose negli ultimi tre giorni! Domenica scorsa, Parigi è rimasta sbalordita dal licenziamento di Necker; [ancora] nessuno avrebbe preso le armi nonostante i miei sforzi per galvanizzare le persone in azione.

Verso le tre sono andato al Palais-Royal. Stavo deplorando la nostra mancanza di coraggio a un gruppo di persone quando tre giovani uomini sono passati, tenendosi per mano e gridando "Aux armes!" [Alle armi!]. Mi sono unito a loro, il mio entusiasmo era abbastanza evidente; Sono stato circondato e spinto a salire su un tavolo: c'erano subito seimila persone intorno a me.

Ero pieno di centinaia di idee e parlai senza pensarci: "Aux armes!" Ho gridato: "Indossiamo tutti le coccarde". Ho preso un nastro e l'ho appuntato al cappello.

La mia azione si è diffusa a macchia d'olio! Il rumore del tumulto raggiunse il campo; arrivarono i Cravate, gli Svizzeri, i Dragoni, i Royal-Allemand. Il principe Lambesc, a capo di quest'ultimo, entrò a cavallo nelle Tuileries. Ha personalmente abbattuto un Garde Francais disarmato con la sua spada e fatto cadere donne e bambini. La folla si scatenò di rabbia. E poi ci fu un solo grido in tutta Parigi: "Aux armes!" "