Pere Duchesne sulla vita dei sans culottes (1794)

In un estratto del giornale radicale di Parigi Pere Duchesne, lo scrittore confronta le vite felici e contese di senza culottes con la vigile paranoia di avidi capitalisti e accaparratori:

“Mi fa davvero male vedere un gruppo di mascalzoni costruire castelli in aria, sacrificare l'onore e la patria e rischiare la ghigliottina per diventare ricco. Chi è servito da questa ricchezza? Chi ha molto oro e case, cena due volte? Inferno! Se solo potessimo leggere le menti di tutti i poveri diavoli che hanno ammassato soldi su soldi per riempire le loro casse; se comprendessimo gli stupori di tutti questi avari che scuoiano le pulci per ottenere le loro pelli ... spaventati fino al midollo delle ossa dal minimo rumore, gridando pietà quando sentono gridare giudizi contro alcuni truffatori, strappandosi i capelli quando i ricchi sono costretti ad allentare i cordoni della borsa per aiutare il loro paese ...

Esiste nel mondo una tortura peggiore di questa? Che dannata differenza c'è tra il destino di questo patetico personaggio e quello dell'onesto sans culotte, che vive di giorno in giorno con il sudore della fronte. Finché ha una pagnotta da quattro libbre nella sua scatola del pane e un bicchiere di vino rosso, è contento. Appena si sveglia, è felice come un'allodola, e alla fine della giornata, prende i suoi strumenti e canta la sua canzone rivoluzionaria, La Carmagnole. La sera, dopo aver lavorato duramente tutto il giorno, va nella sua sezione. Quando appare lì tra i suoi fratelli, non lo guardano come se fosse un mostro, e lui non vede tutti bisbigliarsi e puntare il dito contro di lui come farebbe un nobile o un moderato.

Gli stringono la mano, gli danno una pacca sulla spalla e gli chiedono come sta. Non si preoccupa di essere denunciato; non è mai minacciato di incursioni in casa sua. Tiene la testa alta ovunque vada. La sera, quando entra nella sua baracca, la moglie si precipita a salutarlo, i suoi bambini lo abbracciano, il suo cane balza in piedi e lo lecca. Racconta le notizie che ha sentito in sezione. È felice come un mollusco quando racconta di una vittoria sui prussiani, sugli austriaci o sugli inglesi. Racconta di come fu ghigliottinato un generale traditore, un seguace di Brissot. Mentre racconta ai suoi figli di questi furfanti, fa loro promettere di essere sempre buoni cittadini e di amare la Repubblica sopra ogni altra cosa. Poi cena con un appetito sostanzioso e, dopo aver mangiato, intrattiene la sua famiglia leggendo loro ... "