Bailly alle elezioni per gli Stati Generali (1789)

A marzo 1789 il noto astronomo e futuro sindaco di Parigi, Jean-Sylvian Bailly, ha espresso il suo piacere nel poter partecipare alle elezioni degli Stati Generali:

“Quando mi sono trovato nel mezzo dell'assemblea di distretto, ho sentito di respirare un'aria nuova. Era una meraviglia essere qualcosa nel sistema politico, e questo semplicemente in virtù dell'essere cittadini, o meglio borghesi di Parigi, perché a quel tempo eravamo ancora borghesi, non cittadini.

Gli uomini che per anni si erano incontrati nei club erano soliti discutere di affari pubblici al loro interno, ma solo come argomenti di conversazione. Non avevano diritti, nessuna influenza. Qui avevamo il diritto di eleggere, almeno come in passato nelle tenute generali, il diritto di presentare richieste e di redigere elenchi di rimostranze (cahier).

Qui abbiamo avuto un'influenza - distante, certamente, ma ottenuta per la prima volta in oltre un secolo e mezzo. E questo privilegio era stato conquistato da una generazione illuminata che ne comprendeva il valore e avrebbe potuto estenderne i vantaggi.

Questa assemblea, una parte così piccola della nazione, era tuttavia consapevole dei diritti e della forza dell'insieme. Si rese conto che questi diritti e questa forza gli conferivano una sorta di autorità, che può risiedere nelle volontà di individui che sono destinati a formare la volontà generale ".