Gli emigrati

emigrati
Una grafica 1790 che raffigura la disperazione di due emgires francesi

An emigrato (francese per "emigrante") era un individuo fuggito dalla Francia rivoluzionaria, volontariamente o sotto minaccia di morte o esproprio. Il numero di emigrati dalla rivoluzione si ritiene abbiano superato i 100,000. Questi rifugiati politici spesso si stabilivano e vivevano in comunità di espatriati all'estero. Alcuni maledissero la rivoluzione e lavorarono per formare eserciti per sconfiggerla, anche se i loro sforzi furono inutili. Il nuovo regime in Francia rispose sequestrando le loro ricchezze e promettendo l’arresto e l’esecuzione se mai fossero tornati.

Chi erano i emigrati?

Contrariamente all'opinione popolare, non tutti emigrati sono stati nobili – infatti, meno di uno su cinque possedeva titoli nobiliari. Più della metà di tutto emigrati erano membri del Terza proprietà, di solito benestante borghesia o coloro che fuggono per motivi religiosi.

Dopo essere fuggito, emigrati di solito si riunivano in luoghi fuori dalla portata dei rivoluzionari, come le province esterne della Francia, altri regni europei o oltre il canale in Inghilterra. Maggior parte emigrati cercavano sicurezza dalla violenza della rivoluzione, ma alcuni sognavano anche di organizzare un esercito per invadere la Francia, schiacciare la rivoluzione, liberare il re e ripristinare il vecchio ordine. Dai loro sforzi vennero fuori ben poco e soprattutto controrivoluzionari emigrati furono invece assorbiti in eserciti stranieri.

In Francia, il nuovo regime ha condannato emigrati come nemici della rivoluzione. Furono approvate leggi e ordinanze che privarono questi individui e famiglie dei loro titoli, proprietà e diritti.

I primi a fuggire

La prima ondata di emigranti lasciò la Francia già a metà del 1789. Uno dei primi a partire fu Carlo Filippo, conte di Artois, un fratello minore del re. Un arci-conservatore che era considerato "più realista del re", il conte di Artois fu sgomento dagli eventi del Proprietà generali e la violenza a Parigi.

Il luglio 17th, tre giorni dopo il caduta della Bastiglia, Artois e un piccolo gruppo di cortigiani lasciarono la Francia per gli stati italiani. Alcuni sostenevano che fosse fuggito su consiglio del re, che voleva assicurarsi un monarca alternativo, ma le prove a sostegno di ciò sono scarse.

A settembre, il conte di Artois e il suo emigrato La coorte aveva sede a Torino dove istituì un comitato per organizzare e promuovere la controrivoluzione. Artois avrebbe trascorso i due anni successivi cercando di convincere i governi stranieri a formare un esercito e intervenire in Francia. Progettò anche di assumere mercenari per rapire il re e trasferirlo in una provincia più sicura, dove Luigi avrebbe potuto riformare il governo nazionale. Nessuno di questi piani è stato realizzato.

Comunità all'estero

emigrati
Un cartone animato inglese di emigrati francesi che riceve cattive notizie da casa

Il flusso di emigrati tendeva ad accelerare dopo la violenza radicale o qualche sviluppo portentoso, come il Giorni di ottobre in 1789 o Costituzione civile del clero nel 1790. Nell'estate del 1791 ce n'erano considerevoli emigrato comunità di Londra, Vienna, Amburgo, Aix-la-Chapelle e Coblenza.

Londra era di gran lunga la più grande di queste, ospitando circa 40,000 rifugiati della rivoluzione. La maggior parte di Londra emigrato la comunità cercava rifugio e un ritorno all'alta società; hanno tentato di ricreare il Saloni e balli che frequentavano a casa. C'erano almeno tre giornali di lingua francese a Londra che soddisfacevano emigrati; le pagine di questi giornali erano piene del ridicolo della rivoluzione e dei suoi leader.

Molti emigrati aveva un genuino senso di ottimismo sulla loro situazione. Secondo il radicale Jacobin Choudieu, "l'emigrazione è diventata una sorta di moda ... Le nostre stesse donne della moda hanno incoraggiato questo nuovo tipo di crociata e hanno inviato lettere a coloro che rimandavano". Questo ottimismo è diminuito quando il London emigrato set, rimosso dalle loro proprietà terriere, imprese e reddito, ha iniziato a rimanere senza soldi.

Organizzare la controrivoluzione

emigrati
Una caricatura del visconte Mirabeau, che era ben noto per il suo bere

Molti emigrati nel continente erano più interessati a porre fine alla rivoluzione, per facilitare il ritorno in patria e il recupero delle proprie ricchezze.

I giovani nobili e gli ex ufficiali militari erano in prima linea nel controrivoluzionario emigrato eserciti. Una delle prime forze significative fu La Legione Nera ('La Legione Nera'), formata alla fine del 1790 da André Riqueti, visconte Mirabeau, fratello minore del leader dell'Assemblea Nazionale Honore Mirabeau. Riqueti era un ubriaco di cattivo umore che, a differenza di suo fratello, era totalmente contrario alla rivoluzione. Riuscì a radunare quasi 1,000 uomini prima di vendere la Legione Nera a un altro emigrato nobile.

La città tedesca di Coblenza divenne un punto di ritrovo per l'attività militare controrivoluzionaria, guidata da due fratelli di Luigi XVI, i Conti d'Artois e la Provenza. Questi reali borbonici brandivano ingenti somme di denaro fornite da altri emigrati e le corti reali di Austria, Prussia e Spagna, ma non era ancora abbastanza per il compito da svolgere. Hanno trovato difficile reclutare un gran numero di soldati di fanteria, anche perché la maggior parte emigrati dovrebbero essere ufficiali piuttosto che fanti.

Una volta formato, emigrato gli eserciti adottarono una struttura organizzativa che rifletteva la vecchia società. Chateaubriand lo notò emigrato l'esercito “era composto da nobili, raggruppati secondo la [loro] provincia. Alla fine dei suoi giorni, la nobiltà stava tornando alle sue radici e alle radici della monarchia, come un vecchio che regredisce alla sua infanzia ”.

“Gli emigrati francesi, guidati da Artois e Calonne, intendevano usare gli alleati per recuperare la posizione perduta in Francia, i loro possedimenti signorili e le loro precedenti doti di nobiltà. A loro importava poco di Luigi XVI, che consideravano un imbroglione della Rivoluzione ... Se speravano di assicurare la [sua] sicurezza personale e di sostenere la dignità dei reali in generale, non avevano alcun programma per il riassetto interno della Francia, e preferivano semmai che la monarchia francese dovrebbe rimanere indebolita da problemi insolubili ".
Robert R. Palmer, storico

Problemi e fallimenti

Nonostante la loro determinazione, la maggior parte di emigrato gli eserciti erano fallimenti. Erano costosi da organizzare e fornire, avevano problemi con l'organizzazione interna e la disciplina militare e non erano ben guidati.

La emigrato gli eserciti raggiunsero il loro apice a metà 1792 quando i loro numeri si avvicinarono a 25,000. A luglio 1792, emigrato i comandanti hanno convinto il duca di Brunswick a emettere il suo famoso manifesto, minacciando la popolazione di Parigi di devastazione se qualche danno arrivasse alla famiglia reale.

La emigrato gli eserciti erano estremamente fiduciosi delle loro capacità, ma le loro prime incursioni in battaglia si rivelarono disastrose. Alla fine di agosto 1792, un 16,000 uomini emigrato la forza pose l'assedio alla città francese di Thionville ma non riuscì a catturarla, nonostante fosse in inferiorità numerica per quattro a uno. A Longwy e Verdun, il emigrati ottenuto praticamente nulla. A Valmy arrivarono dopo che la battaglia era terminata.

Esperti generali prussiani e austriaci persero fiducia emigrato battaglioni, trovando il emigrato leader arroganti e insopportabili con cui lavorare.

Il nuovo regime risponde

emigrati
Un cartone animato che ridicolizza gli emigrati mentre lasciavano la Francia rivoluzionaria

Da aggiungere a questi fallimenti militari, emigrato i leader non sono riusciti a comprendere gli sviluppi in Francia. La rivoluzione, nonostante tutti i suoi difetti, difficilmente sarebbe stata schiacciata da una forza esterna. Come hanno dimostrato gli eventi del 1792, le minacce esterne rafforzarono il nazionalismo rivoluzionario e provocarono una violenza radicale.

La emigrati credeva anche che una volta che i loro eserciti fossero entrati in Francia, i contadini li avrebbero accolti a braccia aperte e si sarebbero offerti volontari per il servizio militare. Questo era tutt'altro che vero. Anche se molti contadini della Francia nord-orientale si opposero alla rivoluzione, non avevano alcun desiderio di riaccogliere i loro ex nobili padroni.

La capacità del emigrati minacciare o minare il nuovo regime era trascurabile. Questo non è stato perso per i rivoluzionari, che hanno ridicolizzato il emigrati sia in parola che in caricatura (vedi foto sopra).

A Parigi, il governo rivoluzionario ha preso provvedimenti contro il emigrati chi l'ha minacciato. A novembre 9 1791, l'Assemblea legislativa ha ordinato tutto emigrati ritornare in Francia “sotto pena di morte” (anche se questa legge fu posta il veto da Luigi XVI tre giorni dopo). Il 9 febbraio 1792 l'Assemblea approvò un altro decreto, dichiarando la proprietà di emigrati essere bien nationaux ("beni nazionali").

Il sequestro di emigrato la proprietà continuò per tutta l'estate del 1792. Il 25 ottobre, la neonata Convenzione Nazionale andò oltre, vietando tutti i emigrati dalla Francia e promettendo loro una visita immediata alla ghigliottina se mai dovessero tornare.

emigrati della rivoluzione francese

1. il emigrati erano quelli che sono fuggiti dalla rivoluzione, sia per sicurezza, sia per organizzare la controrivoluzione. Ce n'erano più di 100,000 emigrati tra 1789 e 1794.

2. Solo una piccola parte di emigrati Erano nobili, infatti, la maggior parte apparteneva al Terzo Stato. Andarono in esilio nelle province esterne della Francia, in altri regni europei o attraverso la Manica a Londra.

3. Londra ha avuto il più grande emigrato popolazione, che ospita circa 40,000 rifugiati dalla Francia rivoluzionaria. Il emigrati lì tentò di ricreare la società e la cultura dell'Ancien Régime.

4. Altro emigrati, in particolare quelli di Coblenza, tentarono di organizzare eserciti controrivoluzionari. Questi eserciti erano tuttavia afflitti da problemi e le loro prime iniziative militari andavano da inefficaci a disastrose.

5. Il nuovo regime ha applicato severe sanzioni contro il emigrati, ordinando il sequestro e la vendita delle loro proprietà, vietando loro di rientrare in Francia e promettendo la pena di morte in caso di ritorno.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Gli emigrati"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/emigres/
Data di pubblicazione: 14 settembre 2019
Data di aggiornamento: 10 Novembre 2023
Data di accesso: 29 Novembre 2023
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.