Raualt sui disordini di 12-13 Germinal (1795)

Nicolas Raualt, un libraio parigino, scrive a suo fratello delle rivolte di 12-13 Germinal, Anno III (1st aprile e 2 e 1795), una rivolta popolare contro termidoriani:

“Paris, 24 Germinal, Anno III

Gli affari pubblici sono mille volte peggiori a Parigi che con te, mio ​​caro amico. Ci siamo persi qui in un immenso abisso. Siamo diventati un'idra con teste 650,000 con altrettanti stomaci vuoti che hanno fame da molto tempo ormai, ed è impossibile, non necessariamente soddisfare la fame, ma darle da mangiare per metà.

Non oso dirti tutto ciò che viene detto, tutte le maledizioni che si sentono nelle lunghe file che si formano ogni sera, ogni notte, alle porte dei fornai, nella speranza di ottenere, dopo cinque o sei ore di attesa, a volte mezza libbra di biscotto a persona, a volte mezzo chilo di pane cattivo, a volte sei once di riso o sei once di biscotto a persona. Eppure il governo tratta gli uomini 4,000 o 5,000, che perdono metà della giornata lavorativa in attesa di questa minuscola porzione di cibo miserabile, che si lamentano della loro povertà e dell'orrore della loro esistenza, come sediziosi.

È noto da tempo che la fame è sediziosa per natura. È "maschiuada" [cattivo consiglio], come disse energicamente il grande poeta Virgilio. Bandiscilo e queste persone apparentemente sediziose scompariranno. Non entreranno più nell'agosto Senato francese, come hanno fatto il 12 di questo mese, per gridare: 'Dacci il pane! Dacci il pane! La gente non parlerà più di [rivolte] ...

Non è più il momento di ridere o saltare. La farina destinata a Parigi viene fermata per strada e rubata dai cittadini, anche più affamati, senza dubbio di noi stessi, se tale è in tutta la Repubblica. Eppure la farina non manca da nessuna parte! C'è ancora molto in serbo nei dipartimenti del Nord, del Pas-de-Calais, della Somme, della Seine Inferieure, ecc. I contadini si rifiutano assolutamente di venderlo per carta moneta. Devi andare da loro e prendere biancheria o argento da tavola, gioielli o croci d'oro per ottenere pochi staia. I disgraziati! Agricoltori brutali e avidi! Stanno approfittando dell'assurda libertà illimitata del commercio di cereali nel paese ...

La discordia è più saldamente stabilita che mai nel seno [della Convenzione]. Tornò trionfante con i 73 prigionieri e i 18 fuorilegge. Ora siamo tornati al punto in cui eravamo alla fine di aprile 1793 - e cento volte peggio per quanto riguarda le questioni finanziarie. Troppi incaricati, troppo fiacca nel governo, troppi favori mostrati ai nemici della democrazia, troppo odio individuale tra coloro che chiamiamo legislatori… Che situazione! Che prospettiva terribile! "