I girondini e i montagnard

Girondins
Rappresentazione artistica dei Girondini, la fazione dominante fino alla metà del 1793

I Girondini e i Montagnardi furono due potenti fazioni della Convenzione Nazionale dalla sua creazione nel settembre 1792 fino alla metà dell'anno successivo. Queste fazioni simboleggiavano le prospettive concorrenti della Rivoluzione francese durante questo periodo. I deputati girondini erano moderati con una visione nazionale mentre i Montagnardi erano radicali dominati dagli interessi parigini. Alla fine, la tensione tra i due gruppi si trasformò in conflitto, lasciando uno vittorioso e l’altro espulso dalla Convenzione.

Sommario

Come i politici di tutto il mondo, i legislatori rivoluzionari francesi avevano opinioni diverse su ideologia, classe, economia, questioni provinciali e altre questioni. Questa diversità era evidente nella prima legislatura della rivoluzione, l'Assemblea nazionale costituente, dove la maggior parte dei deputati radicali sedevano a sinistra della sedia presidenziale e i deputati moderati e conservatori sedevano a destra (una pratica che ha dato origine ai termini moderni "sinistra" " e "di destra").

Allineamenti simili sono continuati nel Assemblea legislativa (ottobre 1791-settembre 1792). Il suo corpo sostitutivo, il Convenzione nazionale, svilupparono due fazioni distinte chiamate Girondini e Montagnardi. Sebbene questi gruppi non avessero l’organizzazione formale e la disciplina dei partiti politici, erano sufficientemente uniti da votare in blocco e trascorrere mesi in disaccordo sulla politica.

Questi litigi giunsero al culmine all'inizio di giugno 1793 quando i Montagnard, sotto la pressione del Guardia Nazionale e la sanculotti di Parigi, espulsi dalla Convenzione i deputati girondini. La maggior parte dei girondini fu arrestata o costretta all'esilio. Di quelli rimasti, pochi sarebbero sopravvissuti al Il regno del terrore.

Evoluzione dei Girdonin

La fazione girondinista prese forma nell'Assemblea Legislativa nella seconda metà del 1791. Essa si sviluppò attorno alla figura di Jacques-Pierre Brissot, avvocato repubblicano e oratore influente nel club dei giacobini. Brissot era una figura popolare e attorno a lui gravitavano numerosi deputati che la pensavano allo stesso modo.

Questa fazione divenne nota come Brissotins o Girondini, così chiamati perché molti membri provenivano da Bordeaux nel Girdone reparto. Il loro numero nell'Assemblea è cresciuto e i loro leader e le loro politiche hanno attirato molti sostenitori anche al di fuori di essa. Tra i Girondini di alto profilo c'erano l'economista e uomo d'affari Jean-Marie Roland e i suoi salonnière moglie Madame Roland, notarono il politico e filosofo marchese de Condorcet, il futuro sindaco di Parigi Jérôme Pétion, il giornalista radicale Nicolas de Bonneville e il potente oratore Pierre Vergniaud.

Importanti Girondini non solo condividevano i banchi dell'Assemblea Legislativa e della Convenzione Nazionale, ma si incontravano anche regolarmente a casa di Roland e in altre residenze per discutere eventi della Convenzione, politica e strategia.

“Nell'Assemblea costituente [nazionale], Girondini e Montagnard erano indistinguibili. L'Assemblea Legislativa è stata un periodo di gestazione. Gli embrioni dei due "partiti" si formarono alla fine del 1791 e all'inizio del 1792, in dibattiti sulla pace o sulla guerra, e nacquero dopo dolorosi travagli durante le sette settimane successive al 10 agosto 1792. Fu allora che i Montagnard presero il controllo della Comune di Parigi e dei Giacobini . I Montagnard avevano anche l'appoggio delle sezioni di Parigi (assemblee distrettuali elettorali), ma la loro dipendenza dalle sezioni significava che dovevano avvicinarsi agli agitatori radicali. Montagnard ha dominato la delegazione eletta da Parigi alla Convenzione ".
Michael Kennedy, storico

Posizioni girondiniste

Al loro apice, i Girondini avevano circa 200 deputati alla Convenzione Nazionale. La leadership e l'elaborazione delle politiche erano affidate a una cricca di eminenti deputati soprannominati gli "sessanta interni". Verso la fine del 1792, la fazione girondinista era più comunemente percepita come intellettuale, misurata, cauta e fedele alla rivoluzione.

Politicamente, i Girondini erano repubblicani moderati. Iniziarono una guerra rivoluzionaria nell’aprile 1792, sperando di prevenire l’aggressione straniera, ottenere il sostegno pubblico, militarizzare la rivoluzione ed esportarla oltre le mura di Parigi. La loro società ideale era libera, capitalista e meritocratica con la libertà personale protetta dallo stato di diritto.

Più significativamente, i Girondini volevano un governo nazionale scelto da tutti i cittadini e rappresentativo di tutti i cittadini, non solo il popolo di Parigi. Diffidavano del radicalismo di Parigi e credevano alle sezioni, il Città e ilem>sanculotti esercitato troppa influenza politica. Secondo Brissot, questi gruppi erano “disorganizzatori che vogliono che tutto sia livellato”.

Le Montagne

montagnards
Un poster che saluta i deputati della Montagne

I Montagnard non erano chiaramente riconoscibili come fazione fino alla Convenzione Nazionale. I termini Montagnard ("gente di montagna") o Montagna ("La Montagna") furono usati per la prima volta durante le sessioni dell'Assemblea Legislativa ma non furono di uso comune fino al 1793.

I Montagnard si riferivano a coloro che occupavano le panchine superiori sia nel club giacobino che nel legislatore nazionale. Coloro che sedevano su questi alti banchi erano generalmente più radicali nella loro ideologia e nelle loro politiche, mentre quelli che sedevano più in basso erano di solito più moderati.

A differenza dei Girondini, che godevano di un notevole sostegno nelle province, i Montagnardi traevano gran parte del loro sostegno da Parigi. Dei 24 deputati parigini presenti alla Convenzione nazionale, 21 sedevano con la fazione Montagnard.

Il piano

La Convenzione Nazionale conteneva anche un terzo raggruppamento. Conosciuto come Le Plaine ('The Plain') o Le Marais ("The Marsh" o "The Swamp"), questa massa di deputati occupava la superficie e le panchine inferiori della Convenzione.

La Pianura godeva della maggioranza assoluta nella Convenzione, vantando 389 dei suoi 749 deputati nel 1792. Per questo motivo, nessuna legislazione o risoluzione poteva approvare la Convenzione senza il sostegno dei suoi deputati. A differenza dei Montagnardi e dei Girondinisti, tuttavia, la Piana era piena di elettori incapaci e non impegnati. I suoi deputati erano effettivamente elettori oscillanti, non legati a una particolare ideologia o prospettiva. Il modo migliore per ottenere il sostegno della Piana era con un'oratoria convincente. Ciò ha reso il discorso un'abilità fondamentale nella Convenzione Nazionale.

La Pianura fu generalmente moderata nei primi mesi della Convenzione, schierandosi con i Girondini sulla maggior parte delle questioni. Mentre la rivoluzione progrediva e si radicalizzava nel 1793, molti deputati della pianura iniziarono a votare con i Montagnard.

Il conflitto si intensifica

Girondins
Una vignetta che saluta l'assoluzione di Marat dalle accuse mosse dai Girondini

Il conflitto tra Girondini e Montagnardi raggiunse il culmine nella primavera del 1793. Il catalizzatore di ciò fu il processo e la ghigliottinazione di Luigi XVI.

Nel gennaio 1793, la Convenzione Nazionale ha dichiarato colpevole il re e votato per la sua esecuzione. Molti deputati girondini, temendo che il re fosse stato giudicato da Parigi piuttosto che dalla nazione nel suo insieme, cercarono un appel au peuple ("appello al popolo") - in effetti, un referendum sulla morte del re. Questa mozione fu respinta dalla Convenzione, il che contribuì a minare l'autorità girondina. Tra i Montagnardi e i Giacobini, i Girondini appel au peuple fu denunciato come un complotto realista per salvare la vita del re.

Nell'aprile 1793 i Girondini reagirono al radicalismo parigino, orchestrando l'arresto di Jean-Paul Marat, un provocatorio giornalista di strada diventato deputato di Montagnard. Il mese successivo istituirono la Commissione dei Dodici, un comitato speciale incaricato di indagare sui membri della Comune di Parigi e sui loro presunti tentativi di indebolire la Convenzione nazionale. Dopo una breve indagine, la Commissione ha ordinato l'arresto di molti altri radicali, tra cui Jacques Hébert.

Chiede un'epurazione girondina

montagnards
Francois Hanriot, ufficiale della Guardia Nazionale che parla liberamente

Dopo aver combattuto con i radicali parigini, i Girondini ora affrontarono un'opposizione ancora maggiore. Il comune, le sezioni di Parigi, il club giacobino e il sanculotti tutti denunciarono i Girondini come realisti e federalisti (a questo punto, entrambi erano insulti anti-rivoluzionari). Ben presto emersero richieste per rimuovere i principali girondini – o anche tutti i deputati girondini – dalla Convenzione nazionale.

Il 28 maggio, un gruppo di circa 500 funzionari parigini ricevette diverse petizioni e discorsi che chiedevano un'insurrezione finché la Convenzione nazionale non fosse stata epurata dai Girondini. Tre giorni dopo, nel pomeriggio del 31 maggio, alcuni manifestanti sono entrati nel palazzo della Convenzione e hanno avanzato richieste di natura simile. Ciò ha suscitato discorsi di sostegno da parte dei deputati Montagnard ma poco altro.

Il 2 di giugno, attorno a 20,000 i parigini e un contingente di guardie nazionali radicali si sono radunati fuori dalla Convenzione e hanno chiesto l'espulsione dei suoi membri girondinisti. Quando il presidente della Convenzione ha inviato un messaggio di protesta contro questa intimidazione, il comandante della Guardia Nazionale François Hanriot rispose “Dì al tuo fottuto presidente che lui e la sua Convenzione possono andare a farsi fottere. Se entro un’ora i 22 [deputati girondinisti] non verranno consegnati, li faremo saltare in aria”.

Trionfano i radicali

Circondata e intimidita, la Convenzione esitava sul da farsi. Allora i radicali Montagnard iniziarono a salire sulla tribuna per sostenere l'espulsione dei deputati girondini.

A guidare questo coro era la sedia a rotelle Georges Couthon, che ha esortato la Convenzione a rispettare la volontà del popolo. La Guardia Nazionale non stava trattenendo l'assemblea per ottenere un riscatto, ha sostenuto Couthon; erano suoi amici e volevano che la Convenzione scegliesse saggiamente.

Jean-Paul Marat ha chiesto che i Girondini siano arrestati e detenuti. Bertrand Barère ha chiesto ai deputati girondini di evitare guai rassegnando le dimissioni volontarie. L'importante Girondin Maximin Isnard si rifiutò di farlo, dichiarando di rappresentare il suo popolo reparto e si dimetterebbe solo su sua istruzione.

Alla fine, dopo una situazione di stallo e dibattiti durati diverse ore, la Convenzione ha votato per l'espulsione dei Girondini. La fazione girondinista aveva guidato la rivoluzione dalla fine del 1791 – ora era stata dichiarata nemica della rivoluzione. Alcuni deputati girondini sono stati detenuti agli arresti domiciliari. Altri fuggirono da Parigi nelle province, dove cercarono di mobilitare l'opposizione contro la Convenzione dominata dai Montagnard.

Alla fine di ottobre 1793, Brissot e 21 dei suoi seguaci girondini furono processati dal Tribunale rivoluzionario e ghigliottinati.

Girondini e montagnard della rivoluzione francese

1. I Girondini e i Montagnard erano due fazioni politiche emerse durante l'Assemblea legislativa e successivamente dominarono la Convenzione nazionale.

2. I Girondini iniziarono come seguaci dell'oratore giacobino Jacques Brissot. Erano repubblicani moderati che sostenevano una guerra rivoluzionaria e credevano che la rivoluzione dovesse coinvolgere l'intera nazione, non solo Parigi.

3. I Montagnard, al contrario, furono più influenzati dalla gente di Parigi, in particolare le sezioni e il sanculotti. I loro leader includevano radicali come Robespierre, Marat, Couthon e Barère.

4. I Girondini e i Montagnard spesso differivano e litigavano per la politica. Entro la primavera di 1793, questo si era trasformato in una guerra di fazioni, i Girondini iniziarono un'azione contro gli agitatori radicali a Parigi.

5. All'inizio di giugno 1793, i Montagnard emersero vittoriosi dopo la Convenzione, circondati da soldati ostili e sanculotti, fu intimidito dall'espellere i suoi deputati girondinisti.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "I Girondini e i Montagnardi"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/girondins-and-montagnards/
Data di pubblicazione: 14 settembre 2019
Data di aggiornamento: 5 Novembre 2023
Data di accesso: 22 Giugno 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.