Il giuramento del campo da tennis

giuramento del campo da tennis
Particolare del dipinto di David del giuramento del campo da tennis, che mostra Jean-Sylvian Bailly

Il giuramento del campo da tennis (francese, Serment du jeu de Paume) fu un momento cruciale della Rivoluzione francese. Si svolse in un campo da tennis reale a Versailles, circa sei settimane dopo l'inizio degli Stati Generali. Lì, più di 500 membri del Terzo Stato e una manciata di nobili ed ecclesiastici liberali giurarono solennemente di unirsi e continuare a riunirsi come Assemblea nazionale finché la Francia non avesse avuto una propria costituzione in grado di realizzare “i veri principi della monarchia” e “ la rigenerazione dell’ordine pubblico”.

Sommario

Il 17 giugno 1789, i membri del Terzo Stato, unendosi ad alcuni alleati liberali degli altri Stati, iniziarono a chiamarsi "Assemblea Nazionale". La mattina del 20 giugno, questo gruppo si riunì per entrare nella sala riunioni dell'Hôtel des Menus-Plaisirs, solo per trovare le porte chiuse e sorvegliate dalle truppe reali.

Interpretarlo come una mossa ostile di King Luigi XVI e i suoi ministri, l'Assemblea nazionale si è recata allo spazio disponibile più vicino, uno dei campi da tennis coperti di Versailles. Riuniti sull'aula di questo tribunale, i 577 deputati prestarono un giuramento, scritto frettolosamente da Emmanuel Sieyès e amministrato da Jean-Sylvain Bailly. Insieme, si sono impegnati a rimanere riuniti fino a quando una nuova costituzione nazionale non fosse stata redatta e attuata.

Come caduta della Bastiglia due settimane dopo, il giuramento del campo da tennis rimase presto impresso nella storia come un gesto memorabile di sfida rivoluzionaria contro il vecchio regime. L'artista di spicco Jacques-Louis David in seguito ha immortalato il giuramento in un ritratto drammatico.

sfondo

Il giuramento del campo da tennis ha seguito diversi giorni di tensione e confronto al Proprietà generali. Frustrato dalle procedure degli Stati Generali, in particolare dalla procedura di voto per ordinanza, il Terza proprietà trascorso la prima settimana di giugno a contemplare quale azione intraprendere.

Il 10th di giugno, Sieyès si è alzato davanti ai deputati della Terza Proprietà e ha proposto di invitare deputati delle altre tenute a formare un'assemblea rappresentativa. Ciò è accaduto il 17th di giugno, quando i deputati della Terza Proprietà, insieme a diversi nobili ed ecclesiastici, ha votato 490-90 per formare l'Assemblea nazionale.

Si trattava di una chiara sfida all’autorità reale, tuttavia ci vollero diversi giorni prima che il re rispondesse. Seguendo il consiglio di Jacques Necker, Louis in programma a seduta reale ("sessione reale") che ha coinvolto tutti e tre gli Stati il ​​23 giugno. Lì, il re progettò di svelare riforme volte a ottenere il sostegno dei moderati che, secondo lui, detenevano i numeri nel Terzo Stato.

Viene prestato il giuramento

giuramento del campo da tennis
Il campo da tennis di Versailles in cui il giuramento era prestato, come sembra oggi

I piani del re per conquistare il Terzo Stato furono vanificati dagli eventi del 20 giugno e dal giuramento del campo da tennis.

Gli storici hanno riflettuto a lungo sul motivo per cui le porte dei Menus-Plaisir erano chiuse. Alcuni hanno suggerito che fosse una tattica reale deliberata, un tentativo di fermare la riunione degli Stati prima del seduta reale. Era più probabile che fosse accidentale, un ordine procedurale che presupponeva che le tenute non si sarebbero più incontrate fino a giugno 22nd (giugno 20th era un sabato).

Qualunque sia il motivo, i deputati del Terzo Stato hanno interpretato le porte sbarrate come un atto ostile, un indicatore del loro umore sospettoso. Lasciarono il Menus-Plaisirs e si diressero verso il successivo edificio aperto, il Jeu de Paume, un vero e proprio campo da tennis utilizzato da Luigi XIV. Il giuramento è stato prestato da Jean-Sylvain Bailly e firmato da 576 membri del Terzo Stato. Ci fu un'astensione: Joseph Martin d'Auch, il deputato di Castelnaudary, si rifiutò di firmare il giuramento perché insultava il re.

Il testo completo del giuramento recitava:

“L'Assemblea Nazionale, considerando che è stata convocata per stabilire la costituzione del regno, per effettuare la rigenerazione dell'ordine pubblico e per mantenere i veri principi della monarchia; che nulla può impedirle di continuare le sue deliberazioni in qualunque luogo sia costretto a stabilirsi; e, infine, che ovunque i suoi membri siano riuniti, c'è l'Assemblea Nazionale ... Decide che tutti i membri di questa Assemblea prenderanno immediatamente un solenne giuramento di non separarsi e di riunirsi ovunque le circostanze lo richiedano, fino a quando non sarà stabilita la costituzione del regno e consolidato su solide fondamenta; e che, detto giuramento, tutti i membri e ciascuno individualmente ratificheranno questa risoluta risoluzione mediante firma ".

Il famoso ritratto di David

campo da tennis

Nel 1790, il noto artista Jacques-Louis David iniziò i preparativi per un grande dipinto per visualizzare e onorare il giuramento del campo da tennis.

Sebbene gli eventi della rivoluzione abbiano impedito a David di completare il dipinto, la sua incisione preliminare (sopra) sopravvive e fornisce la rappresentazione più nota degli eventi del 20 giugno. Il giuramento del campo da tennis è stato assistito dalle persone nelle gallerie più alte; David ha consultato questi testimoni al momento di decidere la composizione e il posizionamento.

Tra i principali rivoluzionari mostrati nell'incisione di David ci sono Isaac Le Chapelier (1); la giornalista Bertrand Barère (2); tre leader religiosi Dom Gerle (3), Henri Grégoire (4) e Jean-Paul Rabaut Saint-Étienne (5); il famoso astronomo e poi sindaco di Parigi che ha amministrato il giuramento, Jean-Sylvain Bailly (6); l'autore del giuramento Emmanuel Sieyès (7); il futuro sindaco di Parigi Jérôme Petion (8); Maximilien Robespierre (9); i monarchici costituzionali Honore Mirabeau (10) e Antoine Barnave (11); e l'unico astenuto dal giuramento, Joseph Martin d'Auch (12).

“Jacques-Louis David ha riconosciuto la gravità del momento e l'entusiasmo che ha suscitato. Ha colto la storia in divenire. Volti e corpi sono congelati in un istante della massima intensità emotiva. I delegati sono posseduti da una missione comune, che consiste nel preservare la loro unità appena conquistata. Il giuramento prestato nel campo da tennis davanti al palazzo reale di Versailles… segna l'inizio della Rivoluzione francese. Il linguaggio è perplesso mentre si cerca di catturare la visualizzazione di David di un'unità che si manifesta come quantità ".
Stefan Jonsson, storico

Il re risponde

Il 22 giugno, due giorni dopo il giuramento del campo da tennis, i deputati del Terzo Stato si riunirono in una chiesa di Versailles, insieme a 150 ecclesiastici e due nobili. Il re fece presto la sua comparsa e ordinò ai presenti di ricongiungersi ai loro possedimenti per continuare le loro deliberazioni separatamente, ma i leader del Terzo Stato rifiutarono.

Quando il seduta reale aperto il giorno successivo, Louis iniziò svelando le sue riforme. Il re promise un certo grado di governo rappresentativo, con sessioni regolari degli Stati Generali. IL sistema di tassazione verrebbe rivisto in consultazione con gli Stati Generali, il sistema giuridico verrebbe migliorato e lettres de cachet abolita.

Sebbene Louis fosse pronto a fare concessioni e riforme politiche, non avrebbe accettato cambiamenti costituzionali. I Tre Stati erano una “antica distinzione” e “parte integrante della costituzione”, dichiarò il re, e sarebbero quindi rimasti intatti.

La sfida continua

Se Luigi XVI avesse proposto queste riforme nel 1788 o prima, avrebbero potuto evitare la rivoluzione e salvare il suo trono. Come lo storico Richard Cobb dice, il Giuramento del Campo da Tennis aveva “tagliato la terra da sotto i piedi del re”.

Verso la metà del 1789, tuttavia, il mantenimento dei Tre Stati nella loro forma antica era inaccettabile per il Terzo Stato, soprattutto se continuava a essere messo in minoranza dagli altri due Stati. Accettare le riforme del re richiederebbe anche lo scioglimento dell'Assemblea nazionale appena costituita.

Quando il seduta reale Finì e il re lasciò l'aula, i deputati dell'Assemblea nazionale rimasero con aria di sfida. Incitati da oratori come Mirabeau, Bailly e Barnave, essi confermarono le promesse fatte tre giorni prima nel Giuramento del Campo da Tennis. L'Assemblea nazionale avrebbe sfidato gli ordini del re e sarebbe rimasta in sessione. Di fronte a uno degli inviati del re e invitato a lasciare la sala, Mirabeau fece la sua famosa osservazione: "Vai a dire ai tuoi padroni che ti hanno mandato che non ce ne andremo se non con la forza delle baionette".

giuramento del campo da tennis
Una statua di Jean-Sylvain Bailly che guida il giuramento

Morte degli Stati

Quando il re venne informato dell'Assemblea nazionale e della loro continua sfida, rispose con indifferenza, mormorando, secondo quanto riferito, "Fanculo, lasciali restare".

Nei tre giorni successivi decine di ecclesiastici e nobili, tra cui il Duca di orleans, membro della corte reale e lontano parente del re, attraversò la sala per unirsi all'Assemblea nazionale. Il 27 giugno, il re fece marcia indietro e ordinò ai rimanenti deputati del Primo e del Secondo Stato di unirsi all'Assemblea nazionale, conferendole così un'apparente legittimità costituzionale. Il giuramento del campo da tennis, atto rivoluzionario ed espressione di sovranità popolare, era riuscito a costringere la monarchia a fare marcia indietro.

In un colpo solo, Luigi XVI aveva abolito i Tre Stati come ordini politici separati. I conservatori erano furiosi per la resa del re, tuttavia, quando la notizia raggiunse Parigi, scatenò grande eccitazione e gioia. IL borghese la rivoluzione, a quanto pare, aveva vinto la giornata, ma con un gran numero di truppe reali che si ammassavano vicino a Versailles e alla periferia di Parigi, c'erano ancora altri scontri a venire.

giuramento del campo da tennis della rivoluzione francese

1. Il giuramento del campo da tennis era un impegno assunto dai deputati del Terzo Stato agli Stati Generali. Prestò giuramento nel campo da tennis di Versailles il 20 giugno 1789.

2. Dopo giorni di controversie sulle procedure di voto, il re ha programmato a seduta reale per giugno 23rd. Quando il Third Estate si riunì per incontrarsi il 20th di giugno, trovarono le porte della loro sala riunioni chiuse a chiave.

3. Temendo una cospirazione realista, la Terza Tenuta rispose riunendosi in un vicino campo da tennis. Lì si impegnarono a non sciogliersi fino a quando la nazione non avesse redatto e attuato una costituzione.

4. Il giuramento del campo da tennis è stato scritto da Emmanuel Sieyès, amministrato da Jean-Sylvain Bailly e firmato dai deputati 576 con un astenitore. Più tardi, il giuramento fu notoriamente rappresentato dall'artista rivoluzionario Jacques-Louis David.

5. Al seduta reale in seguito, il re promise diverse importanti riforme politiche e legali, ma si rifiutò di sciogliere le Tre Tenute. Ciò portò a ulteriori atti di sfida e, infine, all'assorbimento delle proprietà nell'Assemblea nazionale.

Rivoluzione francese fonti club

Un record del Tennis Court Oath (1789)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il giuramento del campo da tennis"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/tennis-court-oath/
Data di pubblicazione: Ottobre 31, 2019
Data di aggiornamento: 9 Novembre 2023
Data di accesso: 21 aprile 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.