Governo reale

governo francese
Luigi XIV, il "Re Sole", che stabilì la monarchia assolutista in Francia

Per comprendere le cause politiche della Rivoluzione francese, bisogna prima comprendere la natura del governo reale. Il governo e la burocrazia francese erano stati ampliati e modernizzati da Luigi XIV nella seconda metà del 1600. Ciò creò le basi per un governo nazionale moderno, ma lasciò anche ai futuri re alcuni problemi critici, in particolare il costo del mantenimento dello stato.

Governare per diritto divino

Secondo la dottrina politica dell’epoca, la Francia era una monarchia assolutista e di diritto divino. Era governato da re che credevano di essere sovrani e onnipotenti perché la loro autorità veniva da Dio.

In pratica, però, l'esercizio dell'autorità regia non era né perfetto né illimitato. Il monarca francese esercitava certamente un potere considerevole, ma non era assoluto né incontrollato. Il re poteva fissare nomine, formulare politiche ed emettere ordini arbitrari, come ad esempio lettres de cachet – ma l'autorità del re si estendeva solo fino al potere di eseguire e far rispettare i suoi ordini.

Tra il 1643 e il 1792, la Francia fu governata da soli tre re Borbone, tutti chiamati Luigi. Sotto il primo di questi re, Luigi XIV, il potere reale fu accresciuto ed esteso a tutta la Francia. I suoi successori, tuttavia, trovarono difficile affermare livelli simili di potere reale su una nazione che stava cambiando rapidamente e si avvicinava alla bancarotta.

Il 'Re Sole'

La monarchia francese raggiunse il suo apice sotto Luigi XIV, il "Re Sole", che regnò tra il 1643 e il 1715. All'età di nove anni, Luigi fu cacciato dai suoi palazzi durante un'aspra guerra civile istigata dalla nobiltà e da Parigi. parlements contro la corona e i ministri reali.

Nel 1661, poco dopo aver raggiunto l'età adulta, Luigi scioccò la corte reale assumendo il controllo assoluto del governo. Si rifiutò di selezionare un aristocratico di alto rango come suo primo ministro, scegliendo invece i suoi ministri e funzionari in base al merito, inclusi diversi cittadini comuni.

Il nuovo re si interessò da vicino alle questioni di governo, amministrazione, politica, legge e forze armate. Ha insistito per rivedere e firmare personalmente ordini importanti. Ordinò anche una serie di riforme militari e ampliò l'esercito permanente nazionale, ponendo fine alla sua dipendenza dagli eserciti dei nobili provinciali.

Louis usò la religione per giustificare e rafforzare il suo crescente assolutismo. La monarchia francese, sosteneva Luigi, aveva il potere di Dio, una dotazione di diritto divino. Interrogato da un emissario politico sulla natura dello stato francese, si dice che Luigi XIV abbia risposto “Le t'at? Sono io!" ("Lo Stato? Sono io.")

“Luigi XIV progetta il suo governo per garantire la sua autorità. È vero che i meccanismi dell’autorità stavano diventando sempre più burocratici, ma il monarca dominava. Mentre Luigi XIV cercava di governare in modo razionale, costruì la sua burocrazia non per governare al suo posto, ma per assicurarsi di governare da solo... In misura considerevole, Luigi limitò o soppresse l'azione indipendente tra gli agenti della sua autorità, in particolare in il caso dei suoi comandanti militari. Maggiore autorità concentrata a corte, sotto la diretta supervisione del re. Ciò rendeva ancora più importanti i ruoli del re e dei ministri che lo circondavano, poiché al vertice della struttura del potere c’erano pochissimi individui”.
John A. Lynn, storico

Il potere di Versailles

Per aumentare il proprio potere, il "Re Sole" sviluppò modi per emarginare i suoi rivali e diluire il potere dei nobili provinciali. La corte reale di Versailles sarebbe diventata la sua arma più grande.

Nel 1682, Luigi XIV trasferì la sua corte dai castelli fortificati di Parigi a un palazzo di nuova costruzione a Versailles, a circa 12 miglia (19 chilometri) a sud-ovest della capitale. Versailles divenne uno dei palazzi più grandi d'Europa, con 2,153 stanze, 230 acri di giardini e 20 miglia di strade e sentieri.

Versailles non era solo un fiore all'occhiello reale, ma divenne un de facto prigione politica per i nobili provinciali francesi. Il re richiese la presenza quasi permanente di importanti nobili a Versailles. Tenuti a corte, questi nobili divennero politicamente inefficaci, oziosi e amanti del tempo libero. Trascorrevano la maggior parte della giornata dedicandosi a frivoli intrighi di corte, giochi d'azzardo, caccia, balli e giochi sessuali. Usanze e rituali a Versailles si sono evoluti per enfatizzare la supremazia politica e la mistica del re.

Tenuti lontani dalle loro basi provinciali, i nobili non furono in grado di complottare e tramare contro la monarchia. Sotto Luigi XIV, Versailles divenne un modello funzionante del linguaggio politico "tieni i tuoi amici vicini e i tuoi nemici ancora più vicini".

governo francese
Una rappresentazione di Luigi XIV e una grandiosa cerimonia di corte a Versailles

Guerre e campagne straniere

Luigi XIV rafforzò anche il suo potere monarchico coinvolgendo la Francia in diversi guerre e campagne straniere. Durante il suo regno, la Francia fu impegnata nella guerra di devoluzione (1667-68), nella guerra franco-olandese (1672-78), nella guerra di successione spagnola (1701-14) e in altri conflitti minori.

Queste guerre hanno avuto un effetto trasformativo sulla nazione. L'esercito nazionale francese divenne una delle forze militari più professionali e di successo del continente europeo. Territori come le Fiandre, l'Artois, l'Hainault, l'Alsazia e la Lorena furono acquisiti e assorbiti nello stato francese.

Le vittorie militari consolidarono l'autorità di Luigi XIV in Francia e la aumentarono all'estero. Alimentarono il nazionalismo francese, aumentarono il prestigio personale di Luigi e rafforzarono la fede pubblica nella monarchia. La guerra fornì anche a Luigi una premessa per espandere il governo nazionale. La mobilitazione militare richiedeva una burocrazia nazionale per raccogliere entrate, organizzare e rifornire l’esercito.

Di conseguenza, i dipartimenti e le agenzie governative crebbero rapidamente durante il regno di Luigi XIV. Si diceva che all'inizio del regno di Luigi il suo ministero degli Esteri potesse stare in una carrozza, ma alla sua morte riempirono una sala da ballo.

Debito statale e oppressione

governo francese
A lettre de cachet, rilasciato da Luigi XVI nell'agosto 1785

La maggior parte di queste politiche e modifiche sono state apportate arbitrariamente da Luigi XIV. Ha fatto affidamento su esperti per consigli e ha incaricato ministri e amministratori di attuare le sue decisioni. Non si è fermato a consultare il parlements (le alte corti francesi, un tempo potenti) o gli Stati Generali (l'assemblea occasionale della nazione).

Sebbene queste misure estendessero il potere personale di Luigi XIV, lasciarono una serie di problemi per i futuri monarchi francesi. Il costante atteggiamento guerrafondaio del Re Sole, insieme alle sue grandiose spese e alla costruzione dell'impero a Versailles, prosciugarono il tesoro reale. Le sue guerre furono finanziate dai prestiti statali e dall'aumento della tassazione, il cui peso ricadde invariabilmente sulle classi inferiori francesi.

In secondo luogo, con il crescente assolutismo si è verificato un aumento dell’oppressione statale. Il governo reale divenne spietato nel reprimere la critica, il dissenso politico e l’eresia religiosa. La censura di libri e opuscoli aumentò sotto Luigi XIV e il suo successore, Luigi XV; lo stesso vale per l'uso di lettres de cachet detenere arbitrariamente individui. Molti scrittori radicali e rivoluzionari, tra cui Voltaire, Denis Diderot e Honoré Mirabeau, caddero in conflitto con lo stato e trascorsero del tempo in prigione o in esilio durante la metà del XVIII secolo.

Una burocrazia gonfia

In terzo e ultimo luogo, l’espansione del governo nazionale sotto Luigi XIV, sebbene efficace nel breve termine, fu allo stesso tempo casuale e inefficiente. Furono creati nuovi dipartimenti e uffici ma raramente quelli tradizionali e obsoleti furono aboliti.

Il risultato è stato che la Francia ha acquisito una burocrazia moderna, creata però su antiquati sistemi di privilegio e disuguaglianza. Mentre il governo si espandeva e l’economia francese si modernizzava e capitalizzava, l’ordine sociale rimaneva dominato dai tre Stati. Il costo per mantenere questo governo nazionale allargato aumentò, ma le entrate statali stavano diminuendo.

Quando Luigi XVI salì al trono nel 1774, governare la Francia era diventato straordinariamente difficile. In assenza di un organo legislativo, la corte reale rimaneva il cuore politico della nazione, ma la sua capacità di sviluppare e attuare politiche su scala nazionale era estremamente limitata. La tradizione e la mitologia potrebbero aver dichiarato il nuovo re un monarca assolutista, ma il suo potere era assoluto solo di nome.

governo reale della rivoluzione francese

1. La Francia prima della rivoluzione era una monarchia assolutista, in teoria ma non in pratica. Si diceva che tutto il potere politico e la sovranità risiedessero con il monarca, che derivava la sua autorità da Dio.

2. L'assolutismo reale fu in gran parte definito e ampliato da Luigi XIV, che governava tra 1643 e 1715. Louis trasferì il governo reale a Versailles, coinvolse la Francia in diverse guerre e allargò notevolmente la burocrazia militare e statale.

3. Luigi XIV minimizzò anche le minacce alla sua autorità richiedendo ai potenti nobili provinciali di andare in tribunale a Versailles, dove erano occupati da attività e intrighi mondani.

4. Luigi XIV rafforzò anche la sua autorità non convocando gli Stati Generali, aggirando il parlements e usando strumenti di oppressione statale, come la censura e lettres de cachet.

5. Quando Luigi XVI salì al trono nel 1774, l'economia francese era in crescita e modernizzazione, ma i suoi sistemi politici e sociali erano rimasti pressoché invariati. Il governo era diventato estremamente complesso e l'autorità reale stabilita da Luigi XIV si era ridotta.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Governo reale"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/royal-government/
Data di pubblicazione: 19 settembre 2019
Data di aggiornamento: 6 Novembre 2023
Data di accesso: 21 aprile 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.