La grande paura

grande paura
Una rappresentazione della Grande Paura, che mostra castelli razziati e bruciati

The Great Fear (in francese, Grande Peur) fu un'ondata di rivolte contadine e di violenza che colpì la Francia nel luglio e nell'agosto del 1789. A quanto pare fu scatenata da preoccupazioni economiche, notizie di sviluppi politici a Parigi e voci di attacchi controrivoluzionari. Sebbene gli storici siano divisi su come questo panico sia diventato così diffuso, le conseguenze della Grande Paura sono più evidenti.

Sommario

Già eccitati dagli sviluppi politici dell'estate a Versailles e a Parigi, i contadini francesi iniziarono a sentire voci su bande nomadi di briganti assoldati che si scatenavano nelle campagne, saccheggiando villaggi e rubando grano.

Queste voci sono apparse in luoghi diversi, hanno assunto forme diverse e hanno invocato diversi livelli di risposta. Molti contadini risposero armandosi e mobilitandosi per difendere le loro proprietà. Alcuni andarono oltre e si impegnarono nella violenza rivoluzionaria, scendendo in strada e saccheggiando castelli di aristocratici terrieri e distruzione di contratti feudali. I contadini, a quanto pare, sono diventati i briganti distruttivi che avevano inizialmente temuto.

Mentre poche persone furono uccise durante la Grande Paura, proprietà per un valore di milioni di libero è stato rubato o distrutto.

Xenofobia contadina

Il contesto della Grande Paura era la paranoia rurale nei confronti degli estranei. I contadini francesi erano abituati all’arrivo di stranieri nella loro regione, di solito a metà anno, quando il bel tempo facilitava gli spostamenti. Alcuni di questi viaggiatori erano lavoratori senza terra o cittadini indigenti in cerca di lavoro retribuito. Altri erano mendicanti, vagabondi ed emarginati che decisero che vivere dei frutti della terra o cercare la carità dei contadini fosse meglio che morire di fame nelle città.

Le comunità contadine erano, per loro natura, isolate e diffidenti nei confronti degli estranei. Consideravano questi sconosciuti con occhio sospettoso. I nuovi arrivati ​​gareggiavano per il lavoro, il cibo e la carità forniti dalla parrocchia locale.

La situazione era particolarmente critica nella primavera del 1789, mentre la Francia attraversava la peggiore crisi alimentare degli ultimi anni. Anche le piccole riserve di grano conservate dai contadini per la propria sopravvivenza stavano diminuendo. Secondo John Albert White, che ha tradotto Georges LefebvreNello studio cardine della Grande Paura, il numero di itineranti nelle aree rurali ha raggiunto livelli mai visti prima:

“I disoccupati, sfollati dalla crisi dell'industria, erano dappertutto in cerca di lavoro ... Vagabondi e mendicanti, da sempre fonte di preoccupazione per il piccolo proprietario rurale, soffocavano le strade e minacciavano rappresaglie contro i padroni di casa che si rifiutavano di dare loro un riparo o una crosta di pane. Uomini e donne affamati invasero foreste e campi e li spogliarono della legna da ardere o del grano, prima che il raccolto fosse maturo per i raccolti ".

Notizie e voci

grande paura
La distruzione della Bastiglia fu un precedente per la Grande Paura

Le comunità contadine furono anche turbate dagli eventi politici di 1788-89. La convocazione del Proprietà generali e la stesura del cahiers ha creato un clima di ottimismo e aspettativa in tutto il paese. Il processo di scrittura del cahiers aveva riunito i contadini per discutere della loro situazione e condividere le loro rimostranze, in particolare gli oneri delle tasse reali e delle quote feudali.

Notizie sulla formazione dell'Assemblea nazionale, il Giuramento del campo da tennis e l'accettazione della riforma da parte del re suscitò entusiasmo nelle comunità contadine, ma questa eccitazione fu di breve durata. A metà luglio giunse nelle province la notizia che il re aveva mobilitato le sue truppe e licenziato il suo direttore delle finanze, Jacques Necker. Ciò ha scatenato voci e teorie cospirative sull'imminenza di una controrivoluzione monarchica o aristocratica.

Queste storie hanno assunto forme diverse nelle diverse regioni. La voce più comune era che il re oi suoi nobili conservatori avevano impiegato bande di truppe o briganti stranieri per marciare nelle province e mettere in ginocchio il popolo con violenza, saccheggi e distruzione sfrenata.

"La paura genera paura"

grande paura 1789
Una mappa che mostra le ondate di movimento e violenza durante la Grande Paura

Questi timori di ritorsioni reali e aristocratiche si diffusero esponenzialmente alla fine di luglio (come disse lo stesso Lefebvre, “la paura genera paura”). Lefebvre e gli storici successivi hanno tentato di seguire il corso della Grande Paura, anche se con scarso successo.

La circolazione delle voci fu veloce – quasi troppo veloce per l’epoca – e sporadica. Non sempre seguiva vie di trasporto logiche, come fiumi e strade. Ci sono resoconti della stessa voce apparsa in luoghi distanti 20 miglia l'uno dall'altro nello stesso giorno. Mentre queste voci circolavano, alcune comunità contadine si convinsero che dei briganti mercenari stessero marciando verso il loro villaggio.

In questo clima paranoico, anche l’evento più benigno (l’avvistamento di estranei, movimento in lontananza, fumo all’orizzonte) potrebbe innescare una risposta di panico. Ad Angoulême, ad esempio, migliaia di uomini si sono armati e mobilitati dopo aver avvistato una nuvola di polvere sollevata. Una milizia contadina nella Champagne è stata creata dopo che la gente del posto ha visto degli uomini intrufolarsi in un bosco vicino; gli "invasori" si rivelarono essere mucche.

“La crisi politica ha giocato un ruolo importante, poiché l’eccitazione che ha provocato ha reso la gente inquieta e indisciplinata. Ogni mendicante, vagabondo e rivoltoso sembrava un "brigante". C'era sempre stata grande ansia durante il periodo del raccolto: era un momento temuto dai contadini... La rivolta di Parigi... diffondeva ovunque la paura dei briganti, e allo stesso tempo il popolo aspettava con ansia che gli aristocratici sconfitti si vendicassero il Terzo Stato con l'aiuto di truppe straniere. Nessuno dubitò per un momento che avessero preso al loro soldo i briganti promessi.
Georges Lefebvre, storico

Distruzione dei documenti feudali

In alcuni villaggi o piccole città, la Grande Paura aveva un certo grado di organizzazione e leadership. La gente del posto si è riunita sul prato o sulla piazza del villaggio per ascoltare i loro rappresentanti locali. Alcuni decisero di effettuare un attacco preventivo contro potenziali controrivoluzionari. Grandi bande di contadini, a volte interi villaggi, raccolsero le armi e si misero in viaggio alla ricerca di obiettivi.

La loro violenza non fu indiscriminata (presero di mira solo i simboli dell'autorità feudale) né sanguinaria (meno di 20 persone sarebbero state uccise durante il panico di luglio-agosto). I danni alle proprietà private furono però ingenti. L'aristocrazia terriera e Seigneurs sofferto di peggio. Loro castelli (case di campagna) furono assediate, invase, saccheggiate e, nella maggior parte dei casi, date alle fiamme.

Documenti scritti recanti nomi, proprietà fondiarie, contratti e obbligazioni feudali venivano avidamente ricercati e, se trovati, prontamente distrutti. Questi potrebbero assumere la forma di registri che mostrano quali contadini erano soggetti al Champart, i cui quitrent erano dovuti e che dovevano il lavoro per il corvée. Se questo sabotaggio non avesse ucciso il feudalesimo signorile, speravano i contadini, lo avrebbe almeno reso inattuabile.

Violenza minima contro i nobili

La peggiore delle rivolte della Grande Paura è scoppiata a Dauphiné, nel sud-est della Francia, alla fine di luglio. A partire da Bourgoin, bande di contadini si impegnarono in un'orgia di distruzione di cinque giorni, saccheggiando e bruciando numerosi castelli finché non furono dispersi dai soldati volontari di Lione e Grenoble.

I nobili stessi non furono danneggiati, a meno che non tentassero di resistere. Lefebvre denuncia solo tre omicidi durante la Grande Paura. Una delle vittime era Michel de Montesson, un nobile di Douillet che settimane prima si era seduto con il Seconda tenuta a Versailles. Un altro ucciso dalla folla fu Cureau, che aveva la reputazione di accumulare cibo.

Decine di nobili, tuttavia, furono cacciati dalle loro case, se non dal distretto. Ci furono casi di aristocratici tenuti in ostaggio e costretti a rinunciare ai loro diritti feudali sui contadini della tenuta.

Alcuni nobili furono ingannati dalle voci di briganti erranti. A Limousin, nella Francia centrale, il barone de Drouhet e il barone de Belinay radunarono una milizia per proteggere i cittadini di Saint-Angel da un presunto attacco. Sfortunatamente per entrambi i baroni, le guardie di Saint-Angel li scambiarono per spie e furono legati, imbavagliati e trasportati su un carro a Limoges.

La teoria dell'ergot

grande paura 1789
Grano contaminato da ergot, che può essere visto come piccoli cilindri neri

La Grande Paura fu una rivolta peculiare in quanto spontanea, sporadica e disorganizzata. Gli storici non hanno ancora presentato un resoconto completo o convincente di ciò che scatenò il panico di luglio e agosto 1789.

Una teoria, avanzata da Mary Matossian alla fine degli anni ’1980 ma ignorata dalla maggior parte degli storici, era che i contadini ribelli avessero mangiato farina immagazzinata contaminata con la segale cornuta. Il fungo dell'ergot contiene acido lisergico, il composto attivo del narcotico LSD, e se consumato in quantità sufficiente può causare allucinazioni e deliri paranoici.

Qualunque siano le sue vere cause, la Grande Paura ebbe tre risultati significativi. In primo luogo, ha dimostrato che i contadini francesi erano pronti a mobilitarsi, a prendere le armi e a difendersi. In secondo luogo, fu distruttivo e sradicò molti aspetti di un sistema signorile già indebolito. In terzo luogo, la Grande Paura inviò un chiaro messaggio ai membri dell’Assemblea Nazionale Costituente sulla profondità dell’odio contadino nei confronti del signorilismo e dei diritti feudali.

grande paura della rivoluzione francese

1. The Great Fear (Grande Peur) è stata una breve ma intensa ondata di rivolte e rivolte contadine in luglio e agosto 1789, innescata da disordini politici, voci e panico.

2. Il contesto di questo panico era la sofferenza economica della metà del 1789, gli sviluppi politici a Versailles e la paura e il sospetto di lunga data dei contadini nei confronti degli estranei.

3. A metà luglio, i contadini hanno sentito voci che il re e / oi suoi aristocratici avevano assunto bande di mercenari o briganti per distruggere i loro raccolti o proprietà, come mezzo per imporre il controllo politico.

4. Hanno preso le armi e si sono mobilitati per difendersi. Alcuni sono andati su lunghe marce, attaccando il castelli di nobili, saccheggi, incendi e distruzione di documenti feudali.

5. La Grande Paura non solo ha rivelato la profondità del sentimento contadino nei confronti delle quote feudali, ma ha causato una certa costernazione tra la Seconda Proprietà e i deputati dell'Assemblea Costituente Nazionale.

la rivoluzione francese suscita grande paura

Perigny sulle rivolte contadine della Grande Paura (1789)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La grande paura"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/great-fear/
Data di pubblicazione: Ottobre 7, 2019
Data di aggiornamento: 9 Novembre 2023
Data di accesso: 21 Febbraio 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.