Guerra rivoluzionaria

guerra rivoluzionaria
Una rappresentazione della battaglia di Valmy, una svolta nella guerra rivoluzionaria

Nel 1792, l'Assemblea Legislativa dichiarò guerra rivoluzionaria contro l'Austria, vicina alla Francia. Le guerre rivoluzionarie francesi avrebbero un profondo effetto sulla nuova società. Avrebbero modellato il corso della storia europea, queste guerre si susseguono l’una nell’altra e durano un decennio – o più di due decenni, se si contano le guerre napoleoniche che seguirono. In vari momenti, le guerre rivoluzionarie francesi avrebbero coinvolto quasi tutte le principali potenze europee. In Francia, il nuovo regime venne definito dalla guerra e dai problemi, dalle pressioni e dalla paranoia che essa creò.

Ragioni di guerra

Le guerre rivoluzionarie francesi hanno avuto molti genitori: paranoia anti-rivoluzionaria in Europa, agitazione e sciabole da parte dei francesi emigrati, preoccupazioni straniere sul destino di Luigi XVI, l'agenda personale del re, la propaganda belligerante e la politica interna del nuovo regime.

Quando scoppiò la Rivoluzione francese nel 1789, i sovrani coronati d’Europa la guardarono con un misto di disprezzo, eccitazione e paura. Alcuni consideravano la rivoluzione niente più che un’insurrezione localizzata, destinata prima o poi a spegnersi. Altri osservarono la rivolta in Francia con più cautela, preoccupati che potesse scatenare una rivolta simile in altri regni.

La figura più importante al di fuori della Francia era Leopoldo II, fratello di Marie Antoinette e recentemente incoronato sovrano del Sacro Romano Impero. Più progressista dei suoi compagni principi, Leopoldo ammirava il Illuminismo e i suoi concetti di governo costituzionale e diritti naturali. Inizialmente era in sintonia con la Rivoluzione francese, credendo che la formazione di una monarchia costituzionale in Francia avrebbe potuto prolungare il mandato di suo cognato sul trono.

L’Europa agisce

guerra rivoluzionaria
Leopoldo II, il re austriaco, imperatore del Sacro Romano Impero e fratello di Antonietta

Leopoldo II trascorse i suoi primi mesi sul trono respingendo le suppliche dei francesi emigrati e cercando di evitare un coinvolgimento militare in Francia. Si interessò maggiormente alla Francia nell'estate del 1791, dopo quella di Luigi XVI tentativo sfortunato di fuggire da Parigi lasciò il re francese in una posizione più precaria.

Nel luglio 1791, Leopold ha istigato il Circolare di Padova, una lettera aperta ai leader di Prussia, Inghilterra, Spagna, Russia, Svezia e altre nazioni. Questa circolare chiedeva che una coalizione militare europea invadesse la Francia, fermasse la rivoluzione e reinstallasse la monarchia.

La circolare di Padova è stata seguita dal Dichiarazione di Pillnitz (27 agosto 1791), dichiarazione congiunta di Leopoldo e Federico Guglielmo II, re di Prussia. La dichiarazione fu sia un grido di battaglia per i principi europei che un avvertimento per i rivoluzionari francesi.

La Dichiarazione di Pillnitz, tuttavia, era più un bluff che una sfida, poiché Leopoldo non aveva ancora alcun desiderio di guerra con la Francia, e nemmeno i suoi alleati europei. Non suscitò molta attenzione nemmeno in Francia, almeno fino all’ascesa della fazione girondinista favorevole alla guerra.

“Secondo la convenzione, la Francia entrò in guerra nel 1792 nel tentativo di salvare la Rivoluzione esportando i suoi principi nel resto d’Europa. In realtà, una spiegazione del genere è quantomeno inadeguata... Per i Brissotin [Girondin] non c'era niente di più facile che coltivare una guerra che credevano avrebbe repubblicanizzato la Francia, rafforzata dalla convinzione che gli eserciti dell'Ancien Regime sarebbero fuggiti terrorizzati, che la guerra avrebbe potuto essere limitato alla sola Austria, e che una guerra allevierebbe i numerosi problemi economici della Francia”.
Charles J.Esdaile

Il caso Girondino a favore della guerra

Gli storici hanno a lungo dibattuto sul perché i Girondini volessero la guerra nel 1791-92. Il consenso ora è che volessero militarizzare la rivoluzione, darle direzione e slancio, distrarre dai problemi economici interni e consolidare il proprio potere. Una guerra con l’Austria avrebbe, speravano, acceso il patriottismo francese e rinvigorito il sentimento rivoluzionario. Metterebbe anche alla prova la lealtà del re.

La Francia potrebbe vincere una guerra del genere? I deputati girondini lo credevano certamente. L'Austria era debole e il suo leader era nuovo al trono e riluttante a combattere. La Prussia era una rivale dell'Austria, assicurarono i Girondini all'Assemblea legislativa, quindi era improbabile che si unisse a una coalizione. Gran Bretagna, Russia e Svezia avevano i loro problemi e non si sarebbero coinvolte in una guerra contro la Francia.

Alcuni girondini credevano anche che una guerra rivoluzionaria sarebbe diventata una "crociata per la libertà universale", come Jacques Brissot mettilo. “Ogni soldato dirà al suo nemico: 'Fratello, non ti taglierò la gola. Ti libererò dal giogo sotto cui lavori. Ti mostrerò la strada per la felicità "."

Dichiarata guerra

rivoluzionario
Una rappresentazione satirica dell'Europa se le guerre rivoluzionarie riuscissero

Queste belle parole hanno vinto il giorno. Nel marzo 1792, Leopoldo II morì improvvisamente e il trono austriaco passò al figlio 24. Cogliendo l'attimo, il ministero girondino iniziò a prepararsi e agitarsi per la guerra.

In aprile 20 1792, Luigi XVI partecipò a una sessione del Assemblea legislativa e assistette a discorsi che chiedevano una guerra preventiva. Il re allora insorse e dichiarò formalmente guerra all'Austria e all'imperatore Francesco II, nipote di sua moglie.

È probabile che il re volesse la guerra per le sue ragioni, forse sperando nella potenza combinata di Austria, Prussia e emigrato le forze avrebbero spinto i rivoluzionari dal potere e lo avrebbero riportato al trono. Il Marchese de Lafayette voleva anche la guerra; credeva che avrebbe corretto la rivoluzione, ravvivato la monarchia e ripristinato il suo prestigio.

Problemi nell'esercito

La caduta della Francia nella guerra fu inizialmente disastrosa, in parte perché le forze armate della nazione erano state compromesse e indebolite dalla rivoluzione e dalle sue idee. Gli eventi del 1789 avevano favorito la scarsa disciplina e l’insubordinazione tra le fila dell’esercito. I soldati arruolati istituirono "comitati politici" per proteggere i loro diritti e alcuni divennero scontrosi e ribelli.

Ufficiali esperti, molti già frustrati dagli eventi della rivoluzione, disprezzavano questa rottura della disciplina nei ranghi. Molti ufficiali sono fuggiti dalla Francia per diventarlo emigrati o semplicemente abbandonato del tutto l'esercito. Gli ufficiali che sono rimasti hanno cercato di ripristinare la disciplina con dure punizioni, principalmente detenzioni e fustigazioni, che hanno solo peggiorato le cose.

Nella primavera e nell'estate del 1790, l'esercito reale fu assalito da una serie di ammutinamenti. Nell'agosto 1790, la guarnigione di Nancy si ammutinò, una protesta contro la decisione dell'Assemblea nazionale costituente di vietare i comitati politici nell'esercito. Il governo ha inviato una forza di 4,500 persone per reprimere l'ammutinamento e due dozzine dei suoi capi sono stati giustiziati.

La Francia rischia l’invasione

guerra
La Patrie en Danger, una rappresentazione della chiamata al servizio militare in 1792

Quando l'Assemblea Legislativa dichiarò guerra nell'aprile 1792, l'esercito nazionale era in uno stato difficile. I principali comandanti militari francesi - tra cui Lafayette, il conte Rochambeau e il maresciallo Lucker - avevano poca fiducia nell'esercito e nella sua capacità di guerra.

I primi impegni sembravano confermarlo. Generale Charles Dumouriez organizzò in fretta un'offensiva contro il Belgio controllato dall'Austria a fine aprile. Finì in un disastro, con le truppe rivoluzionarie francesi in fuga dal campo di battaglia e uccidendo uno dei loro generali.

All'inizio dell'estate, una forza combinata di austriaci, prussiani, mercenari dell'Assia e emigrati si stava radunando lungo il Reno e si preparava a invadere la Francia. Il 25 luglio il comandante prussiano, il duca di Brunswick, pubblicò la sua famosa dichiarazione manifesto provocatorio, minacciando Parigi di distruzione.

Quattro settimane dopo gli Alleati attraversarono il confine francese, invasero Longwy e Verdun e si prepararono a marciare su Parigi. Questi eventi provocarono il panico nella capitale, contribuendo alla journée di agosto 10th e la massacro di prigionieri all'inizio di settembre.

Le fortune cambiano

guerra rivoluzionaria
Un busto del generale Charles Dumouriez, l'eroe militare di 1792

Proprio mentre Parigi e la rivoluzione sembravano irrimediabilmente perdute, Dumouriez istigò una manovra audace ma efficace per fermare l'avanzata. Una serie di mosse di fiancheggiamento, seguite dalla formazione di linee difensive, rallentò il progresso degli Alleati.

Il 20 settembre 1792, una forza francese di oltre 30,000 uomini affrontò gli invasori a Valmy, a metà strada tra Parigi e il confine. In mezzo alla pioggia battente e al fango denso, i francesi riuscirono ad avere la meglio e a sconfiggere le forze della coalizione di Brunswick, che il giorno successivo erano in ritirata. Nel giro di due settimane l’esercito alleato si ritirò dal territorio francese e la rivoluzione sembrava essere stata salvata. Dumouriez è stato salutato come un eroe e il nuovo Convenzione nazionale - che ha assunto le redini del governo il 20 settembre, giorno della battaglia di Valmy - si è mossa per abolire la monarchia.

Valmy segnò un punto di svolta nelle fortune militari francesi, ma le necessità e i problemi della guerra continuarono a influenzare sia le relazioni della Francia all'estero che il corso della rivoluzione in patria.

guerra rivoluzionaria francese

1. La guerra ebbe un ruolo significativo nel plasmare il corso della Rivoluzione francese. La guerra con l'Europa fu dichiarata in 1792 e continuò per il resto della rivoluzione e oltre.

2. All'interno dell'Assemblea legislativa, i Girondini si agitarono per la guerra per diversi motivi. Speravano di militarizzare ed energizzare la rivoluzione, ottenere il sostegno pubblico e consolidare il proprio potere.

3. Uno degli avversari della Francia rivoluzionaria era l'Austria. Il suo re, Leopoldo II, inizialmente era in sintonia con la rivoluzione e riluttante a iniziare una guerra lunga e costosa con la Francia.

4. I Girondini alla fine dichiararono guerra nell'aprile 1792. I primi mesi di guerra furono disastrosi, a causa della scarsa disciplina e dei disordini nell'esercito, in parte a causa della rivoluzione.

5. I rivoluzionari francesi subirono alcune umilianti sconfitte ma riuscirono a arginare la marea nel settembre 1792, sconfiggendo gli austriaci e i prussiani a Valmy e costringendoli a ritirarsi dal territorio francese.

Informazioni sulla citazione
Titolo: 'Guerra rivoluzionaria'
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/revolutionary-war/
Data di pubblicazione: 24 settembre 2019
Data di aggiornamento: 10 Novembre 2023
Data di accesso: 14 Giugno 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.