Un nobile descrive i giorni di ottobre (1789)

Charles, Marchese di Ferrières, era un aristocratico, diplomatico e delegato francese presso gli Stati Generali. Qui il Marchese descrive gli eventi del Giorni di ottobre, Quando Luigi XVI e la sua famiglia furono costretti a lasciare Versailles e ad abitare a Parigi:

“Alle sei del mattino, una folla di donne e uomini armati si radunò in piazza [a Versailles], convocati dal suono dei tamburi. Si udirono urla di rabbia contro le guardie del corpo reali. Una di queste colonne marciò fino alla Porta Reale ma la trovò chiusa. Un altro è passato dal cancello della cappella, che era aperto. Una delle guardie nazionali di Versailles fece strada su per le scale del re ... Alcuni della guardia del corpo corsero e dissero: "Amici miei, amate il vostro re eppure entrate nel suo palazzo per disturbarlo". Nessuno ha risposto.

La colonna ha continuato ad avanzare. La guardia del corpo si radunò nella loro sala. Le porte furono presto sfondate e furono costrette a evacuarlo. I cospiratori si avvicinarono agli appartamenti della regina gridando: "Le taglieremo la testa, le strapperemo il cuore, le friggeremo il fegato - e non sarà la fine". Miomandre volò alla porta della prima anticamera, l'aprì in fretta e chiamò una signora che vide: “Salva la regina, vogliono ucciderla. Sono solo di fronte a duemila tigri. I miei compagni sono stati obbligati a lasciare la loro sala. " Dopo queste poche parole Miomandre chiuse la porta e attese coraggiosamente i cospiratori. Uno di loro ha cercato di pugnalarlo con la sua picca ma lui ha parato il colpo. Un altro prese la picca per la testa, gli diede un colpo con il calcio che lo fece cadere a terra… Miomandre, grondante di sangue, fu considerato morto.

I cospiratori si riversarono nella grande sala. Nel frattempo il duca d'Orléans, in finanziera grigia e cappello rotondo con frustino in mano, passeggiava allegramente tra i gruppi che riempivano la piazza d'armi e i cortili del castello. Ha sorriso ad alcuni e ha parlato in modo libero e facile con altri. Tutt'intorno a lui l'aria risuonava di grida di "nostro padre è con noi: lunga vita al re Orléans". Incoraggiato da questi tributi alla sua popolarità, il Duca marciò per un po 'con questo gruppo, ma giunti in cima alla scalinata non osava attraversare quel vuoto che, nella definizione di delitto, separa l'intenzione dall'esecuzione. Si accontentò di indicare l'appartamento della Regina e, voltandosi verso gli alloggi del Re, scomparve.

Nel frattempo Madame Auger, first lady della camera da letto, fece indossare alla regina una sottoveste e le gettò un mantello sulle spalle. La regina quindi corse su per la scala privata che conduceva all'appartamento del re e bussò alla porta dell'anticamera. Nel rumore e nella confusione i suoi colpi non si udirono e attese alcuni istanti con timorosa ansia. Finalmente la porta fu aperta. La regina entrò e scoppiò in lacrime chiamando: "Salvatemi, amici miei, miei cari amici".

I cospiratori ora in possesso della sala della guardia del corpo hanno sfondato le porte che conducevano all'appartamento della regina ed hanno fatto irruzione nella sua camera da letto. Avvicinandosi al letto lo pugnalarono con le loro picche. Gli uomini della Guardia del corpo, che si erano barricati dietro tavoli e sgabelli, non poterono resistere a lungo. I piani dei tavoli venivano fatti a pezzi da ripetuti colpi. Il Duca stava per godersi il frutto dei suoi crimini. Allora i granatieri delle vecchie guardie francesi accorsero e, mettendo in fuga i cospiratori, occuparono la postazione interna ...

L'intero castello presentava un'immagine della più profonda costernazione. La regina e la famiglia reale si erano ritirate negli appartamenti privati. La Regina, in piedi davanti a una finestra aperta, aveva alla sua destra Madame Elisabeth e alla sua sinistra Madame Royale, mentre in piedi su una sedia di fronte a lei c'era il Delfino. Mentre arruffava i capelli di sua sorella, continuava a dire: "Mamma, ho tanta fame". La Regina, con le lacrime agli occhi, gli disse che doveva essere paziente e aspettare che il tumulto fosse finito ... "Stanno per uccidere mio figlio", gridò la Regina, trascinata da uno spasmo involontario di paura. Prese il Delfino tra le braccia e si alzò in fretta.

Poi qualcuno è venuto a dire alla regina che le persone la stavano chiamando. Esitò un momento. Lafayette ha detto che doveva mostrarsi per calmare la gente. "In tal caso", disse con spirito, "lo farò, anche se mi costa la vita". Quindi, tenendo le mani dei suoi due figli, si avvicinò al balcone. "Niente bambini!" gridò un uomo in mezzo alla folla, così la regina consegnò il Delfino e la principessa a Madame de Tourzel e avanzò da sola al balcone. Uno dei cospiratori le puntò contro il suo pezzo ma, scioccato dall'enormità del crimine che aveva pianificato, non osò portarlo a termine.

Diverse persone insistettero che il re venisse a vivere a Parigi. La folla ha ripetuto ad alta voce "Vogliamo il re a Parigi". Lafayette suggerì che l'unico modo per calmare il disordine era che il re accettasse il desiderio del popolo e si stabilisse nella capitale. Il re ha promesso di andare a Parigi lo stesso giorno, a condizione che fosse accompagnato dalla regina e dalla sua famiglia. Ha implorato la gente di risparmiare le vite della sua guardia del corpo. Lafayette aggiunse la sua supplica a quella del re.

I membri della Guardia del corpo si sono mostrati sul balcone ... Hanno gettato le bandoliere alla gente, hanno dato i loro cappelli ai Granatieri e, prendendo in prestito da questi ultimi berretti di foraggio, li hanno messi in testa. La gente ha applaudito gridando: "Lunga vita alla guardia del corpo!" La gioia estasiante seguì l'ebbrezza della furia. La pace è stata solennemente proclamata. Frequenti raffiche di artiglieria e moschetti annunciavano la vittoria del popolo e la partenza del re per Parigi ...

Il re è partito a mezzogiorno. I capi di Monsieurs des Hutes e de Varicourt [due membri della Guardia del corpo giustiziati dalla folla] guidarono la processione su picche. A seguirli c'erano 40 e 50 membri della Guardia del corpo, a piedi e disarmati, scortati da un corpo di uomini armati di sciabole e picche. Dopo di ciò arrivarono due della Guardia del corpo, che indossavano stivali alti con ferite al collo, camicie macchiate di sangue e abiti strappati. Ciascuno era tenuto da due uomini in uniforme nazionale con le spade sguainate nelle mani. Più indietro, si poteva vedere un gruppo della Guardia del corpo montato su cavalli, alcuni in sella a un passeggero e altri in sella con un membro della Guardia Nazionale che cavalcava dietro di loro.

Erano circondati da uomini e donne che li costrinsero a gridare "Vive la Nation!" e mangiare e bere con loro. Un sacco di picchieri, guardie svizzere, soldati del reggimento delle Fiandre, donne intonacate di coccarde e con rami di pioppo e altre donne sedute a cavalcioni sui fucili, è venuto prima e dopo la carrozza del re. Ogni moschetto era avvolto in foglie di quercia, in segno della vittoria, e c'era una scarica continua di moschetti mentre la gente gridava "Stiamo portando il fornaio, la signora Baker e il ragazzo del panettiere", slogan di grave insulto alla regina e minacce contro preti e nobili. Tale era il corteo, barbaro e criminale, che circondava il re, la regina e la famiglia reale durante le sei ore di viaggio verso l'Hôtel de Ville ... "