L'Assemblea nazionale discute i club politici (1791)

Sulla scia del Massacro di Champ de Mars, molti moderati stavano mettendo in dubbio il ruolo e le attività dei radicali club politici come i giacobini. Nell'Assemblea nazionale, Isaac Le Chapelier ha promosso un decreto per ridurre il potere crescente di questi club. In questo estratto si impegna Robespierre, sostenendo che la Rivoluzione francese è "finita" e l'utilità dei club politici era terminata:

[Le Chapelier]

“Vi parleremo di queste organizzazioni nate dall'entusiasmo per la libertà e alle quali devono la loro rapida istituzione. Parliamo di quelle organizzazioni che, durante i periodi burrascosi, hanno avuto il fortunato risultato di rialzare il morale pubblico, fornendo centri per punti di vista simili e mostrando alla minoranza avversaria l'enorme dimensione della maggioranza che voleva sterminare gli abusi, invertire i pregiudizi e stabilire una costituzione libera.

Ma come tutte le istituzioni spontanee create dal più puro dei motivi, a causa di notevoli cambiamenti nelle circostanze e varie altre cause, presto si discostano dal loro obiettivo e finiscono per assumere una sorta di ruolo politico che non dovrebbero. Finché è durata la rivoluzione, questo stato di cose è stato quasi sempre più utile che dannoso ...

Ma quando la Rivoluzione è finita e la Costituzione dello Stato è stata decisa, quando tutti i poteri pubblici sono stati delegati e tutte le autorità sono state richiamate, allora tutto deve essere ripristinato nell'ordine più perfetto per garantire la sicurezza di quella Costituzione. Quindi, nulla deve ostacolare le azioni delle autorità costituite e la deliberazione e il potere di agire devono essere collocati dove la costituzione li ha collocati e in nessun altro luogo. Ognuno deve anche riconoscere i propri diritti e responsabilità come cittadino, senza mai superare il primo né violare il secondo.

Le Società degli amici della Costituzione [giacobini] hanno fatto troppi favori allo Stato, e sono guidate da un eccessivo patriottismo, quindi normalmente è necessario non fare altro che avvertire i loro membri dei pericoli che queste organizzazioni rappresentano per il Stato. Sono trascinati in azioni illegali da uomini che li coltivano solo per fomentarli ...

Non vi è alcun potere se non quello costituito dalla volontà del popolo ed espresso attraverso i suoi rappresentanti. Non ci sono autorità tranne quelle delegate dal Popolo e non possono esserci azioni se non quelle dei suoi rappresentanti a cui sono stati affidati compiti pubblici. È per preservare questo principio, in tutta la sua purezza, che la costituzione ha abolito tutte le società, da un capo all'altro dello stato, e da ora in poi riconosce solo la società nel suo insieme e gli individui.

Una conseguenza necessaria di questo principio è il divieto di qualsiasi petizione o manifesto rilasciato a nome di un gruppo. Organizzazioni, assemblee pacifiche di cittadini e circoli - tutto passa inosservato nello Stato. Se abbandonano lo statuto privato loro concesso dalla costituzione, si ribellano contro la costituzione, distruggendola invece di difenderla. Da quel momento in poi, l'inestimabile grido di battaglia “Amici della Costituzione” non sembra altro che un grido di agitazione volto a sconvolgere l'esercizio legittimo dell'autorità ...

Le organizzazioni che sono state formate per ascoltare e sostenere i suoi principi sono solo raduni, circoli di amicizia che non svolgono alcun ruolo più di qualsiasi cittadino, cioè per proteggere la costituzione. Possono imparare, discutere e insegnarsi a vicenda, ma le loro conferenze e le loro procedure interne non devono mai andare oltre i confini delle loro sale riunioni. Nessuna caratteristica pubblica o azione collettiva dovrebbe attirare l'attenzione su di loro ... "

[Robespierre]

“La rivoluzione è finita. Vorrei certamente unirmi a voi nell'assumere che ciò sia vero, sebbene non sia del tutto chiaro il significato che attribuite a questa proposizione ... Ma supponendo che sia così, è ora meno necessario diffondere la conoscenza, i principi costituzionali , e lo spirito pubblico senza il quale la costituzione non può esistere? È meno utile ora formare assemblee in cui i cittadini possano occuparsi di queste questioni che sono gli interessi più importanti del loro paese, nel modo più efficace? C'è una preoccupazione più legittima o più degna per un popolo libero?

Per poter veramente dire che la rivoluzione è finita, è necessario che la Costituzione sia saldamente consolidata, poiché la sua distruzione o indebolimento prolungherebbe necessariamente la Rivoluzione, che non è altro che gli sforzi della nazione per preservare o raggiungere la libertà. Come si può allora proporre che il mezzo più potente per consolidare la costituzione, quello che lo stesso portavoce del comitato ha riconosciuto essere stato fino ad ora generalmente riconosciuto come necessario, venga reso invalido e privo di influenza?

Da parte mia, vedo da un lato che la costituzione nascente ha ancora nemici dall'interno e dall'esterno ... Vedo trame e doppiezza suonare l'allarme nello stesso momento in cui seminano disordini e discordia, e leader di fazioni opposte che combattono meno per il causa della Rivoluzione che per l'accesso al potere per governare in nome del monarca ... Quando vedo queste cose, non credo che la Rivoluzione sia finita ... "