Le sezioni di Parigi richiedono la rimozione del re (1792)

Ad agosto 3rd 1792, 47 delle sezioni 48 di Parigi ha consegnato la seguente petizione, chiedendo la rimozione del re, al Assemblea legislativa. L'Assemblea ha ascoltato la petizione ma si è inequivocata e non ha preso alcuna decisione. Ciò ha portato al attacco alle Tuileries e la sospensione di Luigi XVI una settimana dopo.

“Legislatori, quando la patria è in pericolo, i suoi figli dovrebbero aggirarla e mai un pericolo così grande ha minacciato la patria. La Comune di Parigi ci manda da te. Veniamo a portare l'opinione di una grande città nella patria della legge. Piena di rispetto per i rappresentanti della nazione, piena di fiducia nel loro coraggioso patriottismo, [Parigi] crede che per curare i mali della Francia sia necessario attaccarli alla fonte e non perdere un momento ...

Non ripercorreremo per te l'intera condotta di Luigi XVI dai primi giorni della rivoluzione, i suoi progetti sanguinari contro la città di Parigi, le sue preferenze per nobili e preti, l'avversione che mostrava per il popolo e l'Assemblea nazionale ... Non ripercorrere per te i giuramenti che tante volte ha violato, le proteste continuamente rinnovate e contraddette dalle sue azioni, fino al momento in cui la sua fuga insidiosa ha aperto gli occhi dei cittadini ... Lasciamo da parte tutto ciò che è coperto dal perdono popolare , ma perdonare non è dimenticare ...

I nemici armati minacciano il nostro territorio dall'estero. Due tiranni pubblicano un manifesto contro la nazione francese tanto insolente quanto assurdo. I parricidi francesi, guidati dai fratelli e dagli alleati del re, si preparano a squarciare il seno della loro patria. Già il nemico alle nostre frontiere pone i carnefici di fronte ai nostri soldati ...

Il capo del potere esecutivo è il primo anello della catena della controrivoluzione ... Lungi dal mettersi in opposizione ai nostri nemici interni e stranieri, la sua condotta è un atto formale e perpetuo di disobbedienza alla Costituzione. Finché abbiamo un tale re, la libertà non può crescere forte e siamo determinati a rimanere liberi ...

Poiché è molto dubbio che la nazione possa avere fiducia nell'attuale dinastia, chiediamo che i ministri possano esercitare provvisoriamente il potere esecutivo una volta [il re viene rimosso] fino a quando la volontà del popolo, nostro sovrano e vostro, non sarà legalmente pronunciata in una Convenzione Nazionale ...

Nel frattempo, lascia che i nostri nemici, per quanto possano essere, si sistemino oltre le nostre frontiere; lasciate che mascalzoni e spergiuri abbandonino il suolo della nostra libertà; lasciate che 300,000 schiavi avanzino, troveranno davanti a loro decine di milioni di uomini liberi ... Ognuno di noi sia a sua volta soldati [e] che ognuno di noi renda illustre la sua memoria con la morte di un tiranno prima di cedere il suo ultimo respiro ".

parigi sezioni louis xvi
Un disegno colorato di 1792 che deride l'impopolare Luigi XVI