La legge del massimo

legge del massimo
Un grafico del 1791 che mostra un sans-culotte che riflette su un elenco di prezzi alimentari elevati

La Legge del Massimo, approvata nel settembre 1793, fu un tentativo della Convenzione Nazionale di alleviare la crisi alimentare fissando un limite massimo per i prezzi. Ciò seguì mesi di agitazioni e disordini politici, culminati con l'espulsione dei Girondini dalla Convenzione. La Legge del Massimo fu ben accolta dagli sanculotti di Parigi, ma non riuscì a migliorare le loro condizioni e, per certi aspetti, non fece altro che peggiorare i problemi della produzione e distribuzione del cibo.

sfondo

Nel 1793, i salari, i prezzi dei prodotti alimentari e le condizioni di vita a Parigi non erano praticamente migliorati rispetto alle condizioni che portarono alla insurrezione di 1789La guerra della Francia con l'Europa aveva ridotto le importazioni e le esportazioni e interrotto il commercio interno. Anche la mobilitazione per la guerra e gli eventi nelle province avevano interrotto la produzione agricola.

Nelle città e nei paesi della nazione, l'introduzione della carta assignats aveva causato un'inflazione grave. Il prezzo di una pagnotta da quattro chili era sceso a otto sous nel 1791, ma nel 1793 ne arrivò fino a 12 sous. Anche il costo di altri generi alimentari, in particolare vino e carne, era aumentato notevolmente. Tra il 1791 e il 1793, l’inflazione fece aumentare i prezzi dei prodotti alimentari del 90%, mentre i salari aumentarono di circa l’80% nello stesso periodo.

All'inizio del 1793 il sanculotti di Parigi stavano sollecitando il Convenzione nazionale per risolvere la carenza di cibo e fare qualcosa per i prezzi esorbitanti.

I inferocito

A guidare questa campagna sono stati i inferocito (francese per "infuriati"). IL inferocito non erano un club politico ma un gruppo di individui che, come suggerisce il nome, infuriavano contro chiunque credevano traesse profitto dagli alti prezzi dei prodotti alimentari. IL inferocito erano, in sostanza, livellatori di classe che volevano una società di uguaglianza economica, l'equivalente dei socialisti marxisti della Rivoluzione francese.

Il membro più importante del inferocito era Jacques Roux, un sacerdote cattolico diventato attivista radicale (in seguito fu soprannominato il "prete rosso"). Roux fu politicamente attivo nella Comune di Parigi e nelle sezioni, ma lavorò anche instancabilmente con i poveri, cercando di localizzare e distribuire cibo.

Gli entusiasmanti discorsi di Roux ebbero scarso impatto su una Convenzione ora dominata dai giacobini, ma furono ben accolti per le strade di Parigi. Nel febbraio 1793 la capitale fu colpita da una serie di rivolte di mercato. Queste rivolte furono scatenate quasi esclusivamente da donne che protestavano contro il prezzo elevato del pane, dello zucchero, del caffè e persino del sapone. Alla fine di febbraio agli scontri si erano uniti anche gli uomini, che minacciavano di violenza contro fornai e droghieri che si rifiutavano di abbassare i prezzi.

La carenza di cibo politicizzata

massimo
Un disegno di profilo di Jacques Roux, uno degli Enrages di 1793

Le rivolte per il cibo sono continuate all'inizio di marzo quando la carenza di pane ha iniziato a diminuire. Tra marzo e giugno 1793, la Convenzione fu in gran parte occupata da questioni di guerra e da una lotta di potere tra i Girondin e Montagnard fazioni. I giornalisti radicali allineati con i giacobini iniziarono a scaricare la colpa degli alti prezzi alimentari sui Girondini. La percezione pubblica associava i deputati girondini alle province, agli interessi economici e al borghesia – tutto ciò li rendeva convenienti capri espiatori dei problemi di approvvigionamento alimentare.

All'inizio di maggio 1793, i giacobini a Parigi iniziarono a schierarsi con il sanculotti sulla politica alimentare. Fu un turno calcolato, progettato per ottenere il sostegno pubblico e finire definitivamente i Girondini. Maximilien Robespierre, che in precedenza aveva mostrato poca simpatia per i rivoltosi di cibo o affamati sanculotti, cominciò a battere contro accaparratori di grano, speculatori di prezzo e profittatori.

Il 4 maggio la Convenzione ha mosso i primi passi verso il controllo dei prezzi, fissando il prezzo del grano e della farina. Girondins si è opposto a qualsiasi controllo sui prezzi; credevano che le scorte alimentari sarebbero presto aumentate e che i prezzi alla fine sarebbero diminuiti. “Queste parole 'accaparratori' e 'monopoli'”, ha detto alla Convenzione il deputato girondino Jacques Creuzé-Latouche, “sono solo visioni pericolose di persone stolte e donne ignoranti”.

I giacobini al comando

Politicamente, lo spostamento a sinistra della politica economica giacobina ebbe l’effetto desiderato. IL sanculotti cominciò a schierarsi con i giacobini e i montagnardi, chiedendo l'allontanamento degli odiati girondini dalla Convenzione. La pressione pubblica continuò a crescere fino al maggio 1793, culminando infine nella journée del 31 maggio e l'espulsione dei deputati girondini il 2 giugno.

Questa fu chiaramente una vittoria per i giacobini e i montagnardi nella Convenzione – ma ora erano loro gli unici responsabili delle condizioni economiche di Parigi. Non potevano esserci capri espiatori né ulteriori spostamenti di colpa.

Il 25 giugno 1793 Jacques Roux ha pronunciato un discorso entusiasmante alla Convenzione Nazionale, in seguito soprannominato il 'Manifesto del inferocito'. In questo discorso, Roux ha sfidato i deputati Montagnard a intraprendere un'azione forte contro chiunque monopolizzasse le vendite di cibo e approfittasse di prezzi elevati:

“Cento volte questa sala ha suonato con i crimini di egoisti e furfanti. Hai sempre promesso di colpire i succhiasangue del popolo. L'atto costituzionale sarà presentato al sovrano per la sanzione. Hai proibito la speculazione sui prezzi [nella nuova costituzione]? No. Hai chiesto la pena di morte contro i monopolisti? No. Hai stabilito in cosa consiste la libertà di commercio? No. Hai proibito la vendita di moneta coniata? No. Ebbene, ti diciamo che non hai fatto tutto per la felicità delle persone ".

Roux tacque

Inc

Piuttosto che ascoltare la sfida di Roux, la macchina giacobina si mosse per zittirlo. Nel L'Ami du Peuple, Marat ha condannato Roux come un piantagrane e un "prezzo falso". Robespierre e i suoi alleati hanno seguito l'esempio nella Convenzione. Alla fine di agosto, Roux languiva in una cella di prigione con accuse che probabilmente erano state inventate.

La scomparsa di Roux dalla scena politica non ha messo a tacere il sanculotti, che ha continuato a chiedere un'azione alla Convenzione. “La gente soffre”, diceva una petizione alla Convenzione nel settembre 1793. “La nobiltà è schiacciata ma respira ancora una nuova élite, mercanti e speculatori alimentari (le due parole sono sinonimi). Perché dovrebbe il sanculotti dare il loro sangue per la patria mentre i ricchi si arricchiscono? Perché non dovrebbero alzarsi e tagliare le teste dei ricchi, come hanno fatto con i cortigiani del re? Questo accadrà a meno che non fissi il massimo. "

Prezzi fissi

"Questo massimo generale fissava i prezzi ai livelli locali del 1790 più un terzo, ma sottovalutava drasticamente i costi di trasporto, incoraggiando i produttori a portare le loro merci al mercato più vicino piuttosto che a quello più bisognoso ... In vaste aree del paese, il cibo non era disponibile al massimo prezzo e richiesto il ricorso al mercato nero o il pagamento di una tariffa supplementare. "
David Andress, storico

Il 29 settembre, pochi giorni dopo questa petizione, la Convenzione ha risposto approvando la Legge del Massimo, conosciuta anche come Massima Generale. Questa legislazione radicale imponeva un prezzo massimo su decine di beni essenziali, soprattutto generi alimentari.

Tra le merci a cui veniva applicato un tetto massimo di prezzo c'erano "carne fresca, carne salata e pancetta, burro, olio dolce, bestiame, pesce salato, vino, brandy, aceto, sidro, birra, legna da ardere, carbone, carbone, candele, olio per lampade, sale, soda, zucchero, miele, carta bianca, pellami, ferro, ghisa, piombo, acciaio, rame, canapa, biancheria, lana, stoffe, tele, materie prime per tessuti, zoccoli di legno, scarpe, rape e colza, sapone, potassio e tabacco”.

Sotto il prezzo massimo, i commercianti erano tenuti per legge a esporre un elenco completo dei loro prezzi massimi, affisso in una vetrina o all'esterno del loro negozio. Se uno qualsiasi di questi prezzi superasse il massimo consentito dalla legge, il pubblico in generale potrebbe informare le autorità cittadine. I commercianti che violavano la legge venivano multati il ​​doppio del valore di ogni articolo troppo caro. Curiosamente la multa è stata pagata al delatore e non allo Stato. Il Massimo Generale poneva anche un tetto massimo ai salari.

Effetti economici

La decisione di fissare prezzi e salari era basata su buone intenzioni ma si è rivelata economicamente disastrosa, come tendono ad essere i controlli artificiali dei prezzi.

Le limitazioni imposte dalla Massima scoraggiarono agricoltori e produttori. Cominciarono a produrre di meno o ad accumulare ciò che producevano, invece di vendere il cibo al di sotto del suo valore reale. Meno cibo è arrivato nei paesi e nelle città, il che non ha fatto altro che esacerbare la carenza.

Nel mezzo c'erano i rivenditori urbani e piccola borghesia - negozianti, macellai, panettieri e venditori ambulanti - la maggior parte dei quali è sopravvissuta con margini minimi. Secondo l'economista Henry Bourne, “il commerciante onesto che divenne vittima della legge [del prezzo massimo]”, mentre i malfamati e corrotti la sfruttavano. "Il macellaio nel pesare le carni aggiungeva più scarti di prima ... altri negozianti vendevano al massimo merci di seconda qualità ... La gente comune si lamentava che compravano succo di pera per vino, olio di papaveri per olio d'oliva, cenere per pepe e amido per lo zucchero. "

Emerse anche un fiorente mercato nero: molti erano pronti a rischiare la vita e la libertà commerciando illegalmente con chi era disposto a pagare oltre il massimo prescritto.

legge della rivoluzione francese del massimo

1. La legge del massimo era un tentativo della Convenzione nazionale di fissare i livelli dei prezzi, al fine di placare il sanculotti e i loro sostenitori nel movimento giacobino.

2. All’inizio del 1793 i prezzi dei prodotti alimentari erano nuovamente aumentati, provocando una serie di rivolte per il pane a Parigi in febbraio e marzo, e l’emergere di radicali economici conosciuti come i inferocito.

3. I giacobini, cercando il sopravvento politico sui Girondini, iniziarono a schierarsi con i sanculotti. Il 4 maggio 1793 la Convenzione imponeva prezzi massimi su grano e farina.

4. Continua la pressione di Jacques Roux, dei giacobini e del sanculotti ha portato all’approvazione del Massimo Generale alla fine di settembre, che ha fissato salari e prezzi su una serie di beni essenziali.

5. Invece di risolvere il problema della disponibilità e dei prezzi del cibo, il Massimo ha peggiorato le cose scoraggiando gli agricoltori e riducendo la quantità di cibo che arriva nelle città.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La legge del massimo"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/law-of-the-maximum/
Data di pubblicazione: 30 settembre 2019
Data di aggiornamento: 16 Novembre 2023
Data di accesso: 20 aprile 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.