Storico: Eric Hobsbawm

eric hobsbawm

Nome: Eric Hobsbawm

Vissuto: 1917-2012

Nazionalità: Britannico

Professione (s): Accademico, storico

Libri: The Age of Revolution: Europa 1789-1848 (1962) Echi della Marsigliese: due secoli di storia sulla rivoluzione francese (1990).

Prospettiva: Marxista

Eric Hobsbawm è stato uno degli scrittori accademici più prolifici del XX secolo e probabilmente il suo storico di sinistra più famoso.

Hobsbawm era il rampollo di una famiglia ebrea, nata in Egitto ma cresciuta in Germania e Austria. La famiglia fuggì dai nazisti ed emigrò a Londra, dove Hobsbawm completò la sua istruzione secondaria. Ha studiato storia a Cambridge, conseguendo un dottorato, prima di arruolarsi e prestare servizio nella seconda guerra mondiale.

Hobsbawm tornò al mondo accademico dopo la guerra, tenendo lezioni all'Università di Londra. Sfortunatamente marxista, era membro di diversi gruppi comunisti, affiliazioni che gli causarono qualche difficoltà durante la Guerra Fredda.

Hobsbawm fu uno scrittore prolifico che scrisse dozzine di libri per oltre mezzo secolo. La sua vasta storia dell'Europa, The Age of Revolution: 1789-1848, copre la Rivoluzione francese in notevole profondità e portata.

Hobsbawm vede la rivoluzione in Francia, così come le successive rivoluzioni nel continente europeo, come "doppie rivoluzioni", dove la richiesta di cambiamento politico si è sommata a rapidi cambiamenti industriali ed economici. Ciò contrastava con l'Inghilterra, che fu soggetta solo a cambiamenti politici moderati (la Gloriosa Rivoluzione del 1688) o a cambiamenti socio-economici (la Rivoluzione Industriale).

Nel contesto della Rivoluzione francese, Hobsbawm attribuisce particolare importanza alla formazione, all'ascesa e all'influenza del capitalista borghesia. Le loro richieste paradossali di accesso a nobili privilegi e rappresentanza politica hanno contribuito a scatenare dinamiche forze rivoluzionarie in Francia.

Citazioni

"In tutta l'Europa continentale il nobile ha gomitato i suoi rivali di basso livello fuori dagli uffici di profitto dalla corona."

“La Francia ha fatto le sue rivoluzioni e ha dato loro le loro idee, al punto che un tricolore di qualche tipo è diventato l'emblema di praticamente ogni nazione emergente ... La Francia ha fornito il vocabolario e le questioni della politica liberale e razziale-democratica per la maggior parte del mondo. La Francia ha fornito il primo grande esempio, il concetto e il vocabolario del nazionalismo. La Francia ha fornito i codici di legge, il modello di organizzazione scientifica e tecnica, il sistema metrico di misurazione per la maggior parte dei paesi ... Questo è stato il lavoro della Rivoluzione francese ".

“Da sola tra tutte le rivoluzioni contemporanee, la Rivoluzione francese è stata ecumenica. I suoi eserciti decisero di rivoluzionare il mondo; le sue idee lo fecero davvero. La rivoluzione americana è rimasta un evento cruciale nella storia americana, ma ad eccezione dei paesi direttamente coinvolti in essa, ha lasciato poche tracce importanti altrove. La rivoluzione francese è una pietra miliare in tutti i paesi ".

“Il conflitto tra la struttura ufficiale e gli interessi acquisiti del vecchio regime e le nuove forze sociali emergenti era più acuto in Francia che altrove. Le nuove forze sapevano abbastanza precisamente cosa volevano ".

“[Con gli Stati generali] la rivoluzione iniziò un tentativo aristocratico di riconquistare lo stato. Questo tentativo ha sbagliato i calcoli per due ragioni: ha sottovalutato le intenzioni indipendenti del Terzo Stato - l'entità immaginaria ritenuta rappresentare tutti coloro che non erano né nobili né clero, ma in realtà era dominata dalla classe media - e ha trascurato la profonda crisi economica e sociale in cui ha lanciato le sue richieste politiche ".

“La rivoluzione francese non è stata creata o guidata da un partito o movimento formato nel senso moderno, né da uomini che cercavano di attuare un programma sistematico. Non ha nemmeno vomitato "leader" del tipo a cui ci hanno abituato le rivoluzioni del XX secolo ... Tuttavia, un sorprendente consenso di idee generali tra un gruppo sociale abbastanza coerente ha dato al movimento rivoluzionario un'effettiva unità. Il gruppo era la borghesia; le sue idee erano quelle del liberalismo classico ".

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: Eric Hobsbawm"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/historian-eric-hobsbawm/
Data di pubblicazione: October 11, 2018
Data di accesso: October 08, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.