Storico: Francois Furet

furetto francois

Nome: François Furet

Vissuto: 1927-1997

Nazionalità: Francese

Professione (s): Storico, accademico

Libri: Interpretazione della rivoluzione francese (1981) La rivoluzione francese (1996)

Prospettiva: Revisionista liberale

Per gran parte del XX secolo, la storiografia della rivoluzione francese è stata dominata da prospettive marxiste. Testo di riferimento di François Furet Interpretazione della rivoluzione francese cercato di affrontare questo squilibrio. Furet confutò la teoria marxista e resuscitò l'idea che la Rivoluzione francese avrebbe potuto essere guidata da scopi politici tanto quanto da condizioni sociali o insoddisfazione della classe.

Facendo eco al lavoro del liberale del 19 ° secolo Alexis de Tocqueville, Furet considera la rivoluzione come la prima incursione della Francia in una democrazia liberale, piuttosto che una manifestazione del socialismo.

Furet credeva che la rivoluzione non fosse riuscita a realizzare una democrazia liberale duratura perché le sue forze, fin dall'inizio, non furono mai frenate dallo stato di diritto.

Mentre molti storici di sinistra vedono il Terrore come una perversione o un'aberrazione, qualcosa di inaspettato e "fuori" dal corso naturale della rivoluzione, Furet sostiene che le radici del terrore possono essere fatte risalire alla caduta della Bastiglia.

Citazioni

“Lo storico della Rivoluzione francese deve produrre qualcosa di più che una prova di competenza. Deve mostrare i suoi colori. Deve dichiarare subito da dove viene, cosa pensa e cosa cerca. Ciò che scrive sulla Rivoluzione francese riceve un'etichetta ancor prima che inizi a lavorare. "

“I rivoluzionari hanno dato un nome a ciò che avevano abolito. Lo chiamavano ancien regime. In tal modo hanno definito non tanto ciò che avevano soppresso, ma più ciò che volevano creare: una rottura completa con il passato, che doveva essere gettato nell'ombra della barbarie ".

"Per lo stesso motivo per cui si pensa che l'Ancien Regime abbia una fine ma non un inizio, la Rivoluzione ha una nascita ma non una fine."

"Ho a lungo pensato che potrebbe essere intellettualmente utile datare l'inizio della Rivoluzione francese all'Assemblea dei Notabili all'inizio del 1787. La monarchia assoluta morì, in teoria e in pratica, nell'anno in cui i suoi intendenti furono costretti a condividere la loro responsabilità con le assemblee elette, in cui al Terzo Stato sono stati dati il ​​doppio dei rappresentanti rispetto al passato. Tocqueville data quello che chiama il "vero spirito della rivoluzione" dal settembre 1788 ".

“L'ancien regime era stato nelle mani del re; la rivoluzione è stata la conquista del popolo. La Francia era stata un regno di sudditi; ora era una nazione di cittadini. La vecchia società si era basata sul privilegio; la rivoluzione ha stabilito l'uguaglianza. Così è stata creata l'ideologia di una rottura radicale con il passato, un'enorme spinta culturale per l'uguaglianza ".

"C'era un'essenziale instabilità inerente alla politica rivoluzionaria, in conseguenza della quale le periodiche professioni di fede riguardanti la 'stabilizzazione' della Rivoluzione portarono immancabilmente a rinnovate esplosioni di attività rivoluzionaria".

“La Francia rivoluzionaria ha usato il paradosso della democrazia come unica fonte di potere. La società e lo Stato erano fusi nel discorso della volontà popolare; e le ultime manifestazioni di quell'ossessione furono il Terrore e la guerra, entrambi inerenti alla retorica sempre crescente dei vari gruppi in competizione per il diritto esclusivo di incarnare il principio democratico. Il Terrore ha rimodellato, in modo rivoluzionario, una sorta di diritto divino dell'autorità pubblica ".

“Le due immagini simmetriche e opposte di potere indiviso fornirono gli ingredienti per i ministri di un complotto per istituire un dispotismo ministeriale; l'amministrazione reale credeva in una cospirazione tra i mercanti di grano o gli uomini di lettere. È proprio in questo senso che la monarchia francese del diciottesimo secolo era assoluta, e non come è stato ripetutamente affermato dalla storiografia repubblicana sulla base di quanto affermava la Rivoluzione, a causa del modo in cui esercitava la sua autorità. Il suo potere era debole, ma concepiva se stesso come indiviso. La rivoluzione francese è inconcepibile senza quell'idea, o quel fantasma, che era un'eredità della monarchia; ma la Rivoluzione ha ancorato il potere nella società invece di vederlo come una manifestazione della volontà di Dio. La nuova immagine collettivamente condivisa della politica era l'esatto contrario di quella dell'ancien regime ".

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: Francois Furet"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/historian-francois-furet/
Data di pubblicazione: October 9, 2018
Data di accesso: 25 settembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.