Storico: George Rudé

george maleducatoNome: George Rudé

Vissuto: 1910-1993

Nazionalità: Britannico

Professione (s): Storico, accademico

Libri: La folla nella rivoluzione francese, La folla nella storia, Europa rivoluzionaria: 1783-1815, Robespierre.

Prospettiva: Comunista marxista

George Rudé (pronunciato roo-day) è nato e cresciuto a Oslo, figlio di un padre norvegese e madre inglese.

La famiglia di Rudé emigrò in Inghilterra, dove completò gli studi secondari prima di studiare lingue a Cambridge. Durante questo periodo Rudé era in sintonia con il comunismo e i movimenti politici di sinistra.

Dopo essersi laureato a Cambridge, viaggiò in Unione Sovietica e si unì al Partito Comunista Britannico mentre insegnava lingue nelle scuole superiori. Rudé in seguito tornò a studiare e ottenne un dottorato in storia in 1950; la sua tesi si concentra sui motivi della folla e sull'agitazione durante la Rivoluzione francese.

Rudé entrò nel mondo accademico, tuttavia, la sua appartenenza al Partito Comunista portò alla sua espulsione dalle posizioni di insegnante nelle università britanniche. Si è trasferito in Australia e ha assunto la cattedra presso l'Università di Adelaide e la Flinders University, prima di trasferirsi in Canada in 1970. Rimase lì fino alla sua morte in 1993.

Storiograficamente, Rudé era uno storico sociale di sinistra interessato principalmente alle folle, alle loro motivazioni e azioni e al loro impatto sullo sviluppo della rivoluzione. Ha cercato di decostruire generalizzazioni astratte come "la mafia di Parigi", approfondendo le fonti primarie per costruire un quadro più accurato di questi gruppi.

Per raggiungere questo obiettivo, Rudé ha fatto affidamento su fonti spesso trascurate, come rapporti di polizia e scritti personali, per capire come queste folle fossero composte e sollecitate all'azione. I preconcetti semplicistici sulla formazione di folle in risposta a un singolo evento sono messi in discussione nel lavoro di Rudé. Anche i capi di queste folle vengono esaminati e distinti dalle folle stesse.

Citazioni

"Per Burke, la folla rivoluzionaria era puramente distruttiva e si presumeva fosse composta dagli elementi sociali più indesiderabili: le folle che invasero il castello di Versailles nell'ottobre 1789 sono 'una banda di crudeli ruffiani e assassini, puzzolenti di sangue'. D'altra parte [la folla] è stata [anche] presentata come l'incarnazione di tutte le virtù popolari e repubblicane ".

“Per quanto riguarda le origini sociali, si rivela una netta divisione tra la massa di manifestanti e ribelli e i leader politici che dirigono o traggono capitale politico da queste operazioni. [Questi ultimi] con poche eccezioni erano tratti dalla borghesia commerciale, dalle professioni o dall'aristocrazia liberale. Questa discrepanza nelle origini tra leader e partecipanti si riflette in una discrepanza nei loro obiettivi sociali e politici ".

"Forse non sorprende che il motivo più costante dell'insurrezione popolare durante la Rivoluzione, come nel XVIII secolo nel suo insieme, fosse il bisogno impellente di pane a buon mercato e abbondante e altri elementi essenziali".

“L'agitazione [dei circoli politici] portò a un'ulteriore radicalizzazione degli artigiani e operai di Parigi (ormai chiamati sans-culottes dai loro oppositori più gentili) che iniziarono a partecipare alle riunioni delle Sezioni e ad arruolarsi nella Guardia Nazionale ... A quel tempo stavano partecipando alle riunioni delle società popolari, chiedendo il diritto di voto e persino leggendo la stampa radicale. Tutto ciò servì a educare ulteriormente i sans-culottes nel vocabolario e nelle idee della borghesia rivoluzionaria che ... stava dando alla rivoluzione una svolta decisiva a sinistra ".

“Materialmente, i sans-culottes guadagnarono pochissimo dalla Rivoluzione: il diritto di voto ei controlli sui prezzi dei generi alimentari furono ritirati prima della fine del 1795. Ma sicuramente hanno lasciato il segno sugli eventi. Avevano servito come truppe d'assalto della rivoluzione in tutti i grandi eventi pubblici ... Sebbene non tenessero mai più di una manciata di seggi nelle Assemblee Nazionali della Rivoluzione, era la prima volta che piccoli artigiani e commercianti avevano governato una città delle dimensioni di Parigi per un intero anno critico. E nonostante la perdita dei loro giochi più materiali, la tradizione dell'azione popolare di massa e della democrazia diretta iniziata dai sans-culottes di Parigi [è] sopravvissuta ".

"I giacobini e i sans-culottes scesero insieme, vittime di una cospirazione ordita dagli avversari sia a destra che a sinistra, ma da cui solo la destra ottenne tutte le ricompense."

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: George Rudé"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/historian-george-rude/
Data di pubblicazione: October 16, 2018
Data di accesso: October 16, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.