Storico: Albert Soboul

Albert Soboul

Nome: Albert Soboul

Vissuto: 1914-1982

Nazionalità: Francese

Professione (s): Accademico, storico

Libri: Classi e lotte di classe durante la Rivoluzione francese (1953) Il Sans-Culottes parigino e la Rivoluzione francese (1964) Il Sans Culottes: il movimento popolare e il governo rivoluzionario (1972) La rivoluzione francese 1787-1799 (1975), Una breve storia della rivoluzione francese (1977).

Prospettiva: Marxista

Alfred Soboul è nato in Algeria, allora colonia francese, da genitori della classe operaia. Poco dopo la nascita di Soboul, suo padre fu ucciso nella prima guerra mondiale e la famiglia tornò in Francia.

Il giovane Soboul eccelleva nei suoi studi e vinse una borsa di studio in una prestigiosa scuola secondaria di Parigi. Ha servito brevemente nella seconda guerra mondiale prima di diventare insegnante e completare ricerche storiche nel suo tempo libero.

In 1953, Soboul scrisse il primo di numerosi testi sulla Rivoluzione francese, la maggior parte dei quali rientrava saldamente nella scuola marxista (era un membro del Partito Comunista Francese).

Posizionando la rivoluzione nel più ampio contesto storico del periodo e applicando prospettive socio-economiche di sinistra, il lavoro di Soboul è particolarmente interessato al senza culottes. Li vede come un movimento popolare di ampia base, intento a migliorare la vita delle classi medie e basse, non solo a Parigi ma altrove in Francia.

A volte Soboul è criticato per la sua tendenza a generalizzare sul senza culottes movimento, il suo idealismo riguardo ai suoi motivi e la sua incapacità di usare fonti credibili per sostenere le sue conclusioni. Indipendentemente da queste critiche, nessun altro storico o scrittore ha avuto il successo di portare la folla di Parigi, la senza culottes della scuola e il Enragés alla vita.

Citazioni

“La rivoluzione segna l'avvento della società capitalista borghese nella storia francese. Il suo risultato essenziale fu la creazione dell'unità nazionale attraverso la distruzione del sistema signorile e degli ordini privilegiati della società feudale ".

“Alla fine del XVIII secolo, la struttura della società francese rimase essenzialmente aristocratica. Portava ancora il marchio della sua origine, in un'epoca in cui la terra costituiva l'unica base della ricchezza, e di conseguenza dava a chi la possedeva potere su chi la lavorava ".

“L'avanzata dell'Illuminismo minò le basi ideologiche del vecchio ordine e rafforzò la coscienza della borghesia di se stessa come classe. Questa consapevolezza era positiva: una classe emergente con una fede nel progresso, la borghesia vedeva se stessa come rappresentante degli interessi di tutti ".

"Mezzo secolo prima di Marx, Barnave aveva già formulato una teoria della rivoluzione borghese ... Ha stabilito il principio che la proprietà della proprietà influenza lo sviluppo delle istituzioni, che l'aristocrazia proprietaria ha ostacolato l'emergere di un nuovo ordine sociale".

“La borghesia voleva qualcosa di più della semplice parità con l'aristocrazia. Chiedeva libertà, non solo libertà politica ma l'idea di libertà economica, di libera impresa e profitto ".

“Oggi tutti sanno che la borghesia ha guidato la rivoluzione. Nella società del XVIII secolo, tuttavia, la borghesia non formava una classe omogenea. Alcuni elementi avevano trovato un posto nella struttura del vecchio regime e condiviso, in misura maggiore o minore, i privilegi della classe dominante ".

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: Albert Soboul"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/historian-albert-soboul/
Data di pubblicazione: October 18, 2018
Data di accesso: 22 settembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.