Madame de Staël su Robespierre e il CPS (1798)

madame de staëlGermaine de Staël (1766-1817), meglio conosciuta come Madame de Staël, era figlia di Jacques Necker e un notevole salonnière e autore. Nato a Parigi, Germaine Necker eccelleva come studente, ricevendo un'educazione liberale nelle opere di Rousseau, Montesquieu e altri. Ha anche partecipato Saloni ospitato da sua madre. In 1786 Necker ha partecipato a un matrimonio combinato con Erik de Staël, un barone svedese 17 di età superiore ai suoi anni. Come Madame de Staël, divenne una fervente sostenitrice della rivoluzione, partecipando alle sessioni del Stati Generali a Versailles. De Staël era un sostenitore della riforma costituzionale, un sostenitore di Mirabeau e, più tardi, i Girondini. È fuggita dal Il regno del terrore a 1793, vivendo in esilio in Svizzera e in Inghilterra prima di tornare a Parigi alla fine di 1794. De Staël iniziò una prolifica carriera di scrittore, scrivendo numerosi saggi, romanzi e storie. La sua storia della rivoluzione, Considerazioni sui principali eventi della rivoluzione francese, è stato pubblicato su 1798. In questo estratto, De Staël riflette sul potere esercitato da Maximilien Robespierre della scuola e il Comitato di pubblica sicurezza:

“Se non ci fosse stata una divisione tra i deputati della Convenzione [nazionale], è impossibile dire quanto sarebbe durato l'atroce governo del Comitato di Pubblica Sicurezza. Questo Comitato non era composto da uomini di talento superiore. La macchina del terrore, le cui molle erano state preparate per l'azione dagli eventi, esercitava da sola un potere illimitato. Il governo somigliava all'orrenda [ghigliottina] impiegata sul patibolo; fu vista l'ascia, piuttosto che la mano che la mise in moto. Una sola domanda era sufficiente per rovesciare il potere di questi uomini ... La loro forza era misurata dall'atrocità dei loro crimini e nessuno osava attaccarli. Questi 12 membri del Comitato di Pubblica Sicurezza diffidavano l'uno dell'altro, poiché la Convenzione diffidava di loro e loro diffidavano di essa. L'esercito, il popolo ei partigiani della rivoluzione erano tutti reciprocamente allarmati.

Nessun nome di quest'epoca rimarrà tranne Robespierre. Non era né più capace né più eloquente degli altri, ma il suo fanatismo politico aveva un carattere di calma e austerità che lo faceva temere da tutti i suoi colleghi. Una volta ho parlato con lui a casa di mio padre nel 1789, quando era conosciuto solo come avvocato di Arras con principi democratici estremi. I suoi lineamenti erano cattivi, la sua carnagione pallida, le sue vene avevano una tonalità verdastra. Manteneva le proposte più assurde con una freddezza che aveva l'aria di convinzione. Potevo facilmente credere che all'inizio della Rivoluzione adottasse idee sull'uguaglianza delle fortune e dei ranghi ... Ma divenne ambizioso quando trionfò sul suo demagogo rivale, Danton, il Mirabeau della mafia. Danton aveva più spirito di Robespierre ed era più accessibile alla pietà. Ma si sospettava, e con ragione, che [Danton] non fosse immune alla seduzione del denaro - una debolezza che, alla fine, rovina sempre i demagoghi, perché le persone non possono sopportare coloro che si arricchiscono ...

Danton era divisivo, Robespierre era ipocrita. Danton amava il piacere, Robespierre solo il potere. Egli [Robespierre] ha inviato al patibolo alcuni come controrivoluzionari, altri come ultra-rivoluzionari. C'era qualcosa di misterioso nei suoi modi che ha causato un terrore sconosciuto aggirarsi nel mezzo del terrore visibile che il governo ha proclamato. Non ha mai adottato i mezzi di popolarità allora generalmente in uso. Non era mal vestito. Al contrario, era l'unica persona che portava polvere nei capelli; i suoi vestiti erano puliti e il suo volto non aveva nulla di familiare. Il desiderio di governare lo portò, senza dubbio, a distinguersi dagli altri proprio nel momento in cui si desiderava l'uguaglianza in tutto.

Tracce di un disegno segreto si percepiscono anche nei discorsi confusi da lui tenuti alla Convenzione che, per certi versi, ricordano Cromwell. È davvero raro che chiunque non sia un capo militare possa diventare un dittatore, ma il potere civile aveva allora molta più influenza dei militari. Lo spirito repubblicano ha portato alla sfiducia di tutti i generali vittoriosi; i soldati stessi consegnarono i loro capi non appena si presentò il minimo allarme. I dogmi politici ... regnavano a quel tempo, non gli uomini. C'era bisogno di qualcosa di astratto nell'autorità, in modo che si potesse pensare che tutti ne partecipassero. Robespierre ha acquisito la reputazione di alta virtù democratica e quindi è stato ritenuto incapace di opinioni personali. Non appena era sospettato di averli, il suo potere era terminato. "