Mancata raccolta

mancata raccolta
Un grafico che mostra i parigini affamati che impegnano i loro beni per comprare cibo

I cattivi raccolti, gli alti prezzi dei prodotti alimentari e la fame segnarono il corso della Rivoluzione francese, in particolare per le classi lavoratrici. Metodi agricoli inefficienti, eventi meteorologici avversi e una popolazione in aumento fecero sì che nel 1780 la Francia faticasse a produrre regolarmente cibo sufficiente per nutrirsi.

Un'economia agraria

L'agricoltura dominava l'economia interna francese, rappresentando circa il 75% di tutta la produzione e il 70% dell'uso del suolo. I contadini proprietari terrieri possedevano circa il 40% dei terreni agricoli. La parte restante era di proprietà della nobiltà (25 percento), borghesia (25%) e la chiesa (10%), che lo hanno distribuito come affitti.

La produzione agricola nella Francia del XVIII secolo era cambiata poco rispetto al Medioevo. L'agricoltura era ancora ad alta intensità di manodopera, svolta a mano o con bestie da soma. Si sapeva poco dell'agronomia o della fecondazione efficace. Il terreno veniva rifornito di letame e periodicamente riposato. Ciò significava che la produttività era scarsa e i raccolti erano bassi.

I raccolti alimentari erano anche suscettibili a fattori imprevedibili: eventi climatici come clima insolitamente freddo o secco, siccità o grandine, epidemie di malattie dei raccolti o piaghe di insetti.

Una popolazione in aumento

Questi cicli e metodi di coltivazione post-medievali modellarono la vita delle classi inferiori francesi. La dimensione del raccolto determinava il modo in cui i contadini avrebbero vissuto l’anno successivo. Quando veniva raccolto il grano, il mais o la segale della stagione, la maggior parte veniva trattenuta per la sussistenza, i tributi feudali, le sementi e le scorte invernali. Ciò che restava veniva venduto al mercato o ai grossisti.

L’economia di mercato era relativamente semplice: se i raccolti fallivano o i rendimenti erano inferiori al previsto, meno cibo raggiungeva i mercati delle città e dei paesi. Qualsiasi carenza di cibo farebbe aumentare la domanda e i prezzi.

Nel XVII e all’inizio del XVIII secolo, la scarsità e gli alti prezzi dei prodotti alimentari erano relativamente rari. I cambiamenti demografici avvenuti nel XVIII secolo esercitarono nuove pressioni sugli agricoltori. Nel 17 la Francia aveva una popolazione di poco meno di 18 milioni, ma nel 18 si avvicinava ai 1700 milioni. Anche la popolazione delle città e dei paesi era cresciuta, Parigi era passata da 20 a 1780 persone nello stesso periodo.

La crescita agricola, al contrario, era stata trascurabile. In alcune regioni la produzione è aumentata del 10-20%, in altre quasi nulla. In breve, la Francia aveva otto milioni di bocche in più da sfamare, ma la sua produttività agricola non aveva tenuto il passo con la crescita della popolazione.

“Il paese [francese] è un mucchio di cenere. L'erba è appena visibile e ogni sorta di grano è corto, sottile, pallido e debole, mentre il lino è completamente morto... Ho pietà di questa gente dal profondo del mio cuore... Niente piselli, niente insalata, niente verdure da trovare lungo la strada , e il cielo è ancora limpido, asciutto e freddo come sempre. I greggi di pecore e le mandrie di bovini vagano per i campi come branchi di scheletri ambulanti.
John Adams, diplomatico statunitense, 1775

I terribili anni ottanta del Settecento

Come accennato in precedenza, anche nella Francia prerivoluzionaria gli agricoltori erano in balia delle intemperie. Non era necessario che gli eventi meteorologici avversi fossero prolungati o si verificassero a livello nazionale per influenzare l'approvvigionamento alimentare dell'intera nazione. Siccità, piogge alluvionali o forti gelate potrebbero spazzare via un intero raccolto in una delle principali regioni produttrici di colture, facendo aumentare la domanda di raccolti da altre regioni.

Le scorte alimentari della Francia furono colpite da scarsi raccolti nel 1769, 1770, 1775 e 1776. L'ultimo di questi coincise con Anne-Robert TurgotLe riforme proposte per liberare il commercio del grano. Tra il 1777 e il 1781, la Francia ha goduto di una serie di estati calde e secche che hanno prodotto ottimi raccolti. I raccolti di cereali e uva sono stati particolarmente forti, consentendo ai prezzi del pane e del vino di mantenersi saldi o di diminuire leggermente.

Al contrario, gli anni ottanta del Settecento furono terribili per gli agricoltori francesi. Nel 1780, un inverno lungo e una primavera più piovosa della media rimandò la semina, determinando uno scarso raccolto. Nel giugno del 1782, il vulcano Laki in Islanda iniziò a eruttare espellendo cenere, polvere e zolfo nell'atmosfera. Questa eruzione durò mesi, intasando i cieli sopra l'Europa e provocando notevoli cali di temperatura. Di conseguenza, i raccolti francesi nel 1783 e 1783 furono scarsi, così come i raccolti in gran parte dell'Europa.

Le siccità del 1785 e del 1788

I problemi della Francia con il maltempo non sono finiti qui. Dal settembre 1784, i suoi agricoltori dovettero sopportare una siccità che ostacolò i raccolti di cereali, provocando uno scarso raccolto nel 1785 e una resa inferiore alla media l'anno successivo. Le condizioni normali ritornarono nel 1787 quando ci fu un raccolto eccezionale.

Tuttavia, la pioggia si interruppe di nuovo all'inizio del 1788 e a maggio circa tre quarti della nazione era in siccità. Le regioni del nord e del nord-ovest della Francia non hanno ricevuto quasi precipitazioni per mesi; il terreno difficilmente poteva essere solcato e tutto ciò che veniva piantato moriva rapidamente.

A peggiorare le cose, le colture e gli ortaggi nel nord-ovest e nei distretti intorno a Parigi sono stati decimati da gravi grandinate il luglio 13th 1788, un anno e un giorno prima della caduta della Bastiglia. Secondo cronisti come l'inglese Arthur Young, in questo giorno "la grandine è caduta grande quanto una bottiglia da un quarto", uccidendo diverse persone, macerando i raccolti e distruggendo gli alberi.

mancata raccolta
Una rappresentazione artistica di un tradizionale panettiere francese

Inverni gelidi

Il cattivo raccolto del 1788 fu aggravato dall'inverno che seguì, il più freddo degli ultimi decenni. Da fine novembre a marzo, gran parte del nord della Francia ha subito temperature gelide costanti, ghiaccio e neve. Secondo quanto riferito, Parigi ha subito 57 giorni consecutivi di gelo.

Il rigido inverno uccise gli alberi da frutto e rovinò il grano e le verdure immagazzinate. Trasformò le botti di vino e di sidro in poltiglia ghiacciata e congelò i fiumi, rendendo inutilizzabili mulini e macchinari.

Quando lo schiocco freddo si è rotto a fine gennaio e febbraio 1789, lo scongelamento di ghiaccio e neve ha provocato il rigonfiamento di fiumi, torrenti e canali e fatto esplodere le loro sponde. Dopo settimane di pigrizia congelata, migliaia di contadini francesi hanno dovuto fare i conti con campi e granai allagati, strade impraticabili e corsi d'acqua non attraversabili. Eppure, nonostante tutta la miseria nelle campagne, erano le città e le città a soffrire la peggiore carenza di cibo.

Carenze alimentari critiche

mancata raccolta
Una satira britannica che mostra aristocratici francesi rimpinzarsi mentre la folla muore di fame

All'inizio di 1789, la Francia era decisamente a corto di cibo. Jacques Necker, che era stato riconfermato direttore delle finanze nel 1777, fu attento al problema e prese misure per evitare una carestia. Nell'autunno del 1788, Necker introdusse diverse misure di emergenza, vietando tutte le esportazioni alimentari e imponendo che tutto il grano fosse venduto sui mercati ufficiali. Necker organizzò anche l'importazione di cereali e cereali stranieri, per un totale di circa 148,000 tonnellate.

Sebbene queste misure abbiano impedito una carestia di massa, non hanno alleviato le carenze. La disponibilità di pane a Parigi diminuì costantemente fino alla fine del 1788. Nel gennaio 1789 era diventata critica. Nel febbraio 1789, i funzionari della città aumentarono il prezzo del pane da nove sous a 14.5 sous per una pagnotta di quattro sterline.

Questo aumento dei prezzi spinse i lavoratori parigini sull’orlo della disperazione. Nel 1788, un operaio non specializzato a Parigi spendeva circa la metà del suo salario giornaliero in pane. Ora, nella primavera del 1789, spendeva tra il 70 e il 90%. Alcuni salari sono aumentati leggermente, ma non abbastanza da far fronte ai rapidi aumenti del prezzo del cibo.

rivoluzione francese fallimenti del raccolto

1. I fallimenti dei raccolti hanno contribuito al sentimento rivoluzionario lasciando la nazione a corto di colture alimentari, il che ha creato carenza di pane e fatto aumentare i prezzi, in particolare nelle città e nei paesi francesi.

2. Gli agricoltori francesi del XVIII secolo utilizzavano metodi antiquati ad alta intensità di manodopera che non producevano grandi rendimenti, inoltre erano sensibili alle condizioni meteorologiche avverse.

3. Gli 1780 furono un decennio particolarmente povero per i raccolti, causati da forti piogge, forti siccità, un'eruzione vulcanica in 1783 e una grandinata 1788 di luglio che decimò un grande volume di raccolti.

4. Nel 1788-89 il governo nazionale intervenne per prevenire una carestia, tuttavia all'inizio del 1789 le città della nazione si trovarono a corto di cibo.

5. Queste carenze sono state particolarmente acute a Parigi, dove i prezzi del pane sono aumentati da otto sous a 14.5 sous, ovvero tra il 70 e il 90 per cento della retribuzione giornaliera di un lavoratore non qualificato.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Raccolto fallito"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/harvest-failures/
Data di pubblicazione: 21 settembre 2019
Data di aggiornamento: 8 Novembre 2023
Data di accesso: 21 Giugno 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.