I massacri di settembre

massacri di settembre
Una rappresentazione della folla parigina che trascina i detenuti dalle carceri per essere massacrati

I massacri di settembre furono rivolte omicide scoppiate a Parigi nella prima settimana di settembre 1792. Ispirati dai timori di un'imminente invasione militare e dai discorsi incendiari dei membri della Comune di Parigi, folle di comuni parigini attaccarono e uccisero individui percepiti come appartenenti al vecchio ordine, la maggior parte di loro prelevati dalle prigioni della città. I massacri di settembre segnarono la peggiore violenza della rivoluzione fino a quel momento, allarmando i moderati in Francia e inorridindo il resto d'Europa.

Sommario

Grazie alla  Guerra rivoluzionaria procedendo male e le truppe prussiane avanzavano ulteriormente nel territorio francese, Parigi fu presa dal timore di una possibile invasione militare. Incitato dai nuovi radicalizzati Città, oratori potenti e giornalisti provocatori, le classi inferiori della città presero in mano la situazione.

Il 2 settembre bande di armati sanculotti prese d'assalto la maggior parte delle carceri della città e uccise tra 1,100 e 1,400 prigionieri. Tra le vittime di questa carneficina vi furono centinaia di guardie svizzere e soldati reali, arrestati dopo il 10 agosto attacco alle Tuileries, così come ecclesiastici, nobili e presunti controrivoluzionari. La maggior parte delle vittime, tuttavia, erano criminali comuni senza affiliazione politica.

I massacri di settembre furono ampiamente riportati in tutta Europa e la notizia di questa barbarie provocò disgusto e indignazione. Per i critici della rivoluzione, era la prova che Parigi era in uno stato di anarchia assetata di sangue. All'interno del governo, i massacri di settembre hanno ampliato il divario tra i girondini moderati e i giacobini radicali.

Contesto e cause

Guerra, insurrezione e paranoia fornirono il contesto alla violenza del settembre 1792. Il 1° agosto, il comandante militare prussiano Carlo Ferdinando, duca di Brunswick, pubblicò un famigerato manifesto che minacciava di vendicarsi di Parigi se la famiglia reale francese fosse stata danneggiata.

Il Manifesto di Brunswick, come si è saputo, aveva lo scopo di intimidire il popolo di Parigi. Invece, ebbe l'effetto opposto: le minacce di Brunswick ispirarono i parigini a difendere la patria e a mobilitarsi per combattere gli imperialisti stranieri.

Ci sono stati due sviluppi significativi il 19 agosto: il Marchese de Lafayette fuggì dalla rivoluzione e fu fatto prigioniero dagli austriaci, mentre le forze prussiane varcavano il confine e penetravano in territorio francese.

Il giorno successivo, queste truppe prussiane ingaggiarono l'esercito rivoluzionario francese a Verdun. Il militarismo e il professionismo prussiano prevalsero e i francesi furono sconfitti dopo 10 giorni. Questa sconfitta aprì la strada ai prussiani per marciare su Parigi.

Il Comune agisce

massacri di settembre
Il dipinto di Detaille di volontari francesi in partenza per combattere i prussiani nel 1792

La notizia della vittoria prussiana a Verdun è arrivata a Parigi domenica mattina, settembre 2 e 1792. A questo punto, il Assemblea legislativa si stava preparando al proprio scioglimento e organizzando le elezioni per la Convenzione Nazionale. A causa di questa transizione, la Francia era di fatto priva di un governo nazionale.

Questo vuoto di potere fu sfruttato dalla Comune di Parigi, ora sotto il controllo di radicali come lui Georges Danton, Jean-Paul Marat, Jacques Hébert e Fabre d'Églantine. La Comune dichiarò lo stato di emergenza, mentre le assemblee sezionali di Parigi andarono oltre, chiedendo un'insurrezione popolare e un'azione immediata contro i presunti controrivoluzionari.

I radicali avevano in mente obiettivi facili: guardie svizzere, soldati realisti, spie, stranieri, sacerdoti e aristocratici che languivano nelle carceri della città. Questi prigionieri non erano solo nemici dello Stato: rappresentavano una minaccia se i prussiani avessero raggiunto Parigi e fossero riusciti a liberarli.

Prigionieri massacrati

La prima ondata di violenza è iniziata nel tardo pomeriggio del 2 settembre, quando una folla ha intercettato un gruppo di detenuti mentre venivano ricoverati nel carcere di Abbeye. Tutti furono sequestrati e giustiziati.

Con il passare della notte furono fatte irruzioni in altre prigioni, i loro detenuti furono trascinati fuori dalle celle e uccisi a sangue freddo. La maggior parte fu giustiziata immediatamente; alcuni subirono un finto processo e furono sottoposti ad accuse e interrogatori (anche se questo non fece altro che prolungare la loro umiliazione e ritardare la loro esecuzione). In alcuni casi, le uccisioni sfociarono in una carneficina abietta, con cadaveri smembrati, eviscerati e messi in mostra o esposti al pubblico.

Gli attacchi alle carceri continuarono fino alla sera del 6 settembre. In quattro giorni, i massacri di settembre causarono tra le 1,100 e le 1,400 vittime. Dei morti, circa un terzo erano legittimi sospetti controrivoluzionari. La stragrande maggioranza erano criminali comuni – ladri, truffatori, prostitute, ubriachi e debitori – la cui unica sfortuna era finire dietro le sbarre nel momento sbagliato.

Vittime di spicco

Massacri di settembre di Lambelle
Una rappresentazione della cattura e dell'omicidio della principessa de Lambelle

I massacri di settembre hanno tuttavia avuto alcune vittime di spicco. Circa 200 dei morti erano sacerdoti e tre erano vescovi. Anche le rivolte copiatrici di Orléans e Versailles del 9 settembre hanno mietuto alcune cifre degne di nota.

A Versailles, una folla inferocita ha fatto irruzione nella prigione e ha massacrato circa 30 detenuti. Uno era Charles d'Abancour, ex ministro di Luigi XVI. Un altro era Luigi, duca di Brissac, ex governatore di Parigi e comandante della guardia del corpo del re.

Forse la vittima di più alto profilo fu Marie Thérèse, principessa de Lamballe, un tempo un'importante dama di compagnia Marie Antoinette. La principessa non era una figura politica ma la sua vicinanza alla regina l'aveva resa un bersaglio per i pornografi politici; loro libelles l'aveva dipinta come l'amante lesbica di Antonietta.

Il 3 settembre, Marie Thérèse fu rapita da una prigione nella parte orientale di Parigi, sottoposta a un breve ma umiliante processo farsa, quindi consegnata a una folla in attesa. Secondo diversi resoconti, alcuni dei quali contrastanti, è stata violentata pubblicamente, uccisa e smembrata, le è stata tagliata la testa e il seno e i genitali sono stati tagliati via. La testa mozzata fu fatta sfilare fuori dalla finestra di Antonietta su una picca, anche se la regina non la vide.

Reazione in Europa

settembre
La satira macabra ed esagerata di James Gillray, che mostra i sanculotti parigini

I resoconti dei massacri di settembre suscitarono indignazione e orrore quando raggiunsero Londra. La stampa londinese ha pubblicato resoconti cruenti delle violenze e alcune false notizie di cannibalismo e adorazione del diavolo. La famosa caricatura delle cans culottes di Parigi del fumettista James Gillray, Un petit souper (sopra) apparve poco dopo i massacri.

Le uccisioni di settembre 1792 hanno innescato un ulteriore esodo di nobili e ricchi borghesia dalla Francia, molti dei quali hanno cercato di trasferirsi in Inghilterra. Ciò portò il parlamento inglese a approvare una legge che regolava e limitava i rifugiati, per paura che i rivoluzionari radicali potessero nascondersi tra loro.

In un discorso tenuto poche settimane dopo i massacri, Edmund Burke si espresse a favore di questo disegno di legge, descrivendo così i rivoluzionari:

“Quando sorridono, vedo il sangue colare sui loro volti. Vedo i loro scopi insidiosi. Vedo che l'oggetto di tutte le loro lusinghe è il sangue! Ora avverto i miei connazionali di guardarsi da questi filosofi esecrabili, il cui unico scopo è distruggere tutto ciò che qui c’è di buono e stabilire l’immoralità e l’omicidio con il precetto e l’esempio.

Effetti politici

Politicamente, i massacri di settembre furono un sinistro precursore della peggiore violenza del periodo Il regno del terrore.

Mentre gli stranieri e i moderati erano sbalorditi dalla ferocia della violenza popolare, ai giacobini radicali piace Maximilien Robespierre e Georges Danton lo difese. Robespierre si è dichiarato sconvolto dal peggiore degli omicidi, ma ha mostrato poca simpatia per le sue vittime. "Risparmia qualche lacrima per altre calamità maggiori", avrebbe detto, "in particolare gli innumerevoli milioni che nel corso dei secoli hanno sofferto i tormenti dell'oppressione politica e sociale ... Vuoi una rivoluzione senza rivoluzione?"

L'ombra dei massacri di settembre incombeva sulle elezioni per la nuova Convenzione nazionale, così come sulle prime sessioni della Convenzione. I deputati della Convenzione si sono incontrati in una città presa dall'insurrezione rivoluzionaria. Conoscevano le capacità del popolo e il destino di coloro che si opponevano alla rivoluzione.

Per quanto riguarda le folle di Parigi, il loro umore fu placato dalle prime risoluzioni della Convenzione nazionale e dalla vittoria francese nella battaglia di Valmy (20 settembre), che spinse austriaci e prussiani fuori dalla Francia e pose fine alla minaccia militare straniera su Parigi. .

“Dopo i massacri di settembre, la visione della rivoluzione avanzata dai giacobini implicava che una rivoluzione fosse spesso incontrollabile e intrinsecamente violenta, ma allo stesso tempo intenzionale e costruttiva. Come Robespierre ha chiesto in modo memorabile sulla scia dei massacri, "Vuoi una rivoluzione senza rivoluzione?", Il che implica che una rivoluzione ha necessariamente comportato una certa quantità di sconvolgimento e violenza ".
Mary Ashburn Miller, storica

Rivoluzione francese settembre massacri

1. I massacri di settembre furono una serie di sommosse e furiose omicidi scoppiate a Parigi il 2 e il 1792 di settembre e continuarono per diversi giorni.

2. Gli obiettivi di queste rivolte erano le prigioni della città. Queste prigioni ospitavano, tra gli altri, sospetti controrivoluzionari, soldati realisti, membri della Guardia Svizzera, ecclesiastici ed ex nobili.

3. Le rivolte furono scatenate dall'invasione austro-prussiana della Francia e dalla loro vittoria a Verdun. Questo sembrava aprire un percorso per le forze della coalizione a marciare su Parigi.

4. La violenza dei primi di settembre ha visto assassinare persone tra 1,100 e 1,400. Ciò ha suscitato indignazione in Gran Bretagna e tra i rivoluzionari moderati. Ha anche alimentato una nuova ondata di emigrati.

5. Politicamente, i massacri di settembre furono appoggiati da giacobini radicali come Robespierre, che li giustificarono come un atto legittimo rivoluzionario, espressione della volontà del popolo.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "I massacri di settembre"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/september-massacres/
Data di pubblicazione: 13 settembre 2019
Data di aggiornamento: 10 Novembre 2023
Data di accesso: 21 Maggio 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.