Il massacro di Champ de Mars

massacro di Champ de Mars
Un'incisione raffigurante il massacro di Champ de Mars del luglio 1791

Il massacro di Champ de Mars fu uno scontro tra civili a Parigi e soldati della Guardia Nazionale nel luglio 1791. Indignato da Luigi XVI'S tentativo fallito di fuggire da Parigi e radicali in club politici, i civili chiedevano l'abolizione della monarchia. Nei disordini che seguirono, ben 50 persone furono uccise e altre decine ferite. Il massacro di Champ de Mars avrebbe importanti ramificazioni politiche.

Contesto e contesto

Il catalizzatore dell'incidente di Champ de Mars fu il tentativo della famiglia reale di fuggire da Parigi nel giugno 1791 e il loro successivo arresto a Varennes. Per molti parigini, la fuga a Varennes rivelò il re come inaffidabile e rese impraticabile la monarchia costituzionale.

La gente di Parigi era anche preoccupata per le azioni dell'Assemblea nazionale costituente, che aveva tentato di dipingere la fuga del re come un rapimento (la dichiarazione ufficiale dell'Assemblea era che Antoine BarnaveJérôme Petion era stato inviato per "salvare" il re, non per arrestarlo). Questa svolta politica ingannò pochi, in particolare dopo che il contenuto della nota di addio del re all'Assemblea fu reso pubblico.

Per i tre giorni successivi, Parigi brulicava di richieste che il re fosse processato e che la Francia diventasse una repubblica o, per lo meno, fosse programmato un referendum nazionale. Il 24 giugno, circa 30,000 parigini hanno marciato nelle stanze dell'Assemblea alle Tuileries, portando una petizione per chiedere una repubblica. Quando la famiglia reale tornò da Varennes il giorno seguente, le folle si affollavano per le strade in modo minaccioso.

L'enigma reale

Champ de Mars
Il Champ de Mars oggi, fotografato dalla cima della Torre Eiffel

Il governo ora si trovava di fronte a un dilemma. L'Assemblea stava per firmare il Costituzione di 1791, formalizzando la transizione della Francia in una monarchia costituzionale - ma il monarca regnante, attraverso il suo tentativo di fuggire, aveva rinnegato la rivoluzione e la costituzione. 

L'Assemblea, che aveva pochi repubblicani sulle sue panchine, scelse di continuare come se nulla fosse accaduto. Muoversi per punire o deporre il re avrebbe provocato l'Austria e la Prussia, che stavano già minacciando la guerra contro la Francia rivoluzionaria.

Con l'aumento degli scioperi e dei disordini, l'Assemblea temeva anche che la rimozione del re e della monarchia, due simboli di continuità e stabilità nazionale, avrebbe provocato un'ulteriore destabilizzazione. Volevano approvare la nuova costituzione e finire la rivoluzione, non ricominciarla. Riscattare il re e ricollocarlo con un potere politico limitato sembrava l'opzione più sicura.

A questi sentimenti ha fatto eco Barnave, che il 15 luglio ha detto all'Assemblea che "qualsiasi cambiamento oggi sarebbe fatale, qualsiasi prolungamento della rivoluzione oggi sarebbe disastroso ... È tempo di porre fine alla rivoluzione".

Il re ha redento

Lo stesso giorno, il 15 luglio, l'Assemblea decretò che il re fosse stato rapito, che la sua monarchia fosse inviolabile e che fosse riportato al trono. Un decreto supplementare sospese Luigi dai doveri politici fino a quando la costituzione non fu adottata e il re aveva giurato personalmente di onorarla e mantenerla.

Questi decreti hanno suscitato indignazione nelle strade di Parigi. I repubblicani hanno soprannominato la risoluzione dell'Assemblea del 15 luglio "la grande menzogna". Ha guidato un cuneo attraverso il centro del club giacobino, che per settimane aveva ceduto a battibecchi tra fazioni tra i suoi Monarchien leadership e un numero crescente di membri repubblicani. 

Secondo Furet, "tra il voto del 15 luglio e la raffica sul Champ de Mars il 17 luglio, è nato un nuovo giacobinismo". I Cordeliers, un club politico più radicale con una politica di affiliazione a porte aperte, hanno redatto una petizione che sfidava l'autorità dell'Assemblea nazionale costituente:

“Legislatori! Hai assegnato i poteri della nazione che rappresenti. Hai investito Luigi XVI di un'autorità eccessiva. Hai consacrato la tirannia stabilendolo come un re inamovibile, inviolabile ed ereditario. Avevi sancito la schiavitù dei francesi dichiarando che la Francia era una monarchia ... Ma ora i tempi sono cambiati. La cosiddetta convenzione tra il popolo e il loro re non esiste più. Louis ha abdicato al trono. D'ora in poi, Louis non è niente per noi. "

La petizione giacobina

massacro di Champ de Mars
Lafayette prestando giuramento alla Fête de la Fédération, nel luogo del massacro

La fazione repubblicana del club giacobino, che era cresciuta in dimensioni e schiettezza dopo il volo a Varennes, ha emesso una petizione simile. La “nazione oltraggiata”, ammonisce questa petizione, “non può affidare i suoi interessi e le redini del suo impero a un perfido fuggitivo traditore”.

La mattina di domenica 17 luglio, una folla ha iniziato a radunarsi sul Champ de Mars ("Campo di Marte"), un'enorme piazza d'armi ai margini occidentali di Parigi, dove ora si trova la Torre Eiffel. Il secondo Festa della Federazione, una celebrazione annuale del presa d'assalto della Bastiglia e le conquiste della rivoluzione vi si erano tenute tre giorni prima.

Ora, diverse migliaia di persone si stavano radunando sul Champ de Mars in barba all'Assemblea Nazionale Costituente, che aveva decretato che "nessun club o società potrebbe incontrarsi senza un certificato". Quelli riuniti hanno ascoltato discorsi di oratori radicali mentre circa 6,000 persone hanno firmato o lasciato il segno alle petizioni repubblicane.

Arriva la Guardia Nazionale

massacro di Champ de Mars
Un disegno che mostra Lafayette che ordina alle truppe di sparare contro i civili

La mattinata è stata punteggiata da insulti e scarabocchi tra manifestanti repubblicani, gendarmeria e membri della Guardia Nazionale, ma senza violenza significativa. 

Nel pomeriggio, la folla sul Champ de Mars si era notevolmente ingrandita (i rapporti conservatori suggeriscono che abbia raggiunto 25,000, alcuni hanno affermato fino a 50,000). Il sindaco di Parigi, Jean-Sylvain Bailly, ha ricevuto rapporti di polizia che suggerivano che l'assemblea al Champ de Mars fosse relativamente pacifica, tuttavia, un incidente apparentemente non correlato - il linciaggio di alcuni itineranti da parte di una banda locale - convinse Bailly a chiamare un battaglione di la Guardia Nazionale e dichiarare la legge marziale.

Bailly e Lafayette condussero la Guardia Nazionale al Champ de Mars nel tardo pomeriggio. All'arrivo, furono assaliti, insultati e, secondo alcuni rapporti, pieni di pietre. Questa frenesia divenne mortale quando diversi soldati della Guardia Nazionale aprirono il fuoco. Non è chiaro se ai soldati fu ordinato di sparare e, se lo fossero, chi li diede. Nel giro di un'ora tra 30 e 50 le persone rimasero morte, mentre dozzine di altre ferite da arma da fuoco e ferite in polvere.

Conseguenze e ramificazioni

Le morti sul Champ de Mars hanno causato un cambiamento fondamentale nella Rivoluzione francese. La risposta dell'Assemblea Nazionale Costituente all'incidente di Champ de Mars è stata di attribuirne la colpa ai radicali politici e alla stampa grossolana. Diversi giornali sono stati chiusi con la forza, alcuni leader radicali sono stati arrestati e provocatori piace Jean-Paul Marat, Georges Danton e Camille Desmoulins furono costretti a nascondersi.

La violenza ha causato una divisione duratura nel club giacobino. I suoi monarchici costituzionali abbandonarono il club per formare i Feuillant, mentre quelli che rimasero furono ulteriormente radicalizzati. 

L'incidente del Campo di Marte pose fine anche al tacito tra i parigini, la Comune e la Guardia Nazionale. Qualunque sia il rispetto e l'affetto che i parigini nutrivano ancora per Bailly e Lafayette era andato in frantumi. Bailly, in particolare, è stato condannato per il suo tradimento nei confronti del popolo, per aver chiamato truppe armate contro i civili che esercitavano la loro libertà di riunione. In seguito è fuggito da Parigi.

Più tardi, Bailly fu avvistato e arrestato come Il regno del terrore si stava svolgendo. Al suo processo, è stato accusato di aver diretto gli omicidi Champ de Mars a causa della sua "sete di sangue". Riconosciuto colpevole nel novembre 1793, il primo sindaco di Parigi fu ghigliottinato sul Campo di Marte, un atto di punizione simbolica.

Il punto di vista di uno storico:
“Anche se l'incidente al Champ de Mars può aver unito i deputati patrioti, la violenza ha indiscutibilmente offuscato coloro che hanno favorito la costituzione. Le uccisioni e l'ondata di arresti che seguirono fecero beffe dell'esortazione di Barnave: fare della Francia una nazione in cui tutti i cittadini patriottici potessero vivere in pace, indipendentemente dalle loro opinioni ... Il massacro al Champ de Mars ha sottolineato la necessità di completare la costituzione , perché la vita politica era congelata e, per la prima volta, un corso alternativo era nato dall'esterno dell'Assemblea ".
Michael P. Fitzsimmons

rivoluzione francese

1. Il massacro di Champ de Mars si riferisce all'uccisione di civili parigini 30-50 da parte di soldati della Guardia Nazionale durante una protesta politica del luglio 17 1791.

2. Questo incidente è stato accelerato dalla fuga del re a Varennes e dalla risposta dell'Assemblea nazionale costituente, che ha alimentato il sentimento repubblicano, le proteste e le petizioni a Parigi.

3. Ciò è stato particolarmente evidente nei club Cordeliers e Jacobin, i cui membri hanno redatto petizioni chiedendo la deposizione del re e hanno invitato i parigini a firmare queste petizioni il luglio 17th.

4. Temendo che questo incontro possa diventare insurrezionale, il sindaco di Parigi Jean-Sylvain Bailly ha chiamato la Guardia Nazionale. Il loro arrivo al Champ de Mars ha provocato scontri, spari, morti e feriti.

5. Il massacro di Champ de Mars aumentò il radicalismo a Parigi, causò una divisione nel club giacobino e fece perdere fiducia a molti parigini nell'Assemblea e nella Comune. Ha anche distrutto la reputazione di Bailly e Lafayette.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il massacro di Champ de Mars"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/champ-de-mars-massacre/
Data di pubblicazione: 31 Agosto 2020
Data di accesso: October 20, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.