Maximilien Robespierre

Robespierre
Un ritratto del giovane Robespierre sull'entrata in pratica come avvocato

Maximilien François de Robespierre (1758-1794) è stato il leader più significativo del periodo radicale della Rivoluzione francese. Ha diviso storici e pensatori moderni, proprio come ha diviso le opinioni ai suoi tempi. 

Alcuni considerano Robespierre il più grande dittatore della rivoluzione, l'arco 'sanguinocrat', la forza trainante del Comitato di pubblica sicurezza (CPS) e il Il regno del terrore. Altri hanno preso una visione più sfumata e misurata, credendo che il suo potere e la sua influenza siano stati esagerati e travisati. Qualunque sia la portata del suo potere, Robespierre è una figura affascinante. Ossessionato dalla virtù e dall'incorruttibilità, disinteressato al guadagno materiale e alle distrazioni, Robespierre era un uomo interamente dedicato alla rivoluzione.

sfondo

Robespierre nacque ad Arras, a circa 115 miglia (180 chilometri) a nord di Parigi, nel 1758. Sua madre morì quando Robespierre era un neonato e suo padre abbandonò la famiglia poco dopo, lasciando Robespierre ei suoi fratelli ad essere allevati dai nonni. Ha frequentato una scuola locale e si è dimostrato uno studente eccezionale, vincendo una borsa di studio a Parigi. Lì ha condiviso le lezioni con Camille Desmoulins, che per gran parte della rivoluzione è stata un alleato politico.

Da 16, Robespierre è stato scelto per consegnare un elogio latino ai neo-incoronati Luigi XVI - ma il re notoriamente snobbò il giovane studente, rimanendo nella sua carrozza al riparo dalla pioggia e poi partendo presto. 

All'inizio del 1780, Robespierre si era laureato in legge ed era tornato ad Arras dove lavorava come avvocato difensore. È diventato uno dei migliori sostenitori della regione, assumendo e vincendo alcuni casi di alto profilo e lavorando spesso Pro bono ("per il bene pubblico") a nome di coloro che non potevano pagare.

Alle tenute generali

Robespierre
Un ritratto del giovane Robespierre sull'entrata in pratica come avvocato

La vita politica di Robespierre iniziò nel 1789 quando fu eletto per rappresentare il Terza proprietà di Artois presso il Stati Generali. Radicale secondo lui, fu uno dei primi a unirsi al Breton Club (un precursore del Jacobin club) e, più tardi, all'Assemblea Nazionale.

L'influenza di Robespierre nell'Assemblea nazionale costituente è stata offuscata dal potere oratorio di uomini come Honore Mirabeau e Jean-Sylvain Bailly. Era più efficace dietro le quinte, tuttavia, e arrivò ad esercitare una notevole influenza nel club giacobino.

Robespierre non si è seduto in Assemblea legislativa (ha sollevato notoriamente l'ordinanza di rinnegamento che lo ha impedito) ma è stato eletto alla Convenzione nazionale nel mese di settembre 1792. 

Viste radicali e popolarità

Robespierre era un convinto sostenitore del repubblicanesimo, della democrazia, dell'uguaglianza e delle idee di Jean-Jacques Rousseau. Nei suoi primi mesi nella Convenzione, Robespierre ha espresso la sua opposizione alla schiavitù nelle colonie francesi, a una dichiarazione di guerra rivoluzionaria in Europa, all'uso della pena capitale e all'uso eccessivo della violenza. Ma come la rivoluzione stessa, le sue opinioni cambierebbero e si radicalizzeranno con il tempo.

Robespierre
Forse il ritratto più famoso di Robespierre

Il profilo e l'influenza di Robespierre aumentarono durante l'autunno del 1792. Le sue politiche e i suoi discorsi divennero popolari con il senza culottes di Parigi, che ammirava i valori democratici di Robespierre e le sue regolari affermazioni che la rivoluzione apparteneva al popolo, non ai politici.

Gli avversari di Robespierre lo hanno incolpato per aver acceso il Massacri di settembre. L'accusa era priva di fondamento, anche se in seguito avrebbe giustificato i massacri come un'azione rivoluzionaria legittima. 

All'interno della Convenzione, Robespierre divenne un leader prolifico del Montagnard fazione. I suoi discorsi, come gran parte della sua carriera politica, hanno diviso le opinioni. Robespierre è stato indubbiamente eloquente ei suoi discorsi erano rigorosamente preparati, ma non sono piaciuti a tutti. "È troppo prolisso e non sa quando fermarsi", ha osservato un osservatore. 

Lo stesso Robespierre era freddo, privo di umorismo, risoluto e difficile da apprezzare. Aveva pochi amici e non si sposò mai, nonostante le continue offerte delle donne che non conosceva. Lo storico Thomas Carlyle lo chiamava "l'incorruttibile verde mare". Georges DantonLa visione grossolana di Robespierre era che "non sa scopare e il denaro lo spaventa a nascondersi".

Smaltimento dei Girondon

Robespierre trascorse la prima metà del 1793 a complottare contro i Girondini, i cui oratori dominavano ancora la Convenzione nazionale. Nella primavera del 1793, Robespierre portò questa battaglia al club giacobino dove esortò la gente ad agire contro Jacques Brissot e i suoi seguaci.

Questo incitamento ha dato i suoi frutti il ​​giugno 2 e quando una rivolta del Guardia Nazionale della scuola e il senza culottes ha costretto l'espulsione di 29 deputati girondini dalla Convenzione. Sebbene Robespierre avesse svolto un ruolo importante nell'orchestrare questo, in seguito lo dichiarò come espressione della volontà popolare.

Con la sua opposizione girondinista scomparsa, l'influenza di Robespierre iniziò ad aumentare. Alla fine di luglio 1793, ottenne l'elezione al Comitato di Pubblica Sicurezza (CPS) e divenne il portavoce del comitato sul pavimento della Convenzione.

È qui che inizia l'incertezza sul potere di Robespierre. Sebbene indubbiamente una figura influente nel CPS, è improbabile che abbia dominato il Comitato come spesso si presume. 

Le idee, le azioni e la leadership di Robespierre hanno svolto un ruolo fondamentale nell'avvio del Regno del Terrore. Cercando di estendere il loro controllo sulla rivoluzione, e sotto la pressione del parigino senza culottes, Robespierre e i suoi colleghi del CPS hanno reso "il terrore all'ordine del giorno". Insieme hanno progettato il Legge dei sospetti (Settembre 1793), che ha fornito una base giuridica per il Terrore; il Decreto sul governo di emergenza (Ottobre 1793), che ha sospeso la costituzione ei diritti individuali; e la Legge di Frimaire (dicembre 1793), che accentrò ulteriormente il potere del governo nelle mani del CPS.

Robespierre ha giustificato queste misure con una serie di discorsi tra la fine del 1793 e l'inizio del 1794. Ha equiparato il terrore rivoluzionario alla virtù perché ha purificato e protetto la nazione.

Caduta rapida

maschera di morte
Una ricostruzione del volto di Robespierre, basata sulla sua maschera mortuaria

Robespierre poteva essere tanto spietato quanto risoluto. Ha usato il CPS e gli organi del Terrore per sradicare molti dei suoi rivali, in particolare Georges Danton (aprile 1794). Sulla strada per la ghigliottina, Danton aveva predetto che Robespierre lo avrebbe presto seguito, e così è stato.

La caduta in disgrazia di Robespierre è stata il prodotto di diversi errori di calcolo. Verso la metà del 1794, Robespierre era impopolare sia con i suoi colleghi deputati che con molti parigini, un fatto che suggeriva diversi complotti di assassinio contro di lui. Il tentativo di Robespierre di creare una religione artificiale, il Culto dell'Essere Supremo, con se stesso al timone, ha invitato le accuse di megalomania.

Infine, il passaggio del Legge di 22 Prairial, che ha ampliato e intensificato il Terrore, ha portato molti dei politici di Robespierre nel panico. Una allentata coalizione iniziò a complottare per eliminare Robespierre prima che potesse eliminarli.

La fine arrivò il 27 luglio 1794 quando Robespierre ei suoi seguaci furono messi all'angolo all'Hôtel de Ville. Colpito alla mascella, Robespierre è stato portato via e ghigliottinato il giorno successivo. La sua morte segnò una rapida e profonda trasformazione nella rivoluzione, la fine del regno del terrore e l'inizio del Reazione termidoriana.

Il punto di vista di uno storico:
“La politica di Robespierre è stata spesso vista come sinonimo della rivoluzione stessa. Ha incapsulato ciò che era meglio - e peggio - della rivoluzione. Era un instancabile difensore della libertà e dell'uguaglianza, eppure, per difendere questi principi, era pronto ad adottare il Terrore. Tuttavia, era solo un uomo tra i tanti, e potremmo chiederci perché l'ideologia rivoluzionaria nel suo insieme è stata così spesso identificata con questo individuo ".
Marisa Linton

rivoluzione francese

1. Maximilien Robespierre era il leader rivoluzionario più significativo del periodo radicale (1792-94), una figura critica nel Comitato di Pubblica Sicurezza (CPS) e un architetto del Regno del Terrore.

2. Cresciuto dai nonni, Robespierre era uno studente eccezionale, una volta notoriamente snobbato dal re Luigi XVI. Ha conseguito la laurea in giurisprudenza ed è tornato nel suo nativo Arras, dove eccelleva come avvocato.

3. Robespierre rappresentava la Terza Tenuta nelle Tenute Generali, dove si rivelò una figura importante ma non di rilievo. Era anche attivo nei club bretone e giacobino.

4. L'ascesa di Robespierre alla fama nazionale iniziò durante la sua permanenza alla Convention Nazionale. Divenne un importante leader Montagnard e fu ammirato dal sanculotti per i suoi valori democratici.

5. Robespierre era una figura chiave nel CPS. Il suo potere è aumentato con l'approvazione di leggi che centralizzano il potere e dispiegano il Regno del Terrore. La difesa di Robespierre del Culto dell'Essere Supremo, così come il suo comportamento personale e la sua arroganza, hanno portato alla sua crescente impopolarità. Alla fine fu rovesciato e ghigliottinato nel luglio 1794.

Robespierre fonti della rivoluzione francese

Robespierre su cosa si dovrebbe fare con il re deposto (1792)
Robespierre esorta il governo a sostenere l'insurrezione continua (1793)
Robespierre giustifica l'uso del terrore rivoluzionario (1794)
Robespierre sul rapporto tra virtù e terrore (1794)
Robespierre rende omaggio al "nuovo dio" francese: l'Essere Supremo (1794)
Un resoconto dell'arresto di Robespierre (1794)
Madame de Staël sulla potenza di Robespierre e CPS (1798)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Maximilien Robespierre"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/maximilien-robespierre/
Data di pubblicazione: 23 Maggio 2017
Data di accesso: 16 settembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.