Pierre-Joseph Cambon

Joseph Cambon

Pierre-Joseph Cambon (1756-1820) era un commerciante francese diventato politico e finanziere rivoluzionario.

Nato a Montpellier, nel sud della Francia, Joseph Cambon era figlio di un ricco produttore di cotone e stoffa. Ha ricevuto una buona istruzione e in seguito ha ereditato l'azienda di suo padre, dove ha mostrato un notevole senso degli affari.

In 1789, Cambon ha viaggiato fino al Stati Generali come deputato di riserva per la sua città; non ha votato né partecipato ai procedimenti, ma è rimasto come osservatore. Al suo ritorno a Montpellier, Cambon divenne consigliere comunale e stabilì una filiale locale della Club giacobino.

Inizialmente monarchico costituzionale, il Cambon fu oltraggiato dal volo per Varennes e alla fine dell'estate 1791 stava sollevando petizioni per la formazione di una repubblica.

Cambon è stato eletto al Assemblea legislativa, dove la sua esperienza nel mondo degli affari lo ha visto elevato alla commissione delle finanze dell'Assemblea. Nell'aprile e nel maggio 1792 pubblicò tre rapporti dettagliati sullo stato dell'economia francese, trovandolo particolarmente disastroso.

La dichiarazione di guerra rivoluzionaria dell'aprile 1792 ha esercitato maggiori pressioni su Cambon, ormai l'uomo più responsabile del suo finanziamento. Lo ha fatto emettendo più round di assignats mentre si affretta attraverso la legislazione per sequestrare la proprietà emigrati, la nobiltà e la chiesa cattolica.

A settembre 1792, Cambon è stato per un breve periodo l'ultimo presidente dell'Assemblea legislativa prima di passare al Convenzione nazionale, dove si è allineato con i Girondini. Per i successivi due anni e mezzo Cambon è stato il tesoriere virtuale della Francia, redigendo o approvando quasi ogni misura di stanziamento o misura finanziaria.

Attraverso 1793, Cambon ha lavorato per ridurre il numero di assignats in circolazione, aumentando così il loro valore reale. Cambon ha consolidato tutti i debiti nazionali in a Gran Libro della Dette Publique ("Grande libro del debito pubblico"). Nel settembre 1793 costrinse i ricchi cittadini francesi a sottoscrivere un "prestito forzato", una politica che alleviava il debito nazionale mentre compiaceva i giacobini.

Politicamente, il Cambon rimase un repubblicano moderato. Ha votato per l'esecuzione di Luigi XVI a gennaio 1793 e ha servito brevemente il primo Comitato di pubblica sicurezza.

Il Cambon disprezzava Robespierre, le Tribunali rivoluzionari e gli eccessi del Terrore, tuttavia, ma sopravvisse concentrandosi solo su questioni fiscali. Nel luglio 1794 votò per il rovesciamento e l'arresto di Robespierre, rimanendo nella Convenzione brevemente prima del termidoriani costretto a nascondersi.

Cambon è tornato per servire brevemente in NapoleoneLa camera bassa ma non ha ricoperto alcun ruolo significativo nel governo. Fu costretto all'esilio e trascorse gli ultimi anni della sua vita vivendo nell'attuale Belgio.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Pierre-Joseph Cambon"
Autori: John Rae, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/pierre-joseph-cambon/
Data di pubblicazione: 17 Maggio 2017
Data di accesso: 17 Agosto 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.