Madame de Stael ricorda il licenziamento di Necker (1789)

Il licenziamento di Necker su July 11th 1789 è ricordato da sua figlia, la scrittrice Madame de Stael:

«Monsieur Necker, mio ​​padre, continuava a visitare il re ogni giorno, ma non gli fu mai detto nulla di importante. Questo silenzio verso il principale ministro del re era molto inquietante, in un momento in cui si vedevano truppe straniere arrivare da tutte le parti e stazionare intorno a Parigi e Versailles. Ogni notte mio padre ci diceva in confidenza che si aspettava di essere arrestato il giorno dopo; ma che il pericolo a cui era esposto il re era così grande che stabilì come regola di sembrare indifferente.

Alle tre del pomeriggio dell'11 luglio, il signor Necker ricevette una lettera dal re. Gli ordinava di lasciare Parigi e la Francia stessa, aggiungendo solo che avrebbe dovuto nascondere a tutti la sua partenza. L'opinione del barone de Breteuil era stata che Necker avrebbe dovuto essere arrestato, poiché il suo licenziamento avrebbe sicuramente provocato una rivolta. "Garantisco", disse il re, "che si atterrà rigorosamente alla discrezione che gli chiederò." Monsieur Necker fu toccato dalla fiducia che questo dimostrava, anche se accompagnava un ordine che lo mandò in esilio.

Due giorni dopo la sua partenza, quando si seppe della sua caduta dal potere, tutti i teatri furono chiusi come per un disastro pubblico. L'intera Parigi ha preso le armi. "