Un account di seance royale (1789)

Un account del Seance Royale da Jacques-Antoine Creuze-Latouche, un terzo deputato dell'Esates General:

“Prima di tutto il re ha letto un discorso che è stato seguito solo dallo stesso lugubre silenzio in cui era stato ascoltato. La gente notò che la sua voce tremava. Durante il discorso del re tutti i presenti rimasero in piedi; quando fu finito, il re diede il permesso di sedersi e sostituire i loro cappelli.

Fu letta una dichiarazione del re, contenente numerosi articoli senza alcuna introduzione. Una delle principali dichiarazioni di questa dichiarazione è che il re annulla tutti i precedenti decreti dell'Assemblea nazionale fino ad oggi, che conferma che gli ordini devono essere riuniti separatamente e non in un'unica assemblea.

Il re fece un altro discorso, che includeva varie caratteristiche favorevoli agli ordini privilegiati; furono acclamati dai deputati di quegli ordini, che subito gridarono "Vive le roi!" Ma i deputati del Terzo Stato rimasero immobili e totalmente silenziosi.

Dopo il secondo discorso del re, il Custode dei Sigilli ha annunciato la "Dichiarazione delle intenzioni del re". Costituivano il più bizzarro, il più dispotico, il più contraddittorio insieme di istruzioni mai trovato nella storia: il re annullava tutti i poteri limitati, proibiva la costituzione di qualsiasi futuro potere limitato, desiderava che la deliberazione avesse luogo per ordini, ecc. ., desiderava che tutti i diritti di proprietà fossero osservati, come decime, quote signorili, diritti feudali, ecc., e abolito mortmain (che è anche una forma di proprietà), abolito lettres du cachet (con modifiche che consentono la continuazione del loro utilizzare nel modo più generale ... In effetti, aveva redatto la costituzione da solo.Alcune caratteristiche di questi accordi che favorivano gli ordini privilegiati furono accolte da loro con grida di "Vive le roi!" mentre c'era silenzio ininterrotto e nessuna risposta dai deputati del Terzo Stato.

Il re fece un terzo discorso, dicendo che conosceva tutti i cahier, che si sarebbe dichiarato rappresentante della Nazione. Ai tre ordini era proibito dal re di tenere qualsiasi assemblea prima del giorno successivo, quando desiderava che si riunissero separatamente. Durante questo terzo discorso, la voce del re fu notevolmente alterata e generalmente si percepì che parlava con meno sicurezza. H si alzò, guardò brevemente l'assemblea silenziosa e immobile e se ne andò.

Quando il re Luigi XVI se ne fu andato, quasi tutti i vescovi, alcune delle cure e un grande partito della nobiltà si ritirarono dalla stessa porta che era stata aperta per la corte. Gli altri deputati rimasero al loro posto: si guardarono stupiti, incerti su cosa avrebbero dovuto fare e in attesa di consigli che avrebbero posto fine alla loro incertezza.

Mirabeau si alzò. Allora Monsieur de Breze, il cerimoniale del re, si avvicinò all'assemblea e pronunciò alcune parole con voce lenta ed esitante. "Più forte!" venne il grido. "Signori", continuò, "avete ascoltato le istruzioni del re."

Mirabeau rispose: “In effetti, signore, abbiamo ascoltato le opinioni che sono state rivolte al re; e voi, che non dovreste tentare di rivolgervi agli Stati generali per suo conto, voi che non avete posto qui, nessun diritto di parola, non sta a voi ricordarci le sue parole. Tuttavia, per evitare malintesi o ritardi, dichiaro che se ti è stato chiesto di farci lasciare questo luogo, dovresti chiedere il permesso di usare la forza; perché solo il potere delle baionette ci allontanerà. 'Senti senti!' gridarono i deputati con una sola voce. "