The Second Estate

seconda tenuta
Due membri del Secondo Stato vestiti in modo stravagante, intorno al 1760

Prima della rivoluzione, la società francese era divisa in tre Stati o ordini. Il Secondo Stato conteneva la nobiltà francese: gli uomini e le donne che possedevano titoli aristocratici come Duc ('Duca'), Comte ('Contare'), Vicomte ('Visconte'), Barone or Chevalier.

Una vita di privilegi

Un titolo nobiliare non era solo un titolo onorifico: conferiva anche al suo proprietario determinati diritti e privilegi. Il più notevole di questi privilegi era l'esenzione dalle tasse personali.

Non tutti i titoli nobiliari avevano lo stesso status. La nobiltà, come il clero, aveva una propria gerarchia naturale. I nobili di corte (quelli più vicini al monarca) erano i più prestigiosi. IL noblesse d'epee ("nobili della spada") guadagnavano i loro titoli attraverso il servizio militare, quindi si consideravano di maggiore importanza. IL noblesse de robe ("nobili della veste") ottenevano i titoli nobiliari per il servizio non militare, per il loro lavoro di finanzieri, amministratori, magistrati o funzionari di corte.

Anche centinaia di nobili, quasi interamente uomini, acquisirono i loro titoli venalmente, acquistandoli dalla corona anziché ricevendoli per servizio. La venalità consentiva ai membri più ricchi della Terza proprietà entrare nei ranghi del Secondo Stato. In totale, il Secondo Stato costituiva tra l'XNUMX e l'XNUMX% della popolazione.

Rappresentazioni culturali

La nobiltà nella Francia pre-rivoluzionaria è spesso descritta come un gruppo stravagante, ricco e pigro, disconnesso dalla realtà della società francese. Le rappresentazioni culturali dipingono anche la nobiltà come edonistica, indifferente o addirittura crudele.

Un esempio di questo stereotipo può essere trovato in Le relazioni pericolose (in inglese, Le relazioni pericolose), un romanzo di 1782 di Pierre de Laclos. Detto come una serie di lettere tra i principali protagonisti, Le relazioni pericolose raffigurava un'élite aristocratica che era affascinata da intrighi, manipolazione, conquista e negoziazione sessuale, che coinvolgeva altri aristocratici e gente comune.

Le relazioni pericolose conteneva diverse critiche al Secondo Stato, sia implicite che esplicite. I suoi personaggi ricchi, che avevano poco altro da fare, si impegnavano in comportamenti decadenti e immorali esclusivamente per alleviare la loro noia. I personaggi principali usano la religione in modo cinico, in particolare il personaggio principale de Valmont, che finge pietà religiosa mentre persegue sessualmente una vittima sposata. Soprattutto i nobili Le relazioni pericolose mostra disprezzo per le classi inferiori, i servi e il borghesia, mentre loro stessi contribuiscono poco o niente alla società.

Nobili ambizioni

seconda tenuta
Una rappresentazione di donne nobili francesi nel 18 secolo

Gli stereotipi perpetuati in Le relazioni pericolose erano senza dubbio vere per alcuni nobili ma non per tutti. Come gli aristocratici di tutto il mondo, un gran numero di nobili francesi erano interessati ad accumulare ricchezza ed espandere il proprio potere e la propria influenza.

Prima del 1700 era considerato umiliante per i nobili impegnarsi in qualsiasi forma di commercio o commercio. Era addirittura possibile essere privati ​​dei titoli nobiliari per aver lavorato (dérogeance).

Al tempo della rivoluzione, tuttavia, quegli atteggiamenti erano scomparsi. Molti nobili erano diventati uomini d'affari energici, capitalisti e progressisti nel loro modo di pensare. Hanno cercato di espandere e diversificare i propri interessi commerciali investendo in commercio, commercio e nuove imprese. A questo proposito, erano leggermente diversi dagli uomini d'affari del borghesia.

Per i nobili più conservatori, la loro principale fonte di reddito era la terra. I nobili più ricchi possedevano grandi tenute e le gestivano come attività commerciali. Le principali fonti di reddito per questi nobili terrieri erano gli affitti, le quote feudali e i profitti della produzione agricola.

Il hobereaux

Non tutti i membri del Second Estate erano ricchi, di successo o prestigiosi. Furono chiamati i nobili provinciali con titoli minori e piccoli possedimenti terrieri hobereaux ("vecchi uccelli"). Molti di questi hobereaux viveva modestamente in piccole tenute nelle zone rurali, in modo simile ai signorotti di campagna inglesi.

Mentre questi hobereaux avevano perso la maggior parte delle loro terre e delle loro ricchezze, conservarono i loro privilegi politici e l'esenzione dalla tassazione personale. Per la maggior parte, il hobereaux erano una classe frustrata: avevano tutta l'arroganza e lo snobismo che derivano dal privilegio, ma non avevano la ricchezza per vivere come desideravano.

Molti hobereaux risentito della rivolta borghesia che li aveva superati in terra, ricchezza e status. Alcuni incolpavano la monarchia per la loro situazione, accusando il re e il governo reale di non aver protetto la nobiltà e le loro proprietà. Alcuni membri del Secondo Stato erano completamente senza terra. Vivevano in città o paesi e facevano affidamento su investimenti, pensioni reali o sponsorizzazione di altri nobili.

“Nonostante le enormi differenze di status e ricchezza, l'appartenenza al nobile ordine conferiva a tutti gli stessi privilegi fondamentali. Alcuni erano onorifici, come il diritto di indossare una spada in pubblico, per mostrare uno stemma ... alcuni ancora erano giudiziari: il diritto di far ascoltare i loro casi in un'alta corte di giustizia, di essere esentati dalle punizioni corporali, di essere decapitati piuttosto che impiccato se ritenuto colpevole di un reato capitale. Altri erano finanziari: libertà dalla coda e dalla tassa sul sale ... Il bene più prezioso del Secondo Stato, tuttavia, era la sua fede nella superiorità morale della nobiltà: le virtù della generosità, dell'onore e del coraggio erano viste come caratteristiche del vero nobile. "
JH Shennan, storico

Venalità

Come accennato in precedenza, era possibile entrare nella nobiltà comprando una pratica chiamata venalità. I re francesi avevano spesso venduto uffici venali a ricchi cittadini comuni, come strumento per generare entrate per lo stato. Dopo un certo periodo, ai titolari di queste cariche venali venne concesso un titolo nobiliare.

La vendita di uffici venali aumentò notevolmente nel corso del 1700. Questi uffici venali non erano economici. Un ufficio minore potrebbe costare 20,000 libero mentre le cariche superiori con immediato status nobiliare superavano le 50,000 libero. Un titolo venale esonererebbe te e i tuoi discendenti da qualsiasi tassazione personale, quindi è stato un buon investimento per coloro che potevano permetterselo.

La storica Sylvia Neely stima che circa 6,500 famiglie comuni abbiano acquisito titoli nobiliari durante il XVIII secolo. La maggior parte erano commercianti che acquisivano ricchezza dal fiorente commercio imperiale francese. Altri hanno fatto fortuna con investimenti coloniali, banche e finanza o agricoltura fiscale.

La nobiltà liberale

Ironicamente, nonostante la loro posizione privilegiata in una classe segnata dall’interesse personale, alcuni membri più ricchi del Secondo Stato divennero importanti sostenitori delle idee liberali.

Diversi fattori hanno portato alla crescita di un piccolo ma vocale gruppo di nobili liberali: la modernizzazione economica, l'ingresso del primo borghesia nella Seconda Proprietà, la crescita dell'Illuminismo, l'accesso ai testi politici liberali di Rousseau e altri Filosofie la circolazione delle idee politiche britanniche e americane. Ai nobili piace Marchese de Lafayette, il duca di Noailles e Honore Mirabeau ha ricevuto un'educazione liberale e ha letto il lavoro di Illuminismo autori come Jean-Jacques Rousseau ed Denis Diderot. Nel caso di Lafayette, ha sperimentato in prima persona i successi della rivoluzione americana, servendo come aiutante di George Washington.

Questi nobili liberali sarebbero presto diventati leader di spicco della Rivoluzione francese. In molti dei paesi si possono trovare anche idee liberali cahiers de doléances ("libri di reclamo") che sono stati redatti da Second Estate e presentati al Proprietà generali in 1789. Molti di questi registri di reclami hanno richiesto una costituzione; alcuni hanno persino presentato una petizione per porre fine alle nobili esenzioni fiscali.

seconda tenuta della rivoluzione francese

1. Il Secondo Stato era uno dei tre ordini sociali della Francia. Conteneva tutti i cittadini francesi che possedevano un titolo nobiliare, sia per nascita, dono reale o acquisto venale.

2. C'erano due tipi di nobiltà: "nobili della spada", che si guadagnavano i titoli per il servizio militare, e "nobili della veste", che ottennero i loro titoli venalmente o per servizio pubblico.

3. La nobiltà francese era spesso stereotipata come pigra, decadente e amante del tempo libero, tuttavia molti lavorarono attivamente per consolidare ed espandere le loro fortune e il loro status nella società.

4. C'era una notevole diversità economica all'interno della Seconda Tenuta. Mentre alcuni nobili erano molto ricchi e potenti, ad altri piace il hobereaux viveva modestamente e esercitava il potere solo a livello locale.

5. Attraverso l'educazione, i viaggi e l'esposizione ai testi e alle idee dell'Illuminismo, alcuni nobili acquisirono idee politiche liberali e divennero importanti leader durante la prima fase della rivoluzione.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il secondo stato"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/second-estate/
Data di pubblicazione: 16 settembre 2019
Data di aggiornamento: 5 Novembre 2023
Data di accesso: 13 Giugno 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.