Seigneurialism

seigneurialism
Un disegno di un nobile signore di 1745

Il signorialismo era un sistema di organizzazione rurale e di possesso della terra utilizzato nella Francia del XVIII secolo. La base del sistema signorile, che ebbe origine dal feudalesimo medievale, era quasi interamente economica: richiedeva contadini che occupassero terre di proprietà di un seigneur per fornirgli tributi feudali e lavoro non retribuito. Questi obblighi e il sistema signorile che li sosteneva furono fonti significative di insoddisfazione e risentimento alla fine del XVIII secolo.

Origini feudali

Il signorismo francese era un sistema in parte derivato dal feudalesimo, il sistema politico, sociale ed economico dominante in Europa durante il Medioevo. Il feudalesimo medievale era un sistema gerarchico che organizzava le comunità in modo che potessero nutrirsi, rifornirsi e difendersi.

Sebbene intrinsecamente disuguale, il feudalesimo legava insieme diverse classi sociali con una serie di vincoli o obblighi. Il signore permetteva ai contadini o ai servi di lavorare la sua terra. In cambio, i contadini consegnavano al signore una parte del loro grano o del loro prodotto. Il signore condivideva anche la terra con i suoi cavalieri, che lo aiutavano a difendere il suo regno. Tutte le classi contribuivano alla chiesa con doni e decime, credendo che avrebbero facilitato le benedizioni di Dio.

Queste relazioni e impegni feudali fornirono agli europei medievali sufficiente sostentamento, stabilità e sicurezza per sopravvivere in piccole comunità durante periodi a volte pericolosi.

Emerge il signorilismo

seigneurialism
Una famiglia di contadini francesi, dipinta da Le Nain a metà degli 1600

Il feudalesimo medievale nella sua interezza si estinse in Francia prima del 1500. All’inizio del 1700, la Francia aveva un governo nazionale rafforzato e un’economia in rapido cambiamento, ma in molte aree rurali persistevano resti del feudalesimo. Questa forma diluita di feudalesimo, che gli storici oggi chiamano signorialismo, era principalmente economica e riguardava solo la proprietà e il possesso della terra.

Il fatto che alcune idee e pratiche del feudalesimo medievale continuassero ad esistere all’interno di un’economia capitalista in crescita era un anacronismo. Eppure il signorialismo era difeso dalla nobiltà francese e dalla chiesa, anche dai ricchi membri della chiesa borghesia, che speravano un giorno di diventare essi stessi signori.

Come ha affermato lo storico Jack Censer, “la società francese era una sorta di ibrido, né del tutto libera dal passato feudale né del tutto coinvolta in esso”.

“Nel 1780 un signore francese poteva riscuotere una serie di pagamenti monetari e materiali dai suoi contadini; potevano insistere affinché i villaggi vicini macinassero il grano nel mulino feudale, cuocessero il pane nel forno feudale, pigiassero l'uva nel torchio feudale; potrebbe fissare la data della vendemmia; avrebbe potuto far processare i casi locali presso il proprio tribunale; poteva rivendicare panchine particolarmente apprezzate in chiesa per la sua famiglia e indicare tombe di famiglia sotto il pavimento della chiesa; potevano godere dei piaceri proibiti ai contadini: cacciare, allevare conigli o piccioni.
John Markoff, storico

Signorilismo in funzione

Il signorialismo veniva considerato reciprocamente vantaggioso, ma la realtà è che era intrinsecamente unilaterale, con molti benefici per il signore e pochi, se non nessuno, per il contadino.

Il seigneur distribuì parti della sua tenuta in piccoli appezzamenti a individui, famiglie o piccoli gruppi. Coloro che occupavano e lavoravano le terre del signore erano soggetti a una serie di tributi feudali, tra cui il Champart (pagato in grani o prodotti) e il CENS (pagato in contanti).

Dove il sistema era più forte, il proprietario terriero poteva tenere un tribunale signorile all'interno della sua tenuta e pronunciare giudizi legali sui contadini che vivevano lì. C'erano oltre 70,000 di questi tribunali in funzione, anche se funzionavano molto raramente, alcuni non rimanevano in carica per molti anni.

signori potrebbe anche richiedere il tanto odiato corvée, che richiedeva a ciascun contadino maschio di prestare diversi giorni di lavoro non retribuito del signore propri progetti. Questo di solito assumeva la forma di lavorare la loro terra privata o riparare edifici, recinzioni, ponti o strade.

Il seigneur spesso possedeva il mulino, il forno del pane e il torchio per l'uva – tutte infrastrutture critiche in un villaggio rurale – e richiedeva pagamenti annuali per il loro utilizzo (banalités). In alcune regioni, il seigneur era l'unico autorizzato a possedere suini o bovini maschi, per i quali addebitava una tassa di monta o di allevamento.

Una posizione ambita

ponte Seigneurs sono stati nobili, anche se non è sempre stato così. Molti membri del clero e superiore borghesia acquistati signorie (proprietà feudali) nel XVII e all'inizio del XVIII secolo. Lo stato e le trappole del seigneur – la riscossione dei tributi feudali, i diritti esclusivi di caccia, un banco individuale nella chiesa locale ecc. – erano prestigiosi e molto ricercati.

Il sistema signorile è stato attaccato durante gli 1700. Molti Filosofi condannò le origini storiche dei diritti signorili, la maggior parte dei quali derivavano da idee medievali di feudo e fedeltà ma erano privi di una reale base giuridica.

Hanno anche criticato il sistema signorile per la sua disuguaglianza, sottolineandolo in alcuni signorie, i contadini esistevano come schiavi virtuali. Diversi economisti radicali suggerirono che l’economia signorile frenasse la produzione agricola. Un mercato del lavoro più aperto, sostenevano, andrebbe a vantaggio del progresso economico.

Anche le pratiche amministrative e burocratiche coinvolte nel mantenimento del sistema signorile erano estese e complesse. A differenza del Medioevo, i diritti feudali del XVIII secolo erano solitamente delineati in contratti e atti associati al possesso della terra.

Contributo alla rivoluzione

seigneurialism
Un cahier di Third Estate dei primi 1789

In che misura il signorilismo fu una lamentela critica che portò alla Rivoluzione francese? Questa domanda interessa da tempo gli storici. È difficile rispondere in generale perché i diritti signorili assumevano forme diverse da luogo a luogo e venivano riscossi in modo più rigoroso in alcune parti della Francia rispetto ad altre. I tributi signorili erano proporzionalmente più pesanti nel nord della Francia, ad esempio, che nel sud, almeno per il periodo francese. Champart ed CENS.

Nonostante questa incoerenza, l'opposizione alle tasse signorili era piuttosto diffusa in tutta la Francia. La migliore prova di ciò può essere trovata in cahiers de doléance, i libri di reclamo redatti all'inizio di 1789 per la presentazione al Proprietà generali.

Studi rigorosi di cahiers redatto dal Terza proprietà non mostrano quasi alcun sostegno al mantenimento dei diritti feudali così come erano. La maggior parte dei cahiers (55%) ha suggerito di abolire il Champart ed CENS, anche se con qualche compensazione al seigneur. Una percentuale più piccola (36%) ha suggerito di riformare o unire questi pagamenti. IL cahiers si sono opposti allo stesso modo al banalités, sostenendo che siano aboliti con (43%) o senza (40%) compensazione ai seigneur.

feudalesimo della rivoluzione francese

1. Il signorismo era un sistema di possesso della terra usato in alcune zone rurali della Francia del 18 secolo. Derivava e conteneva aspetti del feudalesimo medievale.

2. A differenza del feudalesimo medievale, che collegava le classi sociali e forniva stabilità e sicurezza in una piccola comunità, il seigneurialismo del X secolo prese la forma di un contratto di terra tra seigneur (signore o proprietario terriero) e il contadino.

3. Nelle aziende signorili, i contadini dovevano effettuare versamenti annuali al seigneurin contanti (CENS) o con prodotti (Champart). Il seigneur addebitato anche tasse per l'utilizzo di infrastrutture come il mulino, il torchio e il forno del panettiere (banalités).

4. il seigneur potrebbe anche richiedere un periodo di lavoro non retribuito dai suoi inquilini, chiamato il corvée. Molti contadini erano anche soggetti a tribunali signorili, che erano controllati dal seigneur.

5. Le quote feudali imposte dal signoraggio, sebbene non applicate uniformemente in tutta la Francia, erano tuttavia impopolari. Questo si riflette nel cahiers de doléance redatto da Third Estate all'inizio di 1789.

Informazioni sulla citazione
Titolo: 'Signoralismo'
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/frenchrevolution/seigneurialism/
Data di pubblicazione: 18 settembre 2019
Data di aggiornamento: 6 Novembre 2023
Data di accesso: 13 Giugno 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.